Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

foto copertina 8 settembrePoker d’assi per l’Italia che infila uno dopo l’altro 4 titoli e 13 medaglie nell’Artistico e nella Corsa. L’Hockey Inline batte i fortissimi cechi e vola in finale mentre l’Hockey Pista sconfitto dalla Spagna spera nel bronzo


Con oggi, 13° giorno di gare, i World Roller Games di Nanjing ’17 entrano nella fase finale che si concluderà domenica con la cerimonia di chiusura che, stando ai rumors, si preannuncia grandiosa e certamente non meno fastosa di quella di apertura.
Ma il 13, solitamente considerato un numero nefasto, non porta sfortuna all’Italia, anzi in barba e più forte di tutte le superstizioni, il nostro squadrone azzurro piazza i suoi assi anti scaramanzia e cavalca il medagliere, facendo man bassa nei 14 titoli assegnati nella giornata odierna e prenotando in anticipo un po’ di medaglie che si assegneranno nel week end.
Quattro titoli e 13 medaglie complessive sono l’incredibile bottino conquistato oggi dai ragazzi della Corsa e dell’Artistico, grazie al quale manteniamo saldo il secondo posto assoluto nel medagliere con 15 medaglie d’oro,15 d’argento e 21 di bronzo ed il primo per numero di podi complessivi.
Vediamo di seguito nel dettaglio il racconto della giornata per disciplina:

Hockey inline
Serviva la partita perfetta per battere i campioni in carica della Repubblica Ceca e partita perfetta è stata: una grande Italia batte contro ogni pronostico i grandi favoriti per 3-2 e vola in finale, dove domani alle 17.30 troverà la Francia, vincitrice per 6-0 sul Canada. Decisiva la rete a 3' dal termine del 18enne Tobia Vendrame.
Un vero e proprio miracolo sportivo quello compiuto dai ragazzi di coach Rela che nella finale di domani cercheranno di regalare il primo oro della storia nell'hockey in line al nostro paese. Anche la Francia non ha mai vinto un oro nella sua storia.
Alle 10 in campo anche la femminile per la finale 5° posto contro la Nuova Zelanda.

Hockey pista
La faticosa impresa di ieri ai rigori contro il Cile ha consentito alla squadra azzurra di raggiungere un traguardo che aspettava da Montreaux di dieci anni fa, ma oggi lo sforzo richiesto agli uomini del CT Massimo Mariotti era ancora più impegnativo: la conquista della finalissima di domani.
La posta in palio è altissima e la tensione è tangibile dentro e fuori il Longjiang Gymnasium di Nanjing.
Giochiamo contro la temibilissima Spagna, ma a questo punto incontrare Argentina o Portogallo, impegnate nell’altra semifinale, avrebbe cambiato poco. L’avversario è ostico e la partita lo conferma. La Spagna domina, vince 4-0 ed incamera la finale di domani contro il Portogallo che ha fatto fuori l’Argentina con un secco 5-0. Delusione per la squadra azzurra che domani tenta il riscatto ed il podio nella finalina contro la Francia.

Artistico
Il programma di gare odierno, che assegna quattro titoli, è un classico dei campionati di artistico e forse uno dei più attesi in assoluto dal pubblico sugli spalti e, in diretta streaming, da casa, con le gare individuali nel libero maschile e femminile e quelle delle Coppie Danza.
Al Wutaishan Gymnasium di Nanjing i primi a scendere in pista sono i campioni della gara individuale più classica. Si parte dal libero femminile, che dopo un’infinità di anni e di titoli è orfano della pluricampionessa mondiale Debora Sbei ritiratasi nei mesi scorsi ma adeguatamente rimpiazzata da una già grandissima Silvia Nemesio, oro a Novara ’16 e dall’ottima Silvia Lambruschi. Entrambe le Silvie non smentiscono i pronostici: la prima si riconferma campionessa mondiale di specialità e la seconda conquista il gradino più basso del podio. Poi è la volta dei nostri tre moschettieri nel Libero maschile: nell’ordine di Novara ’16 Luca Lucaroni, Alessandro Amadesi e Andrea Girotto. Cambia l’ordine ma non cambia il risultato con l’Italia che piazza un meraviglioso triplete: Lucaroni rimane il re della specialità e dietro a lui si alternano Girotto ed Amadesi.
Anche nelle Coppie Danza Junior saliamo sul podio con posizioni invertite rispetto allo scorso mondiale: sono secondi Edoardo Da Col/Chiara Martinotti e terzi Luca Rossetti/Alessia Orsi.
La giornata non finisce di riservarci sorprese e si chiude con le danze libere che assegnano il titolo nelle Coppie Danza Senior. E a chi poteva andare se non ad un duo italiano? Un altro trionfo azzurro con la medaglia d’oro conquistata da Daniel Morandin/Anna Remondini davanti ad Andrea Bassi /Silvia Stibilj.

Un’altra giornata in cui l’Italia ha dato scuola di pattinaggio artistico al mondo intero portando a casa 3 titoli e 9 medaglie complessive. Un bravo agli azzurri e un bravo al CT Fabio Hollan a cui va il merito, oltre all’enorme esperienza tecnica che riesce a trasmettere, di coltivare con intelligenza e continuità le nuove leve e di mantenere l’Italia sul tetto del mondo e … ancora più su!

Corsa
Seconda giornata di gare su Strada e sei titoli in palio, anche oggi alternati tra gare lunghe e di velocità, per i ragazzi azzurri scelti dal CT Massimiliano Presti che sembra azzeccarle tutte.
Il primo oro assegnato in giornata è quello della 20.000 meri con in pista Beatrice Fausti e Veronica Luciani con quest’ultima che incrementa il medagliere della Corsa andandosi a prendere una meritatissimo argento e la Fausti ottima sesta. Nel maschile il fresco due volte campione del mondo pista Daniele Di Stefano esce a metà gara per squalifica, con l’altro azzurro Gabriele Galli che, 4° e sfinito sul traguardo, sembra solo accarezzare la medaglia che invece gli arriva in extremis per una squalifica.
Poi c’è Lei, la regina della Corsa, dalla storia alla leggenda del pattinaggio! Mai la scelta di una portabandiera è stata così indovinata, quasi doverosa, e Francesca Lollobrigida non fa di tutto per onorarla, di più! Non vince, stravince la 10.000 metri punti e conquista il suo 12° titolo mondiale della carriera. Altra piccola impresa nella gara maschile di Daniel Niero che bissa il bronzo di ieri, solo 27° l’altro azzurro Mareschi.
Si chiude con la gara One lap sul giro di pista dove però non ci sono italiani in finale (Bongiorno, Bonecchi Marsili, Sargoni usciti nelle qualifiche).

Freestyle
Dopo una giornata grigia che ieri non ha visto brillare i colori azzurri, con prestazioni al di sotto delle previsioni, oggi presso lo Youth Olympic Sports Park di Nanchino il Freesyle italiano cerca il riscatto nelle quattro gare di Classic Slalom. E la ramanzina che i CT Andrea Ronco e Chiara Lualdi dovrebbero aver fatti ai ragazzi nello spogliatoio, sortisce i primi effetti. Infatti i 3 ragazzi della Junior, Lorenzo Degli Agostini (7°), Roberto Ferrari (10°) ed Enrico La Volpe (11°) si riscattano parzialmente e, tra i senior piazziamo 4 atleti tra i primi 10: Lorenzo Guslandi (4°), Valerio Degli Agostini (7°), Lorenzo De Muru (9°), Alessandro Lissoni (10°)
Domani le gare di Pair, dove siamo campioni in carica, e Battle slide.

Skateboarding
Oggi, per la prima volta della storia roller, questa disciplina – presente come nuovo sport olimpico ai Giochi di Tokyo 2020 - partecipa agonisticamente ad un campionato mondiale con le prove di qualificazione, che si tengono nella Vert Ramp all’interno dell’impianto Sport Lab di Nanjing, preludio all’assegnazione delle medaglie prevista nelle gare di domani. Passano due dei tre italiani impegnati, gli azzurri Alessandro Mazzara ed Ivan Federico, fuori Andrea Casasanta.

Come indicatore del successo sportivo internazionale di questa prima edizione dei World Roller Games Nanjing ’17 riportiamo dell’incontro tenutosi oggi tra Il Presidente FIRS Aracu ed il Ministro dello Sport dell’Ecuador e della presenza a Nanchino di una delegazione di Pesaro. Entrambi le situazioni palesano un interesse in proiezione di una futura organizzazione dei Roller Sports per il 2023. Ricordiamo infatti che la prossima edizione sarà Barcellona ’19 (oggi in proposito si è tenuta una conferenza stampa di presentazione) mentre sembra che per il 2021 i giochi siano già fatti.

Questo è il nutrito programma delle gare di domani 9 settembre
FINALI SF HOCKEY INLINE
FINALI SM HOCKEY INLINE
Finali HOCKEY PISTA
8.15 Pair slalom INLINE FREESTYLE
10.15 Battle Slide Femminile INLINE FREESTYLE
10.35 Battle Slide Maschile INLINE FREESTYLE
12.30 Women's Finals SKATEBOARDING
14.50 Battle Slide Junior Femminile INLINE FREESTYLE
15.20 Battle Slide Junior Maschile INLINE FREESTYLE
16.30 Men's Finals SKATEBOARDING
16.30 COMPETITION JUNIOR PAIRS SHORT ARTISTICO
17.15 One Lap Sprint JF CORSA STRADA
One Lap Sprint JM CORSA STRADA
17.15 COMPETITION SENIOR PAIRS SHORT ARTISTICO
17.30 FIRS Time Trial World Championship F-M INLINE DOWNHILL
18 5.000 m Relays JF CORSA STRADA
a seguire 5.000 m Relays JM CORSA STRADA
a seguire 5.000 m Relays SF CORSA STRADA
a seguire 5.000 m Relays SM CORSA STRADA
19 COMPETITION QUARTETS ARTISTICO

Sulle pagine dedicate del sito FISR e sui social federali sarà garantita la copertura integrale dell’evento con continui aggiornamenti che consentiranno a tutti gli appassionati del tricolore di conoscere in tempo reale i risultati, le medaglie ed il medagliere dei nostri azzurri.
Potrai consultare su FTP, per ogni disciplina: risultati, tabellini, comunicati stampa, foto e video interviste agli Atleti Azzurri. Per scaricarli, segui i link per disciplina
Alpine - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Alpine/
Artistico - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Artistico/
Corsa - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Corsa/
Downhill - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Downhill/
Inline Freestyle - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/InlineFreestyle/
Inline Hockey - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/InlineHockey/
Hockey Pista - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/HockeyPista/
Roller Freestyle - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/RollerFreestyle/
Skateboarding - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Skateboarding/
Foto by Marco Guariglia
Nanjing, 8 settembre 2017

logo1-fihplogo2-fihpfirsnlogo4-fihp