Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Il mister del Sandrigo Vanzo: "Dobbiamo continuare a lavorare. Testa al Valdagno"

La battuta d'arresto con il Bassano è ormai alle spalle. Il Sandrigo ha ripreso le sedute di allenamento con la testa proiettata al terzo derby consecutivo in programma sabato prossimo al PalaLido di Valdagno. Non sarà una trasferta facile per Cacau e compagni, i quali andranno a sfidare una formazione che vorrà riconfermarsi nelle zone alte della classifica come nella passata stagione. Nuovo tecnico per i veneti con l'arrivo di Diego Mir da Breganze: il coach argentino ha portato in biancoazzurro anche il figlio Manuel, giovane interessante che vede la porta con facilità. Ritorno a Valdagno anche per Davide Piroli, il quale si va ad aggiungere ai confermati Cocco, De Oro, Brendolin, Centeno e al portiere Sgaria. Il colpo dell'estate è però il 21enne Matias Sillero, arrivato in punta di piedi ma che sta dimostrando di essere un talento su cui è valsa la pena scommettere. I prossimi avversari sono ancora imbattuti e guidano la classifica in coabitazione con il Bassano, dopo aver vinto largamente a Follonica nello scorso weekend. Per il Sandrigo sarà importante non replicare la prima frazione negativa di qualche giorno fa, per giocarsi le proprie carte e non presentarsi come vittima sacrificale.
Mister Vanzo torna sulla prestazione con il Bassano: "È stato un Sandrigo sottotono che ha sbagliato l'approccio nel primo quarto d'ora di partita: loro sono stati bravi a sfruttare le occasioni avute nel primo tempo e a colpire nel momento giusto. Dobbiamo continuare a lavorare al meglio cercando di vendere cara la pelle anche a Valdagno. Dispiace giocare un derby senza pubblico, soprattutto per me che ho passato otto anni positivi in questa società. Dovremo essere bravi a non concedere loro tanti spazi dato che affrontiamo una squadra in salute che fa delle ripartenze la sua arma migliore. La loro forza è l'atteggiamento difensivo, considerato che hanno uno dei portieri più forti d'Italia oltre a buone individualità. Nelle prossime due trasferte cercheremo di recuperare i punti persi in casa, per dimostrare che la sconfitta contro il Bassano è solo un episodio nel percorso di crescita che stiamo facendo".

Ufficio Stampa Sandrigo Hockey