Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Cover FISR ITALa giornata di oggi, completamente dedicata al Classic Slalom ha visto i nostri ragazzi combattere fino in fondo su un terreno difficile che non perdona e non aiuta.

Gli Junior maschi scendono in pista per primi con Enrico La Volpe, Roberto Ferrari e Lorenzo Degli Agostini.
Tutti e tre presentano run con un buon livello tecnico, combo interessanti e una buona sincronia con le musiche scelte. Qualche sbilanciamento e imprecisione li deconcentra, ma i tre azzurrini non demordono e portano a termine le loro run con tenacia e decisione. Enrico termina all’11° posto, Roberto al 10° e Lorenzo al 7°. Loro sono i primi 3 europei in una top ten quasi interamente occupata da Cina e Cina Taipei.

Per le Senior donne scende in campo solo Cristina Rotunno nei turni preliminari di qualifica e non accede alla finale nonostante un’esibizione pulita. Nella classifica finale ottiene il 19° posto.

I nostri Senior maschi sono agguerriti, concentrati e lottano con tutte le loro forze per contrastare la supremazia asiatica. Apre la gara Alessandro Lissoni con una manche grintosa e pulita, che presenta combo ben eseguite.
Lorenzo Demuru macchia la propria run con qualche sbavatura nei 50 ma si riprende e esegue il resto della sua esibizione con precisione. Ottengono rispettivamente il 10° e il 9° posto.
Valerio Degli Agostini è molto concentrato alla partenza. Purtroppo però uno sbilanciamento in apertura lo distrae e non riesce a riconquistare la concentrazione necessaria per eseguire trick e combo in modo preciso tra i coni. Termina al 7° posto.
L’ultimo a partire per gli italiani è Lorenzo Guslandi, che presenta una run molto tecnica ed espressiva allo stesso tempo. Esegue in modo molto pulito le difficoltà previste dal suo programma ed unisce elementi di coreografia ricamati sulla musica. Purtroppo, rimane ai piedi del podio ottenendo il 4° posto.

logo1-fihplogo2-fihpfirsnlogo4-fihp