Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

L'Italia non sbaglia contro la Svizzera: vince 7-2 e si prende un meritato bronzo

images/1-primo-piano/hockey_pista/medium/DSC_2855.jpg

Per l'hockey su pista italiano arriva una medaglia di bronzo all'Europeo U17 di Torres Vedras. La squadra di Tommaso Colamaria torna sul gradino più basso del podio, dopo il quarto posto di Correggio 2018, grazie al successo per 7-2 contro la Svizzera nell'ultima partita del girone finale. Una partita che gli azzurri hanno condotto fin dall'inizio, incrementando il punteggio nella ripresa e controllando la gara senza particolari problemi. Non era affatto scontato dopo la sconfitta per 3-0 contro il Portogallo e, soprattutto, dopo il tracollo di ieri sera contro la Spagna.
Gli azzurrini hanno invece affrontato la partita con grande concentrazione, concedendo pochissimi spazi agli elvetici e mettendo subito in chiaro le cose con le reti in apertura di Montauti (mattatore della gara con un bel poker) e di capitan Borgo. Colamaria, che ha iniziato la gara con Bruni, Borgo, Montauti, Cardella e Maldini, ha alternato in pista tutti gli uomini a sua disposizione, compreso il portiere valdagnese Fongaro entrato nella seconda parte della ripresa. Una gestione delle enrgie che ha consentito all'Italia di tenere sempre alto il ritmo e di non lasciare spazio di manovra alla Svizzera, vera sorpresa di questo europeo, capace di scalzare la Francia dal girone finale.
La partita ha preso la sua piega definitiva ad inizio ripresa con il 3-0 siglato da Montauti, seguito dopo una manciata di secondi dal 4-0 firmato da Cardella. La Svizzera ha tentato una reazione trasformando un rigore con Devittori, ma due reti in 29" ancora a firma di Montauti (su assist di Borgo e Cardella rispettivamente) hanno messo la parola fine al match. Prima della sirena finale, sono arrivati i gol di Cardella (assist di Borgo) e la seconda rete della Svizzera ancora con Devittori.
Il titolo è andato alla Spagna, che si conferma così campione d'Europa della categoria dopo il successo dello scorso anno a Correggio. La sfida decisiva, quella tra Portogallo e Spagna, è terminata 1-1, con il Portogallo che ha pareggiato a 30" dalla fine, ma che avrebbe avuto bisogno di un successo pieno per strappare il titolo continentale. Le due squadre hanno chiuso il girone finale a pari punti, ma la Spagna ha accumulato una differenza reti di +13  contro il +11 del Portogallo.

ITALIA-SVIZZERA 7-2 (primo tempo: 2-0)
MARCATORI: 3.52 Montauti, 5.24 Borgo. Nella ripresa: 2.22 Montauti, 2.35 Carella, 3.18 Devittori, 4.49 e 5.18 Montauti, 9.35 Cardella, 11.47 Devittori.
ITALIA: Bruni, Cardella, Montauti, Fanton, Cabiddu, Borgo, Bangert, Caroli, Maldini, Fongaro. All. Colamaria.
SVIZZERA: M.Iseli, Disly, Käslin, Niclass, Bigiotti, Bühler, Graf, Gonzalez, Devittori, J.Iseli. All. Faustino.
ARBITRI: Cardoso e Rainha (Portogallo).

PARTITE DELL'ULTIMA GIORNATA (Sabato 7 settembre)
Gruppo 1°/4° posto
Italia-Svizzera 7-2
Spagna-Portogallo 1-1
Classifica: Spagna e Portogallo 7, Italia 3, Svizzera 0. Spagna prima per migliore differenza reti (+13 contro +11)
(Spagna e Portogallo una partita in meno)
Gruppo 5°/9° posto
Francia-Inghilterra 5-1
Germania-Andorra 6-4
Classifica: Francia 12, Germania 9, Inghilterra 6, Andorra 3, Israele 0.

CLASSIFICA FINALE
1° classificata - Oro - Campione d'Europa - Spagna
2° classificata - Argento - Portogallo
3° classificata - Bronzo - Italia
4° classificata - Svizzera
5° classificata - Francia
6° classificata - Germania
7° classificata - Inghilterra
8° classificata - Andorra
9° classificata - Israele

CREDIT FOTO: Marzia Cattini