Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Il ct Rela lascia la guida della Nazionale Senior maschile di hil

images/medium/Cristian_Rela_.jpg

Passaggio del testimone in casa hockey inline. Dopo tanti anni di valida collaborazione, infatti, l’allenatore della Nazionale Senior maschile Cristian Rela saluta la Federazione Italiana Sport Rotellistici. Rela ha seguito gli azzurri per nove competizioni iridate ottenendo quattro argenti, di cui gli ultimi due nel 2016 ad Asiago e nel 2017 ai WRG di Nanjing in Cina. Lo scorso anno l’Italia ha chiuso all’ottava posizione il Mondiale di hockey inline svoltasi nuovamente ad Asiago. A questo punto a capo della Nazionale Senior maschile subentrerà il vice Luca Rigoni (già coach della Junior maschile) affiancato con tutta probabilità dal tecnico ed ex giocatore azzurro Denis Sommadossi. “Desidero ringraziare personalmente, e a nome di tutto il Consiglio federale, Cristian Rela per l’ottimo e prezioso lavoro svolto per il mondo delle discipline rotellistiche - sono le parole del presidente FISR e World Skate, Sabatino Aracu -. Nel ruolo di commissario tecnico della Nazionale azzurra di hockey inline, ricoperto per tanti anni con costante impegno, Rela ha raggiunto grandissimi risultati, sfiorando la vetta mondiale. Speriamo, in futuro, di poter contare ancora sulla sua disponibilità”. “È stata sicuramente una decisione sofferta, ma andava presa per una serie di motivazioni personali e lavorative - fa sapere Cristian Rela -. Sono abituato a fare le cose fatte bene, quest’anno non avrei avuto il tempo necessario per seguire una Nazionale come avrei voluto. Ci tengo a ringraziare chi mi ha aiutato in questi nove anni, i giocatori e la Federazione italiana, ma non chiudo le porte per eventuali collaborazioni future”.