Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Chi Siamo

La Federazione Italiana Sport Rotellistici, con sede a Roma in viale Tiziano 74, gestisce e promuove le attività rotellistiche in Italia sotto l'egida del C.O.N.I. Tramite le associazioni affiliate, i Comitati Regionali e le Delegazioni Territoriali è presente su tutto il territorio nazionale.

Per lo svolgimento dell'attività internazionale aderisce alla World Skate e alla C.E.R.S. (Confédération Européenne de Roller Skating). Presidente è l'On. Sabatino Aracu, che guida anche la Federazione internazionale.

Il movimento rollersport italiano è ai vertici mondiali nelle diverse discipline e la F.I.S.R. è da sempre una della Federazioni che contribuisce maggiormente al medagliere complessivo del C.O.N.I. Oltre 50.000 tesserati, circa 1000 società sportive, centinaia di migliaia di amatori: sono questi i numeri di un movimento costantemente in crescita per la ricchezza della sua "proposta" e per la capacità di soddisfare le richieste di un'utenza molto eterogenea per età, estrazione sociale, localizzazione geografica, interessi.

Alle discipline sportive tradizionali, pattinaggio artistico, pattinaggio corsa, hockey pista, hockey inline, skiroll, negli ultimi anni si sono aggiunte specialità particolarmente amate dai giovani come il freestyle skating, lo skateboarding, il downhill , l'Inline Alpine e il roller Derby che consentono un approccio allo sport semplice e diretto, a volte anche in mancanza di organizzazioni e strutture sportive dedicate.

I Valori

"La Federazione Italiana Sport Rotellistici si prefigge di promuovere, sviluppare, organizzare e dsciplinare nel territorio nazionale le attività sportive rotellistiche, sia per i normodotati sia, di concerto con il Comitato Italiano Paralimpico, per i disabili. Le attività hanno carattere agonistico, non agonisticoed amatoriale...".

Questo dicono le carte federali, ma al di là dei dettami statutari la F.I.S.R. rappresenta soprattutto un mondo di valori fortemente condivisi, principi etici ispirati all'olimpismo in cui tutti si riconoscono. Negli impianti utilizzati dalle società sportive, così come sui campi di gara, si percepisce la forza della tradizione di un ambiente abituato a primeggiare sulle piste di tutto il mondo ed al contempo la capacità di guardare al futuro con una progettualità sempre viva.

Le differenti peculiarità delle discipline roller, l'eleganza connaturata fortemente al pattinaggio artistico, il dinamismo adrenalinico che esprimono le gare di corsa, i valori tipici degli sport di squadra che hockey pista e hockey inline incarnano in modo mirabile, la freschezza e l'appeal sui giovani delle nuove specialità "street" e "urban", non sono motivo di divisioni interne, costituiscono anzi il valore aggiunto della Federazione.

Su questo substrato si inserisce l'apporto fondamentale delle Società affiliate che, nel solco della migliore tradizione del modello italiano dello sport, garantiscono lo slancio e la forza di un volontariato che ha saputo evolversi verso un approccio professionale alle dinamiche sportive.

valori3 big

valori2 big

valori1 big

valori4 big

Il pattino, dal mito alla storia

Non è improprio affermare che la genesi del pattino ha il respiro lungo della storia, un percorso che affonda le sue radici in tempi molto lontani da noi. Nel V millennio a. C. l'invenzione della ruota, per meglio dire l'uso moderno di uno strumento che concettualmente esisteva da sempre, determinò una serie di elaborazioni successive dovute all'ingegno e alla creatività dell'uomo che hanno fortemente caratterizzato usi e costumi di tante popolazioni.

Ma dalla prima ruota evoluta dei Sumeri ai moderni pattini in linea, l'aspirazione di fondo non è cambiata: agevolare l'uomo nei trasporti e negli spostamenti, rendendoli più veloci e meno faticosi.

Se agli albori della storia veniva impiegata sostanzialmente per movimentare mezzi trainati da animali, la declinazione moderna della ruota può ben essere rappresentata dai roller, sempre più spesso utilizzati come risposta efficace al traffico cittadino, un mezzo di locomozione veloce, economico, non inquinante, facilmente "parcheggiabile".

Non a caso adottato per la sua versatilità anche da numerosi corpi di polizia in diverse nazioni. Le discipline sportive rotellistiche si concretizzano come rappresentazioni metaforiche di questa insopprimibile necessità dell'uomo di spostarsi in modo rapido e autonomo e si sviluppano a partire dalla fine dell'800 con l'evoluzione tecnologica di attrezzi che avevano già fatto comunque la loro apparizione fin dal secolo precedente.

Dopo una lunga serie di tentativi più o meno riusciti, marchingegni improbabili che rivisti ora nelle stampe d'epoca provocano quasi tenerezza e "solidarietà" nei confronti dei malcapitati che li calzarono, il primo pattino moderno può essere considerato quello che l'americano James Leonard Plimpton brevettò nel 1863: due coppie di ruote parallele in legno di bosso fissate al telaio con molle di gomma che consentivano di curvare, in pratica il concetto di base dei pattini tradizionali che ancora oggi si utilizzano nell'artistico e nell'hockey. Il nuovo attrezzo ebbe subito un grande successo commerciale, il pattinaggio divenne un fenomeno di costume come opportunità ludica del tempo libero, le piste di pattinaggio costituirono in molte città i centri di aggregazione sociale più importanti del periodo.

mito1

mito2 big

mito3 big

mito4 big

Hockey e Pattinaggio, dal gioco allo sport

Questa attività che appassionava una moltitudine di persone in tutto il mondo, si sviluppò verso la fine dell'800 in discipline sportive differenti che man mano vennero codificate e regolamentate. La FIRS (Fédération Internationale de Roller Sports) fu fondata nel 1924 e nel 1936 a Stoccarda si insediarono i tre comitati tecnici incaricati di redigere le norme per le gare di corsa, hockey pista e pattinaggio artistico.

Sempre nel '36 a Stoccarda si disputò il primo Campionato Mondiale di hockey a rotelle, mentre l'anno successivo Monza ospitò il primo Campionato Mondiale di pattinaggio corsa. L'artistico celebrò la sua prima rassegna iridata a Washington nel 1947 anche se da tempo si svolgevano competizioni di questa disciplina in molte delle nazioni affiliate alla FIRS.

hockey1 big

hockey2 big

hockey4 big

hockey3 big