Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Partenza col botto per gli azzurri del Freestyle agli europei di Barcellona

images/1-primo-piano/foto_sito.jpg

Non potevano iniziare in modo migliore i campionati europei di pattinaggio Freestyle per il fortissimo team azzurro dei CT Andrea Ronco e Chiara Lualdi, arrivato in quel di Barcellona con l’obiettivo di migliorare i brillantissimi risultati ottenuti lo scorso anno a Busto Arsizio.

Siamo arrivati in terra catalana con i favori del pronostico e non abbiamo smentito le aspettative. Con un uno-due micidiale partiamo col botto e ci lanciamo al comando della classifica per nazioni davanti a tutti, russi compresi.
Già perché nella prima gara della giornata, quella dello slalom classic femminile, sembrava esistesse solo la squadra russa, con l’ “occupazione” quasi militaresca delle prime cinque piazze e con la nostra brava Francesca Pettinari, alla fine sesta, ad interrompere l’egemonia delle ex sovietiche. Su tutte ovviamente la divina Sofia Bogdanova che incanta la platea catalana ed inanella l’ennesimo titolo mondiale assoluto che conquista consecutivamente dall’età di 11 anni.
E’ stato un falso allarme, un brevissimo quanto subitaneo fuoco di paglia perché, tempo un paio d’ore, arriva il riscatto dello squadrone azzurro che conquista, una dietro l’altra, ben 6 medaglie di cui 3 d’oro nelle gare slalom, pair slalom e jump.
Ma andiamo al passo coi tempi e partiamo con la gara slalom senior maschile. Qui il podio è tutto azzurro con uno splendido triplete: Valerio Degli Agostini si conferma, da anni, il più forte d’Europa e si prende il primo meritatissimo oro, davanti al compagno di squadra e di gara Lorenzo Guslandi terzo un ottimo Nicholas Santoni.
Non c’è tempo per gioire perché si riparte subito dopo con la gara del pair slalom. E chi potevano essere i campioni uscenti se non loro, la coppia micidiale, il formidabile duo Degli Agostini-Guslandi? Valerio e Lorenzo non se lo fanno ripetere e si riprendono anche quest’anno il tetto d’Europa con una gara magistrale dove non ce n’è per nessuno: dopo il titolo mondiale di Arnhem in Olanda arriva anche quello europeo di Barcellona, un anno davvero indimenticabile per la coppia lombarda!
Terza gara e terzo titolo continentale di fila, e relativo tripudio nel team azzurro, con il grande Gianmarco Savi che salta meglio di tutti nella gara del free jump e si mette al collo una pesantissima medaglia d’oro salendo un gradino sul podio dopo l’argento dello scorso anno.
Si chiude una prima giornata piena di soddisfazioni per la nostra nazionale, sabato si riparte con la convinzione che gli uomini di Ronco potranno fare ancora grandi risultati. Forza azzurri!