Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Terza di campionato: da cardiopalma solo la sfida fra Real e Ferrara. Goleade di Milano, Vicenza, Padova ed Asiago

images/medium/CFS_7975_Fisr.jpg

I Warriors vincono all’overtime sul difficile campo di Torino ma rischierebbero la “beffa-bis per un giocatore fuori regola. In B l’Edera prima batte i Castelli Romani e poi perde (ai rigori) con la CV Skating. Modena regola i Mammuth con un netto 6-1.

Il weekend di A e B regala più “scorpacciate” di goal che partite equilibrate: in serie A è combattuta solo la gara di Torino, che Ferrara vince all’overtime ma potrebbe perdere a tavolino venisse recepito il reclamo del Real. In serie B gli Snipers la spuntano ai rigori sull’Edera che comunque incassa 4 punti dal weekend laziale avendo battuto, sabato, i Castelli Romani.  Milano, Vicenza, Asiago e Padova “rullano” rispettivamente Monleale, Cittadella, Piacenza e Verona. La classifica vede al comando appaiate (da sole) Quanta e Diavoli. 

SERIE A. Risultati simili nei due derby veneti programmati alle 18, sia Vicenza che Padova infatti riescono ad indirizzare gli incontri fin dalle prime battute per poi attenersi alla “normale amministrazione” del risultato.

Il Padova scende a Verona con il chiaro proposito di smuovere la classifica e, già nei primi 5’, mette in discesa la gara portandosi sul 3-0. Verona ci capisce davvero poco e al 14mo le reti sono già 6 con Pernigo costretto ad avvicendare Massimi e Del Villano tra i pali dei gialloblù. Nella ripresa ancora Padova a dominare ma Verona decide saggiamente di giocare più accorto in fase difensiva e, su una ripartenza, trova la rete con Bernardoni prima che Carron e Rossetto fissino il risultato sul definitivo 1-8. << Partita tra due squadre con obiettivi differenti – analizza Sabaini a caldo-  e non era certamente questa partita che dovevamo vincere, ma ci eravamo ripromessi di combattere ugualmente anche se così è stato solo per il secondo tempo. Da queste situazioni dobbiamo cercare di crescere per non incappare negli stessi errori. Ora cercheremo di prepararci al meglio per la prossima anche se sarà molto difficile anche sul campo dell’Asiago>>.Al difensore scaligero fa eco il “furetto” padovano Elia Calore << Siamo partiti subito forte segnando 3 gol nei primi 5 minuti, questo ci ha permesso di giocare più in tranquillità e poi  segnare altri tre gol prima dell’intervallo. Nel secondo tempo Verona ha reagito ed infatti il parziale di frazione è stato “solo” di 2 a 1 in nostro favore. Ovviamente nel primo tempo avevamo già ipotecato la vittoria e l’incontro è terminato 8-1 senza ulteriori emozioni >>.

Risultato molto simile (7-1), ma gara completamente diversa in quel di Vicenza fra i padroni di casa dei Diavoli ed il Cittadella. Le squadre si affrontano apertamente e giocano entrambe un hockey molto piacevole con la differenza che i berici la “buttano dentro” al contrario dei granata di Pierobon fra le cui fila è evidentissima la mancanza di un vero e proprio bomber “alla Delfino” che, manco a dirlo s’incarica di aprire le danze e sbloccare il match dopo 7 minuti di gara. Cittadella spreca due powerplay e rimane in gara anche grazie alle parate del concretissimo Belloni che però nulla può sulle invenzioni di Loncar che, su assist di Roffo, ottimizza gli schemi dei diavoli in superiorità numerica portando i suoi sul 3-0 che viene arrotondato dalla giocata di Zerdin che manda le squadre al riposo sul 4-0. Nella ripresa la rete di Grigoletto rianima gli ospiti e accende gli animi di una gara che diventa spigolosa e difficile da gestire anche per gli arbitri. Vicenza comunque amministra e arrotonda notevolmnete con Dal Ben al 41mo prima che siano ancora Delfino e Roffo a sigillare il 7-1 di fine gara. Ecco le impressioni del goalie biancorosso Michele Frigo: << E’ stata una partita che si è rivelata probabilmente più dura di quel che ci aspettassimo. Siamo stati bravi a gestire il risultato nel primo tempo e a passare indenni alcune inferiorità; abbiamo sfruttato i power play, mettendo a segno 3 goal in pochi minuti che ci hanno aiutato a mettere una seria ipoteca sul risultato e sulla vittoria finale >>. Vicenza mantiene così la vetta della classifica mentre Cittadella incassa la prima sconfitta stagionale in campionato e commenta così la gara per tramite di Sica: << Siamo partiti con la consapevolezza che avremmo affrontato forse uno dei più forti avversari di questo campionato e questo ci ha motivato per iniziare la partita al massimo delle nostre capcità. Infatti, sebbene si sia andati sotto dopo un paio di penalità, il primo tempo lo abbiamo giocato abbastanza alla pari. Nel secondo periodo il nervosismo, dopo alcuni goal meritati dal Vicenza e qualche fatto sgradevole, ci ha fatti mollare ed il risultato ci penalizza oltre i nostri reali demeriti. In ogni caso spero che questa partita possa darci la giusta motivazione per lavorare meglio nei prossimi allenamenti >>.

In quel di Torino è gara vera, nonostante un campo al limite della praticabilità per l’alto tasso di umidità all’interno dell’impianto di Trecate messo a dura prova dalla incessante pioggia di questi gironi. Il Real trova il vantaggio con Perazzelli ma O’Shaughnessy impatta praticamente subito battendo Del Vecchio. Meirone ed Ottino firmano l’allungo dei padroni di casa ma sono Veronese e capitan Pistellato ad impattare prima del riposo. Nella ripresa, per la prima volta nel match, è Ferrara a mettere il naso avanti con Weger prima che sia Corio a firmare il nuovo pareggio che resiste fino alla sirena. Nell’overtime è Ballarin, su assist dell’americano Weger a regalare l’extrapoint ai Warriors. Non c’è pace però per gli estensi in quanto la vittoria potrebbe essere vanificata dal reclamo del Real che contesta la posizione irregolare di Mazzarol che, visto l’annullamento della gara di Coppa Italia, non avrebbe scontato tutte le giornate di squalifica imputategli dal Giudice Sportivo alla fine della stagione scorsa. In settimana ne sapremo di più;  intanto sul match queste le impressioni di Castagneri (Real): <<Con Ferrara abbiamo giocato una partita equilibrata, abbiamo tenuto un bel ritmo per tutta la durata dell’incontro. Nel supplementare abbiamo fatto un errore più di loro, il risultato parla chiaro ma è sempre difficile giocare in quei minuti. In squadra ci teniamo tutti a fare molto bene e questo mezzo passo falso non ha variato la nostra determinazione nel raggiungere questo obiettivo stagionale >> Pistellato (Ferrara): << Partita combattuta, alla nostra portata ma purtroppo messa a dura prova da qualche penalità di troppo e da un campo a mio avviso impraticabile date le pozze di acqua sparse qua e là. Sinceramente non capisco perché gli arbitri non abbiano sospeso l’incontro, sono caduti persino loro in più di una occasione! >>. 

Partite senza storia quelle giocate a Milano ed Asiago con Quanta e Vipers a dominare su Monleale e Piacenza. Al Quanta Village passano i vantaggio gli ospiti ma poi si scatenano i meneghini e dalle parti di Peruzzi “grandina” senza sosta tanto che il portierone toscano dovrà abbandonare il campo, sfinito, dopo qualche minuto del secondo tempo. Le doppiette di Ferrari e Lettera, unite al goal di Banchero, spingono i rossoblù sul 5-1. Monleale fa quel che può ma il divario è davvero troppo come conferma Marco Oddone: <<Sapevamo in partenza che sarebbe stata una partita veramente difficile in quanto la squadra da battere, ormai da diversi anni, è proprio Milano. L’abbiamo impostata cercando di ottenere il massimo profitto dalle ripartenze in contropiede ma non abbiamo sfruttato le occasioni che ci sono capitate. Nessun rammarico, viste alcune pesanti assenze abbiamo lasciato spazio a nuovi giovanissimi innesti provenienti dal vivaio. Devo dire che hanno affrontato la sfida a testa alta e si sono fatti valere >>. Milano non toglie il piede dall’acceleratore e porta il divario fino al 10-1Questa la fotografia sul match di Luca Rigoni, tecnico dei campioni d’Italia: << La partita non è mai stata in discussione, noi abbiamo tenuto un buon ritmo per tutta la gara e solo un ottimo Peruzzi ha fatto sì che il divario non fosse molto più pesante. Sono soddisfatto della prestazione dei miei perché hanno pattinato con intensità e attenzione anche a risultato ampiamente acquisito come avevo chiesto loro in previsione della partita di sabato prossimo contro Ferrara>>.

Partita a senso unico anche ad Asiago dove Piacenza si presenta senza gli innesti Lilli e Podda. I Vipers, ancora senza Berthod, sbloccano il match praticamente alla prima conclusione verso la porta di Cipriano e, salvo il pareggio di Sironi in powerplay, gestiscono dal primo all’ultimo minuto il disco trovando la via del goal con relativa facilità. All’intervallo il tabellone dice 5-2, alla sirena finale sarà un 10-3 che vede la tripletta del giovane Pertile (“classe” 2000), la doppietta di Schivo e arancioneri in rete con altri 5 giocatori diversi. Per Piacenza doppietta di Christian Sironi e rete di Astolfi. Questa l’impressione sul match di Cipriano: << Come ben si sa, in casa di Asiago è sempre molto dura; durante la partita siamo riusciti a costruire poche azioni incisive e devo ammettere che Asiago ha dominato tutta la partita. Ad un certo punto abbiamo deciso di fare un gioco più difensivo per fermare le folate dei Vipers. Cercheremo comunque di imparare dai nostri errori >>. Per gli asiaghesi questa la impressione di Simone Basso: << Abbiamo fatto una bella partita con un buon ritmo anche se in qualche occasione siamo stati macchinosi e anche prevedibili. Pian piano stiamo assimilando nuovi sistemi di gioco sia offensivi che difensivi e queste sono le occasioni giuste per rodarli. Abbiamo molte potenzialità, sta a noi riuscire a metterle assieme e migliorare sempre più >>.

Serie A – I risultati della 3a giornata (sabato 23 novembre): 

Diavoli  Vicenza - Cittadella HP: 7-1 (4-0)

Cus Verona  - Ghosts Padova: 1-8 (0-6)

Real Torino - Ferrara Hockey: 4-5 (3-3;  4-4)

Milano Quanta - Monleale Sportleale: 10-1 (4-1)

Asiago Vipers - Lepis Piacenza: 10-3 (5-2)

La classifica dopo 3 giornate: Milano Quanta e Diavoli Vicenza 9 punti;  Real Torino 7punti;  HP Cittadella 6 punti;  Asiago Vipers 5 punti; Monleale, Ferrara e Ghosts Padova 3 punti; Cus Verona e Lepis Piacenza 0 punti

 

SERIE B –Tre le gare in programma, con l’Edera chiamata al doppio impegno in terra laziale e i Mammuth attesi dalla trasferta in quel di Modena. 

Per la truppa di Florean, orfana di Sotlar, una vittoria nella gara di sabato contro i Castelli Romani maturata nel secondo tempo grazie alle doppiette di Sorrenti e Degano. Per Castelli Romani a segno Terelle e Giannini.

Sempre sabato, in quel di Modena, nulla da fare per i Mammuth Roma che andati in trasferta in formazione ultra ridotta (6 giocatori di movimento + il goalie Pieralli) hanno potuto ben poco contro i canarini dell’Invicta. Tre reti per tempo per la squadra di capitan Colazzo (autore di una doppietta) che potevano essere ben di più se non fosse stato per un Pieralli particolarmente ispirato tra i pali dei romani. 

Nel big match di domenica, in quella che sembra poter essere la sfida promozione di questa stagione, partita equilibratissima fra CV Skating ed Edera che vede gli ospiti prima sotto per 2-1 e poi avanti fino al 3-5 che sembrava poter regalare i 3 punti a Frizzera e compagni ma un finale particolarmente concitato ha permesso agli Snipers di giocare in doppia superiorità per oltre 2 minuti e impattare il match nell’ultimo minuto. Nel supplementare nulla di fatto anche a causa delle pessime condizioni del campo (scivolosissimo) e squadre che praticamente “non giocano” fino ai rigori dove è Valentini l’unico a segnare e portare in dote ai suoi il punto aggiuntivo. Per i laziali abbiamo raccolto le dichiarazioni di Novelli: << Ci aspettavamo una gara difficile e come da risultato è stata una partita combattuta fino all’ultimo secondo. Nonostante si sia finiti sotto di due goal e qualche scintilla di troppo, siamo riusciti a rimanere lucidi e pareggiare portando la gara ai rigori, dopo un overtime “nullo”. Trieste ha fatto una grande partita ma la prestazione del nostro portiere è stata davvero impeccabile! >>.

Nel prossimo turno, finalmente, tutti in pista anche nel campionato cadetto.

Serie B – Il programma della 2a giornata (sabato 23 novembre): 

Castelli Romani – Edera Trieste: 2-5 (1-1)

Invicta Modena – Mammuth Roma: 6-1 (3-0)

Anticipo della 4° giornata - (domenica 24 novembre)  

CV Skating – Edera Trieste: 6-5  (2-2, 5-5)

La classifica:Edera Trieste (3) punti 7; Invicta Modena (2) punti 4; Torre Pellice (1) 3 punti; Legnaro (1), Civitavecchia (1) e Forlì (1) 2 punti; Tergeste. Tigers (1) 1 punto; Mammuth Roma (2) e Castelli Romani (2). 0 punti

(gare giocate)

 

SEGUITECI

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV:  https://bit.ly/31EwLqs  o  Youtube 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX

Instagram: https://bit.ly/31JJXdo

 Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF

 

 

Credit foto Vanessa Zenobini – Carola Fabrizia Semino - Rita Foldi - Maurilio Mandolfo - Benedetta Biscaro - Michela Ceccarelli