Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Torre Pellice ferma la capolista al supplementare e s’inserisce, a pieno titolo, nella lotta playoff

images/joomgallery/medium/81621193_2555398357892066_6008299659557076992_o.jpg

Cade l’ultima imbattibilità del torneo con Legnaro fermata dagli Old Style, Civitavecchia vince facile sui Mammuth e Tergeste batte d’autorità il Forlì.

Non rimane immacolato nemmeno il percorso del Legnaro che soffre la pausa natalizia con una imprevista battuta d’arresto con il Torre Pellice che così si inserisce con pieno diritto nella lotta per uno dei primi quattro posti che valgono i playoff. Forlì parte malissimo nel match di Trieste e poi non riesce più a recuperare mentre Civitavecchia, con 9 reti per tempo, fa suo il derby con Roma. 

LE GARE – Settima giornata di campionato che, in attesa di Modena-Castelli Romani rinviata a domenica prossima, registra il primo stop stagionale per i Fox guidati da Alessandro Cintori che cedono all’overtime innanzi ai ritrovati Old Style con i piemontesi che piazzano il golden goal per mano di Davide Rosso (già capitano della nazionale azzurra junior) dopo una tripletta di Zancanaro che aveva fissato sul 4-4 lo score dei tempi regolamentari. Legnaro sempre avanti nel match (anche per 3-1) si fa costantemente riprendere e manca così l’allungo in classifica che le sarebbe tornato comodo in ottica scontro diretto della settimana prossima contro l’Edera Trieste. Questi i commenti a caldo di Carlo Disarò (D.S. dei Fox Legnaro) : << Nel primo tempo abbiamo difeso bene e sfruttato le ripartenze, invece nel secondo tempo qualche ingenuità di troppo ci è costata cara sul 3 a 1 quando anziché chiudere la partita abbiamo commesso dei falli che hanno rivitalizzato Torre Pellice. Abbiamo una squadra molto giovane che non è riuscita a sfruttare né il fattore campo né la posizione in classifica.  Non credo sia stato scelto a caso il nome "Old Style" della squadra avversaria e “alla vecchia maniera” sono riusciti a pareggiare e all'overtime a portarsi a casa 2 punti a due minuti dalla fine. A Cintori il compito di continuare il lavoro sulla testa dei giocatori. Un plauso al Torre Pellice la cui posizione in classifica non rispecchia il reale valore della squadra >> Aurora Benedetto: << La partita, come si può intuire dal risultato, è stata tiratissima dall'inizio fino alla fine. Nel primo tempo abbiamo controllato molto il disco ma complici alcune sviste in fase difensiva e gli innumerevoli tiri fuori misura siamo andati al riposo in svantaggio. Nella seconda frazione invece abbiamo patito molto la velocità e la freschezza dei padroni di casa ma non abbiamo mollato e, grazie alla tripletta di Zancanaro, siamo riusciti a conquistare il pareggio, l'overtime, e infine la vittoria. Una grandissima soddisfazione per tutti! 

Partita senza storia in quel di Civitavecchia dove i Mammuth si presentano con soli sei uomini di movimento e passano 50’ “a prenderle” dagli Snipers che piazzano 9 reti per tempo. In evidenza le cinque marcature di Ravi Mercuri e le triplette di Cocino (ex Mammuth) e Manuel Fabrizi. Questo il commento del coach dei padroni di casa Martina Gavazzi: << Il 2020 si apre con un risultato positivo per noi. Sapevamo che la differenza di valori in campo sarebbe stata evidente e ne abbiamo approfittato per dare spazio a tutta la rosa con un occhio di riguardo a chi fin qui aveva giocato meno e ai nostri giovani under 18. I ragazzi hanno risposto con prove positive e abbiamo provato soluzioni nuove che potrebbero essere utili in futuro. Menzione speciale per il goalie Nambuletto (classe 2004) all'esordio assoluto in formazione senior >>. Questo invece il pensiero di Lorenzo Pieralli dei Mammuth Roma: << Gara come da pronostico, forse con un margine più alto di quanto ci aspettassimo, ma non ci ha sorpreso più di tanto. Ovviamente non fa piacere, questo è fuori discussione, ma la fortuna non ci sta neanche aiutando perché tra impegni lavorativi e malanni di stagione, ci siamo presentati a Civitavecchia in numero assai esiguo. Una condizione che di certo non ci ha aiutato ad arginare gli attacchi avversari. Mi preme dire che personalmente preferisco che gli avversari sfruttino tutte le occasioni possibili per far gol e non si mettano a fare “melina”, quello lo trovo molto più umiliante. Abbiamo subito una batosta, ma non ci sentiamo né abbattuti né umiliati. Abbiamo la scorza dura, lo sapevamo e nello spogliatoio il clima era disteso e allegro >>.

Altra gara meno equilibrata di quel che si potesse aspettare sulle mattonelle del pala Foschiatti di Trieste dove si sono affrontate Tergeste e Forlì, appaiate in classifica alla vigilia del match. Partenza da incubo del Forlì che in meno di 7 minuti è già sotto 3-0 costringendo Rizzoli al timeout. Si riprende con gli ospiti che vanificano due superiorità numeriche ma anche Tergeste che non trova più la via del goal nonostante i molti dischi indirizzati verso la porta di Montanari. Nella ripresa chi si aspetta la reazione della Libertas rimane deluso in quanto sono i Tigers ad andare nuovamente in rete e a portarsi fino al 6-0 prima della rete ospite di Yahyaoui, in powerplay, del 35mo. Pittani si conferma in serata di grazia aggiungendo altre 2 reti (poker per lui) e Marchiando segna la seconda rete dei romagnoli (ancora in superiorità) che manda il match agli annali con il definitivo 9-2 in favore di Tergeste. Questo la lettura del match che abbiamo raccolto da Doriano De Iaco: << Siamo riusciti ad iniziare la partita concentrati nonostante i pochissimi allenamenti fatti durante le vacanze; sin da subito abbiamo tenuto un ritmo alto e imposto il nostro gioco e, azione dopo azione, abbiamo costruito la nostra vittoria. Nel secondo tempo, avanti di 3 gol, abbiamo gestito il gioco e siamo riusciti a controllare la partita senza farci travolgere dalla foga del Forlì. La partita è finita 9 a 2 e le nostre uniche sbavature sono state in penality killing. Siamo orgogliosi di essere riusciti a domare il Forlì che si è rivelata comunque un'ottima squadra >>. Sponda Forlì ecco le versione di Michele Rossi :<< Gara a senso unico fin dall'inizio con Tergeste che impone il proprio ritmo e noi che cerchiamo di stare al passo riuscendoci davvero solo in poche occasioni; l’unica cosa positiva è che siamo riusciti ad essere più efficaci del solito in power-play. Dobbiamo tutti farci un profondo esame di coscienza e ricominciare a lavorare seriamente, non come abbiamo fatto durante le vacanze natalizie…>>. 

Appuntamento ora a sabato prossimo quando la Serie B, tra gli altri, proporrà il big match Edera-Legnaro ed il duello fra Forlì e Civitavecchia tutti da gustare!

 

Serie B – I risultati della 7a giornata (4 gennaio): 

CV Skating - Mammuth Roma: 18-0 (9-0)

Fox Legnaro  - Old Style Torre Pellice: 4-5 ot. (2-1; 4-4)

Tergeste Tigers - Libertas Forlì: 9-2 (3-0)

Posticipata al 12 gennaio:

ore 13:00 Invicta Modena – Castelli Romani 

Ha riposato: Edera Trieste

La classifica: Fox Legnaro (7) punti 18; Edera Trieste (6) punti 16; Civitavecchia (6) punti 13; Tergeste Tigers (6) punti 11; Libertas Forlì (6) e Torre Pellice (5)  punti 8;  Invicta Modena (5) punti 4; Castelli Romani (7) punti 3; Mammuth Roma (6) punti 0

(gare giocate)

 

SEGUITECI

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV:  https://bit.ly/31EwLqs  o  Youtube 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX

Instagram: https://bit.ly/31JJXdo

Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF

 

 

Credits foto Marco Carron