Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Immagine pista reggio calabriaSi apre finalmente uno spiraglio per il futuro del pattinaggio calabrese dopo l’annullamento da parte del TAR della delibera comunale che stabiliva le tariffe altissime per l’utilizzo della Pista di pattinaggio “Pino Labate” di Reggio Calabria

Con una sentenza del 10 Aprile u.s., il TAR di Reggio Calabria si è espresso contro il comune di Reggio Calabria e a favore della Società Sportiva Calabria ASD che ha chiesto ed ottenuto l’annullamento della delibera di Giunta Comunale dell’11 aprile 2017 che stabiliva le tariffe per l’utilizzo della Pista di pattinaggio Pino Labate del Centro Sportivo Parco Caserta. “Possiamo definirla una sentenza che sicuramente chiarisce in modo definitivo al Comune di Reggio Calabria e agli Enti Gestori di impianti sportivi che le Federazioni Sportive sono organi del CONI sul territorio per la realizzazione di attività sportive e di gestione di impianti. La delibera comunale annullata dal TAR prevedeva una tariffa oraria di € 73,96 (diurno) ed di € 92,45 (notturno) contro la media nazionale di € 10,00. Nonostante il regolamento di gestione dell’impianto, per la determinazione delle tariffe, fosse chiaro, stabilendo che le stesse non dovessero essere superiori a quelle applicate dal CONI in campo nazionale, il Comune di Reggio Calabria ha interpretato erroneamente il regolamento, richiedendo cifre esorbitanti che non tenevano conto delle indicazioni della Federazione Nazionale Sport Rotellistici e del CONI Regionale.

Marisa Lanucara, Delegato Regionale FISR Calabria si è detta  soddisfatta perché con questa sentenza si apre finalmente uno spiraglio per il futuro del pattinaggio calabrese che per parecchio tempo ha visto le società sportive non poter utilizzare la loro naturale struttura sportiva, ed ha inoltre ringraziato il Presidente Nazionale Sabatino Aracu, intervenuto in passato in prima persona sulla questione, il Segretario Nazionale FIRS Angelo Iezzi, Il Presidente Regionale del CONI Maurizio Condipodero, nonché tutti i Presidenti e Delegati FIRS Regionali.


12 aprile 2018

logo1-fihplogo2-fihpfirsnlogo4-fihp