Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

WRG 2019 CORSA Gli Azzurri del CT Presti chiudono il mondiale su pista conquistando altre 5 medaglie

images/1-primo-piano/medium/copertina_Corsa_9_luglio_.jpg

E’ mancato solo l’oro agli azzurri del CT Massimiliano Presti in questi campionati mondiali su pista che chiudono il primo capitolo dell’avventura italiana in terra catalana per il World Roller Games Barcellona 2019.
Il clima è tornato ad essere infuocato sulla pista di Front Maritin ma nonostante il forte caldo la giovane squadra italiana ha saputo mantenere la giusta concentrazione e dimostrare il proprio valore, specie sulle distanze lunghe, inanellando ben cinque medaglie che sommate alle tre di ieri offrono un risultato complessivo del gruppo assai soddisfacente.
Quattro 10.000 metri di fila e quattro medaglie che raccontano di un Italia in cui accanto ai campioni più esperti stanno esplodendo nuovi giovani talenti, coltivati in un vivace vivaio su cui il settore tecnico sta investendo molto.
Così nei 10 km ad eliminazione junior Giorgia Valanzano conduce una gara intelligente con la collaborazione della compagnia Laura Peveri, finita 8°, e conclude con un buon terzo posto, a cui dalle Olimpiadi ci ha ormai abituati, forse penalizzato da una leggera scivolata all’ultima curva. Altrettanto bene fanno Gabriele Cannoni e Riccardo Lorello che, nonostante siano al primo anno junior, scendono in pista con una mentalità già da senior e, con una gara di squadra ben orchestrata, conquistano rispettivamente il terzo ed il quarto posto.
Tocca poi all’attesissima gara a punti eliminazione femminile con tanta aspettativa verso la nostra Francesca Lollobrigida, che combatte testa a testa con le colombiane per tutta la prima metà della gara, ma alla fine, vuoi per il caldo, vuoi per i postumi della dolorosa caduta di ieri e vuoi per il ritmo infernale della vincitrice Viveros, si deve accontentare dell’argento, con un buon 11° posto di Sofia Woolaway.
Nei 10.000 mt uomini è buono il gioco di squadra azzurro, con il giovane e promettente Daniele Di Stefano che fa il gregario finendo 20° ma dando un prezioso contributo al podio di Daniel Niero che gestisce bene tutta la gara finendo ottimo terzo.
Si passa poi alle 500 mt junior con gli azzurri che mancano solo il podio, sfiorandolo appena, tra le femmine, con Asja Varani quarta e Gaia Lissandron 11°, mentre tra i maschi Filippo Scotto finisce 5° ed Elia Fasolo 8°.
A chiusura tocca ai mille senior, e mentre tra le donne Giorgia Bormida non entra in finale finendo decima, Duccio Marsili fa una gara grandissima che varrebbe l’oro se davanti non avesse quel mostro sacro di Bart Swings che dopo mezz’ora d’orologio di una faticosissima vittoria nei 10.000 mt trova la forza per dominare anche il km.
Guarda qui tutti i risultati della giornata http://www.worldskate.org/wrg2019/results-wrg2019/category/624-results.html
Naviga qui sulle pagine dedicate del sito World Skate http://www.worldskate.org/wrg2019/disciplines/disciplina/108-Speed.html per consultare tutte le informazioni e gli approfondimenti sulla Corsa e segui qui la diretta tv http://www.rollergames.tv/ in streaming delle gare.

 

In copertina foto by Erika Zanetti