Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Il Mondiale termina con l’Italia che conferma la leadership dei WRG 2017

images/13_10_2018_COVER_X_FISR.jpg

Si chiude il sipario su questi intensi ed emozionanti Campionati Mondiali di pattinaggio. Dal 3 al 13 ottobre hanno sfilato sulla pista di di Vendéspace, al Parc de Beaupuy di Mouilleron-Le-Captifle, circa 1500 pattinatori provenienti da 32 Nazioni. La Francia ha dunque ospitato la 63° edizione della competizione iridata dove l’Italia ha confermato la leadership ottenuta lo scorso anno ai World Roller Games di Nanjing. La Nazionale azzurra del CT Fabio Hollan torna a casa con 13 medaglie d’oro, 13 d’argento e 8 di bronzo. Seconda posizione a medagliere per Spagna, terza per Usa. Il prossimo anno i Mondiali di Pattinaggio si svolgeranno a luglio a Barcellona, in Spagna: la sede designata per la seconda edizione dei World Roller Games. 

COPPIE JUNIOR E SENIOR. Podio per due terzi azzurro nelle quattro Coppie Junior in gara. Medaglia d’oro per Alice Esposito-Federico Rossi e argento per i compagni di squadra Gioia Fiori-Francesco Mascia. Terminano il podio gli Stati Uniti con Annika Bullok-Chance Becker. Tra i senior standing ovation per la coppia dei campioni mondiali già in carica Rebecca Tarlazzi-Luca Lucaroni. I due hanno confermato la loro leadership non solo nelle Coppie, ma anche nei rispettivi singoli. Chiudono il podio con il tricolore Sharon Giannini-Matteo Rizzo e Isabella Genchi-Alberto Peruch, rispettivamente secondi e terzi. 

QUARTETTI. Molto intenso il programma del quartetto italiano Neovis, vincitore della medaglia d’oro. L’esibizione, intitolata “L’inizio della fine”, raccontava a ritroso la storia di una vita; anzi, il motivo della sua fine. Secondo il quartetto portoghese completamente maschile: The project con “I ragazzi sono tornati”. Un  simpaticissimo ritorno agli anno ’90, alle boy band e alle loro esplosive coreografie. Medaglia di bronzo ancora per l’Italia con il quartetto Celebrity e la coreografia dal titolo “La canzone del vento”. Le elegantissimi pattinatrici azzurre hanno ben reso l’idea racchiusa nella frase “Ti manderò un bacio nel vento e ti sentirò, ti girerai e non mi vedrai, ma io sarò lì”.

GRANDI GRUPPI. Tra gli 11 gruppi in gara emergono quelli spagnoli con il primo e il secondo posto. Si conferma campione mondiale il gruppo Cpa Olot con “Senza scelta” : la vita a volte non ti lascia decidere. Seconda posizione per i connazionali iberici Cepa Girona con il programma dai titolo “Sono qui”, riprendendo il famoso fumetto “Dov’è Wally?”, e infine terzi gli italiani Royal Eagles con “Un oceano di ricordi”, sulle note del famoso film “Titanic”.

I Campionati Mondiali si sono chiusi con le premiazioni dell'ultima giornata e uno spettacolare gala che ha coivolto tutti i campioni del mondo delle diverse discipline. 

Foto di Raniero Corbelletti