Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

I giovedì di Face-Off. Un altro protagonista si è aperto ai nostri taccuini...e ne è uscito un nuovo, interessante ritratto!

images/medium/WhatsApp_Image_2020-01-30_at_15.30.07.jpeg

Dopo la scampagnata francese a casa di Tita Dell’Olio, rientriamo in patria ed precisamente sull’asse Asiago-Cittadella (che, curiosità del destino, si incontreranno nel prossimo turno di Serie A) che è il percorso che da ben 17 anni (204 mesi, 6.205 giorni!!!) vede transitare il nostro prossimo protagonista che, numeri alla mano, rientra a pieno titolo fra i “veterani” dell’hockey inline. Colonna portante della formazione di Mauro Pierobon, da qualche stagione ne è anche diventato prima vice-allenatore e poi allenatore oltre ad esserne, da un bel po’, punto fisso per le squadre giovanili. Grintoso, mai domo e leader indiscusso in campo con la maglia del “Citta”, risulta essere invece assolutamente pacato, riservato e silenzioso nella vita di tutti i giorni. Nella parallela carriera da allenatore ha già ottenuto grandi soddisfazioni vincendo trofei sia nel femminile che in ambito giovanile. L’ultima esperienza azzurra lo ha visto fra i convocati del Mondiale Senior giocato a luglio 2018 proprio nella sua Asiago, allo stadio Odegar. Avete capito di chi parliamo…vero? Eccovi “cotto e mangiato” un bel ritratto di Luca Covolo che (bravo Luca!) si è ottimamente districato nel fuoco di fila a cui sottoponiamo i protagonisti del nostro #FACEOFF. Siamo pronti a scommettere che qualche risposta vi farà conoscere dei lati assolutamente ben nascosti del nostro “eroe” odierno!

Buona lettura!