Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Hockey Inline, entra nel vivo il Progetto Federale “Talento 2025”

images/1-primo-piano/medium/Immagine_talento.png

Con l’inizio della seconda fase entra nel vivo il Progetto Federale “Talento 2025” voluto dalla Commissione tecnica federale Hockey Inline ed elaborato dal Responsabile SIRI HIL Marco Bellini.
Nel corso della prima parte di “presentazione e condivisione”, durata circa 7 mesi percorrendo l’intero territorio italiano e con la collaborazione dei comitati regionali FISR, sono state presentate le tre grandi componenti del progetto denominate le “3C” (Condivisione, Collaborazione e Competenza) ed è stato fatto un minuzioso censimento sull’attuale mondo Hil italiano dal quale emergono tre dati principali:
1. Un decremento nel numero dei praticanti in attività agonistica.
2. un trend opposto all’interno del movimento femminile, che negli ultimi anni ha praticamente raddoppiato il numero di tesserate.
3. La presenza sul territorio nazionale di una grande attività amatoriale/ludico/ricreativa che riguarda più regioni.
Da questi giorni il progetto si avvia alla seconda fase, quella della “ formazione degli staff regionali” per poi proseguire con la terza fase, quella, sul campo, della “selezione degli atleti ed atlete”, che andrà ad ottimizzare il lavoro che gli staff delle squadre nazionali affronteranno dal mese di maggio 2020.
Investire nella formazione è la mission che la Federazione si è data per riportare linfa vitale alle associazioni sportive che necessitano di un concreto aiuto per riuscire a sopravvivere alle mutate condizioni socio/economico/burocratiche degli ultimi anni.
Oltre alla formazione, occorrerà modulare l’intervento del settore tecnico nella formulazione di norme e campionati per quelle attività che riguardano il Progetto a livello regionale, proporre iniziative per lo sviluppo della disciplina affinché le società possano trovare meno ostacoli nell’accedere alle istituzioni scolastiche, infine la creazione di attività ad “hoc” che tengano nella giusta considerazione le necessità non solo delle “società strutturate”, ma anche di tutte quelle realtà che praticano l’hockey a livello ricreativo.
Il nuovo programma di incontri, relativo alle fasi due e tre del Progetto, prevede un'unica parola d’ordine “correre”, senza però lasciare per strada nessuno!