Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

spaccatalollo15 medaglie e tre titoli è il ricchissimo bottino dello squadrone azzurro

Fatichiamo davvero a dare la copertina di oggi e sarebbe ingeneroso scegliere uno solo dei nostri azzurri che ci hanno entusiasmato: alla giovane Pedroni che nella Corsa bissa l’oro, ai fratelli freestyler Degli Agostini che portano nella stessa casa 2 medaglie, alla nazionale dell’Hockey Inline che sfiora il primo titolo iridato, al giovanissimo Skater Alessandro Mazzara magari prossimo olimpionico, alla portabandiera Lollobrigida che vince il 13 titolo mondiale ovvero ad una delle altre medaglie o anche solo dei tanti piazzamenti, dietro ognuno dei quali c’è una storia da raccontare?
Siamo alla 14° e penultima giornata di gare dei World Roller Games Nanjing ’17, il cui epilogo come da calendario sarà sancito domani sera alle otto, ora in cui è prevista presso il Wutaishan Gymnasium la Cerimonia di chiusura, che prevedibilmente non sarà meno festosa di quella di apertura.
Ma è ancora presto per tirare bilanci visto che il calendario di oggi è probabilmente il più folto di tutti i Giochi con ben sette delle dieci discipline che compongono i WRG in gara e 19 titoli da assegnare, con l’Italia che schiera i suoi azzurri in tutte le sette discipline - Hockey Inline, Hockey Pista, Corsa, Artistico, Downhill, Inline Freestyle e Skateboarding – e, in tutte e sette, parte con l’ambizione e la reale possibilità di conquistare medaglia.
Medaglie che, a questo punto, diventano doppiamente preziose per portare a compimento entro domani la lunga “remuntada” alla Colombia per la conquista finale del medagliere, che, con i risultati di oggi, vede lo squadrone azzurro ancora al secondo posto con 17 medaglie d’oro, 22 d’argento e 27 di bronzo ed al primo se si consideriamo il numero di podi complessivi.
Prima di lasciarvi al dettaglio del racconto della giornata per disciplina, vogliamo sottolineare, senza che le altre ne abbiano a male, come oggi lo Skateboarding abbia fatto il suo debutto ai WRG lanciando la volata al lungo traguardo a cinque cerchi delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Hockey inline
Non riesce all’Italia l’impresa di entrare nella storia. Nonostante un’ottima partita ed un ottimo mondiale è la Francia ad aggiudicarsi la gara finale per 3-2. Gli azzurri erano riusciti a pareggiare dopo l’iniziale svantaggio e, sull’1.1 a creare diverse buone occasioni.
A rompere l’inerzia dell’incontro sono stati invece i transalpini con due reti ravvicinate a 5 minuti dalla fine e a nulla sono valsi i disperati tentativi dell’Italia di recuperare. L’Italia di Rela conferma quindi l’ottimo argento di Asiago ’16 ma con il dato positivo dei tanti giovani presenti a roster.
Vittoria per l’Italrosa che batte 2-1 la Nuova Zelanda e conquista il quinto posto, eguagliando il proprio record positivo.

Hockey pista
Dopo l’amara e secca sconfitta contro la Spagna che ci ha negato il sogno di un possibile oro (è stata Portogallo - Spagna la super finale, finita ai rigori con gli spagnoli che si laureano Campioni del Mondo), i ragazzi del CT Massimo Mariotti cercano di recuperare la concentrazione per affrontare al meglio la difficile sfida contro l’Argentina che vale l’ingresso sul gradino più basso del podio. Purtroppo ci dobbiamo inginocchiare alla superiorità dei sudamericani che ci negano una medaglia che manca nel palmares azzurro ormai da troppi anni. Finisce 4-2, peccato perché la squadra italiana, a tratti, ha dato l’impressione di non essere inferiore a nessuna delle avversarie e di poter ambire al podio.

Artistico
La giornata odierna dedicata essenzialmente ai Gruppi, prevede una sola medaglia, anzi quattro visto che si assegnerà l’unico titolo della giornata nella gara dei Quartetti, dove l’Italia schiera i due fortissimi gruppi dei Celebrity e dei Neovis.
A far prologo (ma non da comprimari!) alla gara, abbiamo assistito per le Coppie Artistico Junior e Senior alla prova short che, combinata con il lungo di domani, assegnerà il podio secondo la classifica che attualmente vede tra gli Junior primi Federico Calzolari/Sveva Capone e secondi Federico Rossi/Alice Esposito, mentre tra i Senior in testa gli straordinari Luca Lucaroni/Rebecca Tarlazzi, secondi Marco Garelli/Sara Venerucci e terzi Alberto Peruch/Isabella Genchi.
Purtroppo il risultato dei Quartetti italiani, che puntavano a riconfermare il titolo dello scorso anno, non è quello aspettato. Una sfortunata coincidenza fa incastrare una maledetta ruota in un lembo del vestito di una delle 4 moschettiere del Celebrity limitandone per qualche interminabile istante la performance: il quartetto portoghese vince il titolo davanti alle Celebrity el al Neovis di Roma.

Corsa
Un’Italia così non si era mai vista ad un campionato mondiale! Il lavoro fatto dal CT Presti insieme al suo staff ed ai suoi straordinari atleti ha dell’incredibile e conquistiamo alla fine tra strada e pista 8 medaglie d’oro, 8 d’argento e 11 di bronzo. Una formazione forte, compatta e soprattutto giovane che adesso mette paura anche ai colombiani.
Si parte alla grandissima con una doppietta azzurra. Una super Anais Pedroni, non contenta dell’oro conquistato due giorni fa nella 100 mt sprint, si va a prendere il titolo iridato anche nella gara sul giro del One Lap davanti alla bravissima Giorgia Bormida. Ma dal vivaio azzurro esce anche un altro frutto: Enrico Rossetto con una volata tiratissima riesce a conquistare sul filo di lana una splendida medaglia di bronzo, assegnata al fotofinish.
Poi è la volta delle 4 Americane sui 5000 mt, che da oggi sarebbe il caso di rinominarle “Italiane”. Prendiamo, nell’ordine, un bronzo con i Senior Maschi, Due argenti con le sue formazioni Junior e, dulcis in fundo uno splendido oro con le senior femmine, di cui fa parte anche la leggendaria Francesca Lollobrigida che in questi WRG porta all’Italia non solo la bandiera ma anche tre titoli, arrivando per la tredicesima volta in carriera sul tetto del mondo.

Freestyle
Cinque le gare di oggi che assegnavano il titolo con l’Italia desiderosa di mostrare finalmente il proprio valore e provare a contrastare l’enorme strapotere dimostrato finora dai freestyler asiatici. Le premesse ci sono tutte già nella gara di partenza del Pair dove schieriamo la formidabile coppia Valerio Degli Agostini/Lorenzo Guslandi, campioni del mondo in carica a Bangkok ’16. Ineccepibile la prova degli azzurri, molto meno quella dei giudici che, per la sorpresa generale assegnano ai nostri uno strettissimo 3° posto che sa tanto di beffa. Buono il settimo posto dell’altra coppia azzurra Lissoni/Ferrari.
Nelle successive gare di Battle slide junior femmine e senior maschile e femminile non abbiamo atleti in finale e riprende la supremazia asiatica. Ma quando arriva la gara degli Junior maschi, il discorso si fa diverso ed esprimiamo i migliori freestyler del vecchio continente che per un soffio non lo diventano anche del mondo! Lorenzo Degli Agostini finisce secondo, Roberto Ferrari terzo ed Enrico La Volpe sesto, per la gioia dei CT Andrea Ronco e Chiara Lualdi.

Skateboarding
Gran debutto ai World Roller Games Nanjing ’17 della disciplina che sarà alle olimpiadi di Tokyo 2020. La curiosità era tanta, nelle tribune dove era tangibile l’entusiasmo trasmesso dalle acrobazie sulla Vert Ramp, ma anche tra molti addetti ai lavori che hanno scoperto qui il fantastico mondo dello Skateboarding. I nostri azzurri in finale erano il giovanissimo romano Alessandro Mazzara, appena tredicenne ma con un futuro da campione già segnato e Ivan Federico, la cui fama ed i cui successi ne fanno uno grande star internazionale. Finiscono rispettivamente ottavo e settimo in una gara dominata dagli Usa che piazzano una doppietta. Tra le donne primeggia l’Australia, davanti ad Usa e Polonia.

Downhill
La gara di Trial apre il mondiale del Downhill e la squadra azzurra, venuta in Cina per farsi valere, mostra subito di che pasta è fatta portando a casa due preziose medaglie. Inizia tra le donne Martina Paciolla, addirittura prima dopo la 1° manche, che vince il bronzo, e prosegue subito dopo Agustin Tosetto che fa ancora meglio prendendosi un meritato argento. Gli altri azzurri in gara Amore, Vecchi, Ferrari e Bedin finiscono rispettivamente 8°, 9°, 13° e 14°.

Questo è il programma delle gare di domani 10 settembre, ultima giornata che si chiuderà la sera con la cerimonia che dichiarerà ufficialmente conclusi i World Roller Games di Nanjing 2017.

Sulle pagine dedicate del sito FISR e sui social federali sarà garantita la copertura integrale dell’evento con continui aggiornamenti che consentiranno a tutti gli appassionati del tricolore di conoscere in tempo reale i risultati, le medaglie ed il medagliere dei nostri azzurri. Guarda qui tutto il resoconto dei WRG in sintesi
Potrai consultare su FTP, per ogni disciplina: risultati, tabellini, comunicati stampa, foto e video interviste agli Atleti Azzurri. Per scaricarli, segui i link per disciplina
Alpine - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Alpine/
Artistico - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Artistico/
Corsa - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Corsa/
Downhill - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Downhill/
Inline Freestyle - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/InlineFreestyle/
Inline Hockey - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/InlineHockey/
Hockey Pista - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/HockeyPista/
Roller Freestyle - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/RollerFreestyle/
Skateboarding - ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Skateboarding/


Foto by Erika Zanetti


Nanjing, 9 settembre 2017

 

logo1-fihplogo2-fihpfirsnlogo4-fihp