Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Hockey inline – WRG19 L'Italia maschile si ferma ai quarti: sconfitta 5-4 al supplementare contro la Francia. Domani la Slovacchia per il settimo posto

images/medium/lettera.jpg

Si ferma ai quarti di finale la corsa dell'Italia. Avanza la Francia, che vince 5-4 all'overtime una gara dai due volti: primo tempo di marca italiana chiuso sul 3-1, secondo di impronta francese con risultato ribaltato (3-4), pareggio finale di Lettera ed epilogo al golden gol. Con grande rammarico, per l'episodio sfortunato che ha deciso il mach: “Perdere per un un tiro deviato da noi, che si infila all'incrocio fa male – dice coach Rigoni – credo che i ragazzi ci abbiamo messo il cuore e avrebbero meritato di andare avanti. Va anche detto che la Francia nel secondo tempo ci ha messo in difficoltà, abbiamo cercato di gestire essendo avanti di due gol, ma loro hanno alzato di parecchio la pressione. In generale ho notato come il livello tecnico stia salendo parecchio: io sono fiducioso perchè abbiamo parecchi giovani validi, ma come movimento dovremo lavorare molto per stare al passo dei più forti”. Le speranze azzurre di medaglia sono affidate alle ragazze, che hanno sconfitto ai rigori il Canada (3-2) e domani affrontano in semifinale la Repubblica Ceca (ore 18.30)

La cronaca:

L'avvio è in salita: complice una chiamata dubbia su Delfino, la Francia ha subito l'opportunità di capitalizzare in power play. Albert non si fa pregare: dalla distanza fulmina Mai. I blues continuano a macinare gioco, ma la loro fase migliore si interrompe al nono, quando Langlois commette fallo. Il power play azzurro non è da meno: Vendrame scarica a rete di polso, lato pinza. Trascorrono pochi minuti e la scena si ripete: Langlois incappa in una seconda penalità e l'Italia in superiorità si dimostra letale. Stavolta con Delfino, ancora all'angolo alto lato pinza di Demars. Raggiunto il vantaggio gli azzurri gestiscono il gioco, coprendo bene gli spazi. Le rare conclusioni francesi sono neutralizzate senza patemi da Mai. L'inerzia a favore dell'Italia si concretizza nella rete di Munari: il suo diagonale incoccia sul palo, poi su Demars e carambola in rete. La Francia chiama time out e cambia portiere: entra Lafourcade, subito impegnato in presa di pinza da Bellini. L'ultimo sussulto transalpino del primo tempo è neutralizzato da Mai, sempre sicuro. Si va al riposo sul meritato 3-1 per gli azzurri.

In avvio di secondo tempo i francesi producono il massimo sforzo, alzando il fore-checking e complicando non poco le uscite di zona azzurre.L'Italia prova a gestire, ma viene travolta. Mai si supera in un doppio intervento. Poi è il palo a graziarlo. Alla terza grossa chance la Francia passa: Horrut conclude di polso lato pinza al termine di una veloce combinazione. E' un momento difficile: Mai di scudo deve ancora superarsi. Al 9.28 l'Italia capitola: tiro dalla distanza, Mai para, sul rimbalzo è Horrut il più lesto e dallo slot pesca l'incrocio sul lato dello scudo. Gli azzurri sono in confusione e la Francia ne approfitta per completare la rimonta e passare in vantaggio con Ladonne, letteralmente dimenticato nei pressi da Mai. Il suo appoggio in back mette fuori causa l'incolpevole portiere milanese. Rigoni chiama time-out, serve una scossa. Ci prova Vendrame, ma poco dopo arriva un altro power play per la Francia. L'Italia con un pizzico di fortuna ne esce indenne. Ristabilita la parità numerica è Barsanti a provarci da lontano. Il tempo scorre implacabile e l'Italia perde i pezzi: Rigoni, Munari e Berthod per acciacchi vari escono dalle rotazioni. Quando la partita sembra scappare via, la Francia commette un ingenuo fallo in attacco. Il power play si conferma il punto di forza dell'Italia, che pareggia con Lettera (perfetto l'assist smarcante di Ferrari) quando mancano due minuti al termine. Nel finale si trema con continui capovolgimenti di fronte, ma il risultato non cambia. Si va all'overtime. Dura poco: il diagonale di Horrut viene deviato dalla stecca di Delfino e finisce nel sette dove Mai non può arrivare. L'Italia esce dal giro che conta e terminerà la sua avventura contro la Slovacchia, domani alle 15.30 per la finale 7/8 posto.

TABELLINO ITALIA MASCHILE

FRANCIA – ITALIA 5-4 ot (p.t. 1-3)

Primo tempo: 4.03 Albert (F), 11.06 Vendrame (I), 13.55 Delfino (I), 17.53 Munari (I)

Secondo tempo: 4.41 Horrut (F), 9.28 Horrut (F), 12.02 Ladonne (F), 18.01 Lettera (I).

Overtime: 0.19 Horrut (F).

 FRANCIA: Demars (Lafourcade). Bouchut, Gabillet, Crignier, Albert, Hugo, Horrut, Mogniat Duclos, Belot, Ladonne, Langlois, Rage, Hamon, Fontanille, Renou.

 ITALIA: Mai (Facchinetti). Letizia, Calore, Berthod, Delfino, Barsanti, Bellini, Vendrame, Campulla, Lettera, Rigoni, Ustignani, Comencini, Ferrari, Munari

 

TABELLINO ITALIA FEMMINILE

 CANADA – ITALIA 2-3 d.t.r. (p.t. 1-1)

Primo tempo: 0.16 Roccella R. (I), 11.24 Jarrell (C ).

Secondo tempo: 4.00 De Rocco (I), 10.49 Kedra (C ).

Rigore decisivo: Stocker (I)

CANADA: Lasis (Fischer). Massè, Hardy, Jarrell, Sorbara, Power, Hennigan, Gutierrez, Oosterveld, Kedra, Grigg, Jaksa.

ITALIA: Biondi (Pompanin). Faravelli, De Rocco, Tartsglione, Ercolani, Speranza, Bisi, S. Roccella, R.Roccella, Di Giovanni, Guazzi, Cipriano, Piccinini, Stocker, Novelli.

Qui i roster dell'Italia senior, maschile e femminile:

http://www.fisr.it/hockey-inline/comunicati-ufficiali/category/317-2018-19.html

 Livescore ufficiale WRG19: 

www.inlinehockey.wrg2019.com

Media assets: https://bit.ly/2NgG1iz

Highlights: www.wrg2019.com/media-video/

SEGUITECI

Su Fisr.it: http://www.fisr.it/hockey-inline/news-hockey-inline.html

Facebook: https://www.facebook.com/fisritalia/

Instagram: https://www.instagram.com/fisritalia

Twitter: https://twitter.com/FISR_news

Foto di Vanessa Zenobini