Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Campionato Europeo U16/U18: l'U18 chiude al 5° posto, mentre l'U16 termina 4ª.

images/medium/Euro16-18_2019_-_Domenica.jpeg

U18, buona prova con la Gran Bretagna, conquistato il 5° piazzamento. Beffa finale per l'Under 16 con la Svizzera, niente bronzo

L'Italia di coach Cintorisupera la Gran Bretagna per 5-3 al PalaRobaan in una gara da cardiopalma e conquista quindi la quinta posizione.

Match scoppiettante sin dalle prime battute nonostante la posta in palio non sia altissima. Cintori e i suoi vogliono concludere questo europeo con una vittoria e ciò è evidente non appena il puck tocca il suolo per la prima volta. Gli azzurrini, infatti, attaccano a testa bassa e creano tante occasioni. Le marcature dunque non tardano a sbloccarsi proprio in favore dei locali, che trovano l'agognato 1-0 con Degano, che sfrutta al meglio il primo Power Play a disposizione del Blue Team. Come un vero e proprio fulmine a ciel sereno, però, i britannici rispondono al fuoco e alla prima incursione puniscono Bortoli portandosi sull' 1-1. Al 12' Italia nuovamente in vantaggio grazie a Zampieri, ma pochi secondi dopo i Leoni d'oltremanica pareggiano ancora i conti con un contropiede da manuale dell'hockey. Il primo periodo si conclude quindi sulle ali dell'entusiasmo, con altre due segnature, una per parte, le quali portano il risultato sul 3-3 prima del riposo. A portarsi in vantaggio questa volta sono gli ospiti, con una “volata” di McBean che si conclude con il puck nella rete azzurra. Soli 5 secondi dopo però arriva la chirurgica conclusione di Forte che riporta il tutto in parità. È nella seconda parte di gara in ogni caso che il reparto offensivo nostrano dà fuoco alle polveri segnando le reti del poker e della “manita” finale a firma di Carron e Rigoni.

Sempre al PalaRobaan si è giocato poi il match da cardiopalma tra Svizzera e Italia. Veramente una gran bella partita questa, che ha visto gli azzurrini cadere solo negli attimi finali per 2-3, facendo svanire quindi il sogno del bronzo. Sfida tiratissima anche perché si lotta per il podio, seppur per il gradino più basso. Ciò si traduce in campo con un leggero stallo nei minuti iniziali, con le due compagini che si studiano attentamente senza osare in modo eccessivo. Ci pensano però gli elvetici a rompere il ghiaccio, segnando il goal dell'1-0 con Greuter che apre le danze. Da qui gli svizzeri si difendono molto bene, con gli azzurrini che provano a scardinare la scatola difensiva ospite a più riprese, ma invano, complice un grande ordine dei ragazzi di Lutz. La foga offensiva della formazione di Zurek costringe alla lunga i biancorossi a commettere vari falli, i quali regalano due Power Play agli italiani. Entrambi vengono sfruttati alla perfezione, tanto che i padroni di casa pareggiano prima i conti con Masiero al 17', per poi ribaltare il risultato a soli 26 secondi dalla fine con la stoccata vincente di Zerbato, che regala il 2-1 ai suoi prima di andare a riposo. Gran cinismo quello dei ragazzi di Zurek, che rispetto al match di ieri con la Francia sono stati bravi a sfruttare al massimo le occasioni a loro disposizione. Il secondo periodo si apre sulla falsa riga del primo, con le due squadre che puntano molto sul tatticismo. Le reti rimangono infatti inviolate fino a metà tempo, quando i biancorossi cercano e trovano il 2-2 con il solito Greuter, il quale sigla una gran doppietta al culmine di una progressione micidiale condotta per vie centrali. Gli ultimi istanti di gara sono veramente di fuoco dunque, con molti capovolgimenti di fronte, i quali trovano il loro apice emozionale nei 5 minuti finali. L'Italia rimane infatti in Penalty Killing per tutto quel tempo. Con gran resilienza gli azzurrini resistono per ben 4 minuti e 20”, ma a soli 40 secondi dalla fine arriva la beffa finale, con Greuter che sigla la tripletta che vale il bronzo. Veramente una doccia fredda per Zurek e i suoi, che comunque macchia relativamente un europeo giocato a buoni livelli e, soprattutto, con tanta grinta e determinazione. Un buon punto da dove ripartire!

MATCH DI OGGI DELL'ITALIA

Italia – Gran Bretagna 5-3 (Finale 5°/6° posto, U18)

Italia – Svizzera 2-3 (Finale per 3°/4° posto, U16)

CLASSIFICA UNDER 18

-Medaglia d'oro: Repubblica Ceca 

-Medaglia d'argento: Slovenia 

-Medaglia di bronzo: Francia

-Quarta classificata: Finlandia 

-Quinta classificata: ITALIA

-Sesta classificata: Gran Bretagna

-Settima classificata: Svezia

-Ottava classificata: Belgio

CLASSIFICA UNDER 16

-Medaglia d'oro: Repubblica Ceca 

-Medaglia d'argento: Francia 

-Medaglia di bronzo: Svizzera

-Quarta classificata: ITALIA

-Quinta classificata: Slovenia 

-Sesta classificata: Gran Bretagna 

-Settima classificata: Belgio

 

SEGUITECI: 

Su Fisr.it: http://www.fisr.it/hockey-inline/news-hockey-inline.html

Facebook: https://www.facebook.com/fisritalia/

Instagram: https://www.instagram.com/fisritalia

Twitter: https://twitter.com/FISR_news

 

Credit foto Vanessa Zenobini e WSE Media Team