Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

La corsa si prepara all'Europeo di Pamplona. Al via lunedì 26 agosto

images/medium/Europeo_Corsa_Pamplona.jpg

Dopo i WRG di Barcellona dello scorso luglio, la corsa ritorna in Spagna e più precisamente a Pamplona. Non succedeva dal 1994. Così, dopo il successo dei Mondiali (che si sono conclusi con 17 medaglie: 4 d’oro, 4 d’argento e 9 di bronzo), l’Italia si prepara ad affrontare un’altra importante sfida: i Campionati Europei delle categorie Youth, Junior e Senior. Da lunedì 26 agosto a domenica primo settembre, dunque, gli azzurri sono chiamati a dare il massimo. E a parlare della Nazionale, arrivata qualche giorno fa nel capoluogo della comunità autonoma della Navarra, è proprio il ct azzurro della corsa Massimiliano Presti: “Appena arrivati siamo andati a conoscere la pista, successivamente sono iniziati gli ultimi allenamenti di avvicinamento all’Europeo. Qui a Pamplona c’è una bella rappresentativa italiana, si respira un’ottima aria fatta di serenità e concentrazione. Inoltre considerato che l’obiettivo principale stagionale, ossia il Mondiale, ce lo siamo lasciati alle spalle, abbiamo deciso di dare spazio a numerosi giovani atleti. Il cambio di categoria, infatti, avverrà entro un mese con l’inizio della stagione 2020 fissato il primo ottobre; era giusto metterli alla prova considerato che incarnano il futuro della nostra Nazionale”. Dello stesso avviso anche il responsabile del settore tecnico corsa, Antonio Grotto: “Abbiamo una Nazionale giovanissima, tanti atleti sono al primo anno di categoria per cui ci aspettiamo un campionato di passaggio e di esperienza. Molti ragazzi iniziano a Pamplona un percorso che dovrebbe portarli al 2022, ossia al Mondiale in casa. Era dal 2012 che l’Italia non ospitava una competizione iridata, all’epoca il Mondiale si tenne nelle città di Ascoli e di San Benedetto del Tronto”. “Storicamente abbiamo come punto di forza le gare di fondo e abbiamo da poco iniziato una riorganizzazione del settore velocità, dunque potremmo vedere qualcosa di buono già a partire da questo Europeo - chiude Grotto -. Ma siamo in casa degli spagnoli che dallo scorso anno brillano nella velocità, quindi non sarà semplice concretizzare con risultati”. 

 

Per conoscere i nomi dei convocati in maglia azzurra dal ct Presti QUI

Per informazioni sul programma dei Campionati Europei, sugli ordini d’ingresso in pista e sui risultati QUI