Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Playoff Serie A: Gara 1 di Finale è del Milano

images/medium/Playoff_Serie_A_-_Gara_1_di_Finale_è_del_Milano_19-05-2019.jpg

Playoff Serie A: Gara 1 di Finale è del Milano. Un powerplay formidabile e una difesa sempre attenta consentono al Quanta di portarsi sull’1-0 nella serie. Martedì si replica sulla pista del Vicenza.

Nessun ribaltone. Milano vince e convince in gara 1, facendo sue tutte le statistiche e tutti i parziali in cui si può suddividere una partita di hockey: superiorità numerica col 100% di efficacia (4 goal in 4 powerplay), inferiorità numerica con efficacia al 100% (zaro goal subiti nei 4 penalty killing), primo tempo chiuso avanti sul 4-1 e partita “a casa” col 6-2 sul tabellone del Quanta Village. Detto questo, i Diavoli devono uscire da gara 1 con la convinzione (comunque mai mancata nemmeno alla vigilia della Finale) di potersela giocare fino in fondo perché, peggio che in gara 1 non le potrà, francamente, andare.

Milano gioca praticamente il “perfect game” partendo subito a razzo ed andando a spegnere sul nascere qualsiasi sortita offensiva dei vicentini, il dictat di Luca Rigoni, coach dei Campioni d’Italia, è facilmente leggibile: Vicenza va “presa subito” fin dalla propria metà campo e non le va lasciato impostare alcuna azione (special guest il “faro” biancorosso Zerdin) a cui non viene letteralmente lasciato il tempo di alzare la testa che è già “puntato” da un paio di avversari che sembrano “radiocomandati” sul n.21 sloveno. Il ritmo forsennato imposto dai padroni di casa getta nella confusione gli ospiti che vedono poco il disco e sono “costretti” spesso al fallo; se Milano, dicevamo, è in gran serata, non si può dire lo stesso del goalie dei Diavoli Andrea Alberti che argina “come può” le offensive del Quanta ma sicuramente non lo fa in linea con le ultime, solidissime, uscite.

Banchero (1.56), Munari (9.58) e ancora Banchero (14.46) sparano 3 dischi alle spalle dell’istrionico portiere cortinese in forza al Vicenza in altrettante superiorità numeriche prima che sia Rossetto, alla prima apparizione in campo della terza linea berica, a sorprendere (18.50) un Mattia Mai fino a quel momento praticamente perfetto, anche in occasione della superiorità numerica di Vicenza per fallo di Mai su Simsic che stava per insaccare a porta vuota.

Il filo conduttore della gara comunque non cambia con Milano che chiude Roffo e compagni nella propria zona difensiva e in una nuova superiorità (fuori Testa) è ancora capitan Banchero, in gran spolvero, a bucare Alberti (21.58) dalla parte del biscotto per il 4-1 che manda tutti negli spogliatoi.

Al rientro Angelo Roffo, evidentemente accortosi della serata “normale” del suo primo portiere, manda fra i pali il giovane Michele Frigo e per il goalie della ultima medaglia azzurra ai mondiali junior c’è subito gran da fare sulle incursioni di Ferrari, Banchero e Munari. Dall’altra parte del campo Vicenza spreca due superiorità numeriche (alla fine sarà 0 su 4) grazie anche alla ottima serata di Mai e Milano ne approfitta per allungare con Ronco che, inserito nelle rotazioni al posto di uno spento Alessio Lettera, si fa trovare alle spalle di tutti e, su ottimo “disco lungo” di Barsanti, insacca a porta vuota dopo aver messo giù Frigo con una finta da sniper “consumato”. Vicenza reagisce trovando la rete con l’ex Delfino (costantemente al centro delle critiche e degli sfottò dei tifosi rossoblù) ma il cronometro è dalla parte dei rinoceronti rossoblù che vedono il traguardo di gara 1 a soli 5 minuti. Una penalità per proteste alla panca del Milano (all’allenatore Luca Rigoni) concede un altro powerplay a Loncar e compagni ma non è serata, Vicenza prova anche la carta dell’uomo in più richiamando Frigo in panchina ma su un disco intercettato a metà pista è Belcastro (un motorino inesauribile per tutti e 50 i minuti) a farsi beffe dei difensori ed insaccare la  porta sguarnita per il 6-2 che sigilla il risultato di questo primo atto della Finale.

Milano vince netto, ma Vicenza sa che deve cancellare tutto in fretta e pensare al secondo round (Vicenza, martedì 21 Maggio ore 20.30) in cui sarà certamente tutta un’altra gara. Poco ma sicuro.

Gara 2 di Finale sarà visibile in diretta streaming su Fisr Tv.

 

Risultati e programma della Finale Scudetto:

Gara 1: Sabato 18.05 Milano Quanta - Diavoli Vicenza 6-2

Gara 2: Martedì 21.05 - h 20.30 Diavoli Vicenza - Milano Quanta

Gara 3: Giovedì 23.05 – h 20.30 Milano Quanta - Diavoli Vicenza   

Ev Gara 4: Sabato 25.05 - h 20.00 Diavoli Vicenza - Milano Quanta 

Ev Gara 5: Mercoledì 29.05 - h 20.30 Milano Quanta - Diavoli Vicenza

Milano conduce la serie di Finale Scudetto 1-0

 

Così nelle semifinali:

Milano ha vinto la serie vs Verona per 3-0 (4-0; 2-5; 1-5)

Vicenza ha vinto la serie vs Padova per 3-1 (9-8 dts; 3-4 dts; 8-1; 7-5)

 

 

SEGUITECI: 

Risultati in tempo reale: http://hockeyinline.fisr.it/

Web TV: Youtube (Hockey Inline FISR)

Su Fisr.it: http://www.fisr.it/hockey-inline/news-hockey-inline.html

Facebook: https://www.facebook.com/fisritalia/

Instagram: https://www.instagram.com/fisritalia

Twitter: https://twitter.com/FISR_news

 

 

Credit foto Carola Fabrizia Semino