Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

È il Veneto ad ospitare il terzo raduno Freestyle

images/medium/Raduno_Freestyle_Bovolone_.JPG

È la provincia di Verona ad aprire le porte al terzo e ultimo raduno di visionatura per il Freestyle in attesa dei World Roller Games in programma a luglio 2019 a Barcellona. A Bovolone, ospiti della locale società di pattinaggio “Noi Team”, si sono dunque dati appuntamento atleti Junior e Senior, i primi sotto la supervisione del ct Chiara Lualdi, i secondi agli ordini del collega Andrea Ronco. “Al termine di questa terza chiamata, arrivata dopo quelle di Monza e Riccione, posso dire di essermi fatta un’idea più completa del panorama nazionale - commenta Chiara Lualdi -. Questo perchè abbiamo avuto il piacere di vedere anche giovani del Sud Italia e devo dire che qualcuno l’ho trovato particolarmente talentuoso. Con i pattinatori più piccoli, prima d’iniziare un raduno ufficiale, ci tengo a dire che devono stare tranquilli e dare il massimo, lasciando da parte la tensione. È importante metterli a loro agio, per questo specifico che si devono comportare come se si trattasse di un importante allenamento. L’aspetto positivo è che quest’anno ho potuto constatare non solo un aumento di ragazzi e di ragazze che praticano la disciplina, ma anche un livello molto alto. Questo ci dice due cose: che il Freestyle sta prendendo piede tra i giovanissimi e che le società del territorio stanno facendo un buon lavoro sugli atleti che noi visioniamo e selezioniamo”. E se fino a qualche anno fa la Nazionale italiana Junior era più forte nello Speed slalom e meno nello Style, adesso le cose sembrano essere cambiate. “Tutto il movimento è in piena crescita e il lavoro che viene fatto sui giovani poi torna utile nei Senior, come si è visto lo scorso anno sia al Mondiale, sia all’Europeo - chiude Chiara Lualdi -. Dopo i raduni, inoltre, ci prendiamo l’impegno di contattare gli allenatori delle società da cui provengono i ragazzi per riferire non solo i punti di forza di questi ultimi, ma anche dove sono più carenti in modo che ci possano lavorare e di conseguenza migliorare”. Tra circa un mese Fabrizio Lualdi, responsabile federale delle squadre nazionali di Freestyle, assieme al ct della Nazionale Junior, Chiara Lualdi, e a quello dalla Senior, Andrea Ronco, inizieranno ad effettuare le convocazioni in vista dei WRG 2019 fissando altri raduni Junior e Senior.