Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Un tavolo di lavoro permanente tra FISR e Lega Hockey per il futuro dell'hockey su pista

Federazione Italiana Sport Rotellistici e Lega Italiana Hockey Pista si sono incontrate a Roma nei giorni scorsi (*) per meglio definire il rapporto di collaborazione avviato nei mesi precedenti. All'incontro erano presenti il presidente FISR Sabatino Aracu, il consigliere Federale Paolo Centomo, il segretario generale Angelo Iezzi, il coordinatore della commissione di settore hockey pista Marcello Bulgarelli, il presidente della LIHP Enrico Stevan e il tesoriere Franco Girardelli.
L'irrompere del problema coronavirus ha subito messo alla prova la volontà di cooperare per il bene della disciplina e la decisione presa dalla FISR, prima tra tutte le federazioni italiane, di sospendere tutti i campionati fino al 3 aprile, ha trovato immediato riscontro nella LIHP e dalla maggior parte dei club italiani.

Nel corso della riunione si è deciso di costituire un tavolo permanente di lavoro tra Federazione e Lega attraverso il quale favorire il massimo coinvolgimento dei club su alcuni temi cruciali quali la definizione delle norme per l'attività, la comunicazione, lo sviluppo futuro della disciplina; e che nei prossimi giorni dovrà affrontare il tema spinoso e complesso del futuro di questa stagione . 

"Riscontro con piacere un clima di confronto costruttivo -ha detto il presidente FISR Sabatino Aracu- Per la Federazione è certamente un dato positivo poter contare sulla collaborazione dei massimi club di hockey su pista che rappresentano il meglio di questa disciplina, soprattutto in momenti come questo in cui occorre intervenire con decisioni straordinarie e molto difficili. Riteniamo che il coinvolgimento delle società rappresenti un punto imprescindibile per delineare al meglio le azioni future".
"All'incontro di Roma abbiamo percepito una reale volontà di ascoltare le istanze dei club -ha detto il presidente LIHP Enrico Stevan- che ha avuto immediato riscontro nella fase critica che si è aperta a causa del Coronavirus. La Federazione si è dimostrata attenta alle richieste avanzate non solo dalla LIHP, ma anche da altri club, ed ha saggiamente sospeso i campionati. Siamo pronti a proseguire su questa strada di condivisione e collaborazione sia su questa vicenda, che sulle scelte che riguardano il futuro dell'hockey su pista".

(*) l'incontro si è svolto prima della comparsa del coronavirus sul territorio italiano.