Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Gruppo Gamma Sarzana corsaro a Giovinazzo in una gara piena di emozioni

Vittoria sofferta del farm team dell’ Hockey Sarzana che si impone con il risultato di 5 a 4 sulla difficile pista di Giovinazzo, dimostrando un grande carattere, nonostante la giovanissima età del roster rossonero e una crescita costante dal punto di vista tecnico e di squadra. Con la tripletta di Matteo Pistelli, capitano e trascinatore della formazione di Giovanni Berretta, la doppietta del gioiellino Matteo Cardella e con un portiere Thomas Mechini classe 2015 che sfoggia una prestazione da veterano i rossoneri mettono a segno un successo importantissimo, tre punti strameritati contro un avversario non certo agevole e in un clima infuocato.
“Mi sono emozionato tantissimo, sono stati strepitosi, vincere al Palapansini di Giovinazzo ha sempre il suo fascino, si torna da questa trasferta più carichi di prima, anche se siamo consapevoli che poi arriveranno tempi duri». Il Presidente Corona non sta più nella pelle nel dopo partita: “Ci credevo, avevo visto i ragazzi in palla tutta la settimana, sono veramente soddisfatto per i tre punti conquistati questa sera, abbiamo messo alle spalle momenti difficili, giocatori infortunati, dando una prova di grande maturità. Questa sera dopo che i locali si sono portati sul 5 a 4 a tre minuti dalla fine e noi con soli tre uomini in pista per l’espulsione di Pistelli – continua il Presidente – non ci siamo disuniti, avremmo potuto essere travolti dai Giovinazzesi che sono una buona squadra, oltretutto sospinti da un pubblico numeroso e caloroso. Anche in questa gara di serie A2, come in altre occasioni in serie A1 in questo campionato, ha vinto il gruppo, perchè se non hai un grande gruppo non si vince a Giovinazzo in trasferta. Dobbiamo continuare a lavorare a testa bassa, ora dobbiamo crederci, dobbiamo provare a conquistare sei punti nelle prossime due partite e a quel punto credo che potremmo giocare la sfida contro il CGC al Vecchio Mercato liberi di testa.”
È stata forse l’emozione dell’esordio per tutti i giovani atleti in pista unici veterani Antonio Turturro e Vincenzo Bavaro per i pugliesi e Matteo Pistelli per la formazione rossonera, nel vedere occasioni sprecate da una parte e dall’altra e tantissimi ingenuità. Del resto anche i cartellini blu fioccati nel corso della partita a carico di tutte e due le compagini possono testimoniare il nervosismo della prima sul palcoscenico della A2 per quasi tutti gli atleti in pista.
Ma veniamo alla cronaca della gara mister Pino Marzella, si presenta al Palapansini con l’organico al gran completo e schiera il suo starting-five titolare con Antonio Turturro e Bavaro assieme alla coppia d’attacco composta dal giovanissimo Paolo Colamaria e De Bari con Dangelico a difesa della porta e a disposizione il Di Lillo, Cannato, Angelo Turturro, D’Avanzo e il secondo portiere Tommaso Colamaria. Giovanni Berretta risponde con Mechini, Rispogliati, Pistelli, Cardella, Pezzini. Si comincia, e il cronometro non ha ancora segnato 11 secondi che, su un primo affondo con una splendida azione personale, Pistelli si beve tutta la difesa pugliese e mette la sfera alle spalle di Dangelico. La partenza ad handicap inficia e non poco lo sviluppo della gara dei padroni di casa e prima che Giovinazzo possa organizzarsi in una reazione di una certa concretezza, il capitano Matteo Pistelli all’ 8’,44” sfodera ancora il suo magico tocco, trovando il raddoppio su una combinazione di contropiede sfruttando un delizioso assist di Ungari. Reazione veemente del Giovinazzo e sale in cattedra Mechini, capace di effettuare una serie di interventi decisivi. Al 12’ e 19” espulsione di Cannato per un aggancio su Pistelli, si incarica della battuta lo stesso Pistelli ma trova sulla sua strada un super Dangelico che para e poi si supera in diverse occasioni nel power play susseguente lasciando la sua porta inviolata. Appena finita la superiorità numerica la formazione di Berretta trova la terza rete con un missile di Cardella che si insacca alla sinistra di Dangelico. Giovinazzo in barca e Sarzana che butta al vento una miriade di occasioni un po’ per la sprecisione degli avanti rossoneri un po per i miracoli di Dangelico. A 3’ minuti dal termine il Sarzana trova la quarta rete ancora con una botta dalla distanza di Cardella. Il suono della sirena chiude la prima frazione di gioco con il punteggio di 4 a 0 a favore di Gruppo Gamma Sarzana.
Nel secondo tempo è tutta un'altra musica, nello spogliatoio mister Marzella deve aver ben arringato i suoi, tanto che è il Giovinazzo a dettare i tempi di gioco. Passano poco più di quattro minuti e in venti secondi i pugliesi riaprono la partita al 4’,12” i rossoneri perdono palla in attacco e lasciano la difesa sguarnita si invola verso la porta sarzanese Paolo Colamaria che arrivato in area scarica la palla su D’Avanzo libero in area che mette la sfera alle spalle di Mechini, 23 secondi dopo Rispogliati si fa rubare palla in uscita da Di Lillo che si invola tutto solo davanti a Mechini e lo trafigge portando il parziale sul 4 a 2. Al 5’,50” decimo fallo dei Sarzanesi e tiro di prima per i padroni di casa, si incarica della battuta D’Avanzo che batte Mechini. Partita riaperta e Sarzana in difficoltà, Mechini sfoggia almeno due interventi degni di nota, al 12’,50 fallo di Antonio Turturro che costa il cartellino blu all’esperto difensore Giovinazzese si incarica della battuta del tiro libero Pistelli che batte Dangelico e porta il risultato sul 5 a 3. Pioggia di cartellini al 14’,12” ne fanno le spese Paolo Colamaria per un fallo a centro pista e poi per reciproche scorrettezze Pezzini e Angelo Turturro. Pistelli si fa parare il tiro diretto da un super Dangelico che poi tiene in partita i pugliesi con una serie di parate strepitose. Al 4’,49” dal termine fallo ingenuo di Alessandro Ungari che viene punito con il cartellino blu si incarica della battuta D’Avanzo ma Mechini è strepitoso, para il tiro e poi si esalta nel susseguente power-play sino al 2’,36” dal termine quando è Pistelli a finire sotto le forche caudine dell’arbitro, anche per lui cartellino blu e ancora D’Avanzo alla battuta che fa secco Mechini e riapre la partita per un finale di gara che diventa una bolgia. La squadra tira fuori carattere e orgoglio e al resto ci pensa un super Mechini. Il suono della sirena finale è una liberazione e sancisce la vittoria dei ragazzini terribili di mister Berretta.
Da segnalare l’esordio del secondo portiere Andreoni Mattia ad appena 14 anni compiuti. Prossimo incontro Domenica 1 Novembre alle ore 18,00 al Centro Polivalente contro il Castiglione.