Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Ad Anais Pedroni e Giuseppe Bramante la vetrina della 2° giornata degli italiani indoor Pescara ‘19

images/1-primo-piano/medium/FOTO_copertina_sabato.jpg

Dopo il riuscito battesimo di ieri con cui l’incandescente “bombonera” del Pattinodromo comunale di Pescara ha raccolto degnamente il testimone dalla monumentale “astronave” dell’Adriatic Arena di Pesaro nell’ospitare questa edizione dei Campionati italiani indoor 2019 di Pattinaggio Corsa, organizzata dalla ASD DLF Pescara con il coordinamento dell’event manager Giovanni Di Eugenio Presidente del CR Abruzzo, oggi si è entrati nel vivo della manifestazione tornata, dopo un lustro, nel capoluogo abruzzese.
Le premesse erano delle migliori dopo le emozionanti gare del primo giorno, da cui, tra interessanti sorprese e piacevoli riconferme, il CT Massimiliano Presti - presente tra gli spalti e la pista come fa sempre in queste occasioni - ha potuto trarre gli spunti giusti per lavorare sul team che passerà buona parte della prossima estate in Spagna, prima ai World Games di Barcellona per tentare nell’impresa di superare il record di medaglie iridate conquistato due anni orsono a Nanjing, e poi a Pamplona per l’Europeo, quest’anno posticipato a fine agosto, a chiusura della stagione internazionale 2019.
All’appuntamento sulla classica dei 1000 metri sprint c’erano, tranne la Lollo, praticamente tutti i big, compresi i neo podi olimpici agli YOG di Buenos Aires Giorgia Valanzano e Vincenzo Maiorca che già ieri hanno dimostrato di essere in gran forma con brillanti risultati e che si sono dovuti “difendere” dall’accesissima competizione con gli altri campioni che già vestono o aspirano alla gloriosa maglia azzurra, scesi qui a Pescara con intenti bellicosi.
Le prime vittorie della giornata sono quelle sui 2000 metri a punti in cui si mettono al collo la medaglia d’oro rispettivamente Asia Negri ASD Sport Inside SP e Cristian Scassellati della Fortitudo Pattinaggio Fabriano (doppietta di titoli per lui) per la categoria Ragazzi 12, mentre nella 3000 metri a punti categoria Ragazzi, tra le donne vince dominando la forte Giulia Presti (Roller Civitanova), figlia d’arte, mentre, tra i maschi, è Ardit Mullai della Redblack Roller Team CR a superare sul filo di lana il paripunti Manuel Ghiotto.
La serata è tutta riservata, come dicevamo, alla gara sprint sulla distanza secca del chilometro, poco meno di sei giri di pista a tutta che valgono l’oro sui 1000 mt., forse la regina delle distanze, in cui bisogna saper fondere un giusto mix di potenza, esplosività e resistenza atletica.
Qui i primi a competere sono gli Allievi, dove tra le femmine Giorgia Corsini della Pattinatori Savonesi vince l’oro, mentre, tra i maschi, è Alessio Clementoni della Pattinatori Bosica (anche per lui doppietta dopo la 3000 punti di ieri) a portarsi a casa il tricolore a questi campionati.
Davvero avvincenti anche la ultime gare di oggi disputate in una bolgia di tifo infernale, dove tra le Junior Asja Varani (Pattinatori Bosica) bissa il titolo di ieri togliendosi la soddisfazione di lasciarsi dietro la medaglia olimpica Giorgia Valanzano (Pattinatori Savonesi), mentre tra gli uomini vince quasi in solitaria Filippo Scotto (Mens Sana Siena) dominando la gara dall’inizio alla fine.
Ma l’attenzione della serata era tutta puntata sulle due gare Senior dove erano tanti i papabili al successo finale ed i risultati delle gare precedenti e delle stesse qualifiche lasciavano incerto l’esito, con i favori per la vittoria finale aperti a diversi atleti. Le donne ripetono il duello visto ieri nella gara a cronometro questa volta a parti invertite con Anais Pedroni (Roller Green Ascoli) che supera Giorgia Bormida (Mens Sana Siena) ed Edda Paluzzi (Mens Sana Siena).
Giuseppe Bramante (Mens Sana Siena), in una forma già da mondiale, va a cogliere il suo secondo titolo davanti al bravo Andrea Angeletti (Roller Civitanova) ed al giovane e promettente Daniele Di Stefano (Gruppo Cosmo Noale).
Domani si chiude con l’assegnazione dei titoli nelle classiche gare delle Americane a squadre i cui risultati, insieme a quelli di tutti i Campionati sono consultabili qui
La manifestazione è interamente visibile in diretta streaming sulla FisrTV


Foto by Artfotostudio