Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

A Lollobrigida e Niero i titoli italiani della Maratona

images/1-primo-piano/corsa/medium/copertina_DSC_2465.JPG

E’ stato il suggestivo Autodromo di Magione, nel comprensorio del lago Trasimeno in provincia di Perugia, ad ospitare l’ultimo campionato italiano della stagione, quello della Maratona, che ha visto la partecipazione di circa 500 atleti in rappresentanza di oltre 90 società, che hanno girato più volte lungo i 2507 metri del percorso articolato tra emozionanti rettilinei, curve, tornanti e chicanes.

Si è fatto ritorno in Umbria, questa volta su un circuito allestito all’interno del rinnovato autodromo, con l’organizzazione di nuovo della A.S.D. EURO SPORT CLUB di Terni, che per la terza volta negli ultimi quattro anni ha curato un campionato italiano, segnale di un territorio appassionato alle rotelle, capace anche di esprimere nuovi campioni.
Si è gareggiato dalla mattinata molto presto - sotto gli occhi di un attento Ct Massimiliano Presti che freme per l’imminente impegno autunnale delle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires - con i primi titoli assegnati alle categorie Master femmine e maschi (vedi qui tutti i risultati), poi è toccato agli Allievi che correvano sulla distanza della ½ maratona.
La gara ha visto il gruppo a lungo compatto, con qualche accenno di fuga del Bellusco, e ai tre giri iniziano una fase di controllo in preparazione della volata finale lanciata nell’ultimo chilometro da Cremaschi, Lorello e Cannoni con Clementoni a ruota; sull’ultimo rettilineo Lorello sprinta ma Alessio Clementoni approfitta e lo sorpassa al traguardo, per una classifica finale che vede a seguire Cremaschi, Lorello, Piergigli e Cannoni. Tra le allieve, arrivate in gruppo con i maschi, Biagi lancia la volata parte con a ruota Marcantoni e Scassellati, però all’esterno viene fuori Letizia Soriani che va a vincere con Corsini a ruota che si piazza al secondo posto e terza rimane la Biagi.
Tocca poi alle donne con la solita Francesca Lollobrigida che va a conquistarsi il 46° titolo tricolore di un’immensa carriera, con una gara a sé in cui a metà circa rompe gli indugi e parte in un’incredibile fuga addirittura doppiando tutte, e va a vincere in solitaria, davanti al gruppo, con la volata che viene regolata dalla Luciani in spaccata davanti alla Bormida terza. Tra le junior si assegna il titolo in volata dopo una gara in gruppo insieme alle senior, con Edda Paluzzi che supera tutte e, alle sue spalle, la De Palma e la Bottinelli.
Tra i maschi assoluti grande prova di Daniel Niero, in un periodo di grandissima forma, che dopo l’ennesimo attacco riesce portare via la fuga insieme al solo Marsili che resiste un po’, ma dopo l’ennesima accelerazione, Niero va in solitaria, sotto una breve pioggia caduta a metà gara, a prendersi il tricolore davanti a Marsili argento e, più dietro, Bramante bronzo che in volata ha la meglio sul gruppo con Angeletti che arriva quarto. Tra gli Junior, dopo una gran bella prova in cui riescono a stare con il gruppo dei senior a tratti anche combattendo con loro, vince in casa il ternano Alessio Rossi, che in una volata a tre la spunta su Brotto e Barison.
Continua il monopolio della Mens sana in corpore sano di Siena che vince il titolo a squadre anche nella Maratona.
Puoi consultare tutti i risultati e le classifiche qui sulle pagine ufficiali del sito FISR.