Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Il derby è dell’Edera che allunga in vetta; Torre Pellice batte la CV Skating all’overtime e “vede” i playoff.

images/medium/WhatsApp_Image_2020-02-09_at_20.20.52.jpeg

Legnaro ritrova punti e sorriso a Forlì mentre non riesce la rimonta ai Mammuth nel derby con i Castelli Romani. Sempre più corta la classifica dal secondo al quinto posto

Una classifica sempre più corta in zona playoff è il risultato di una affascinante terza di ritorno in cui salta il fattore campo in tutte e quattro le sfide. Degano guida l’Edera alla vittoria nel derby triestino mentre è Beccaria il “golden boy” degli Old Style che strappano 2 punti sul campo della CV Skating. Per Legnaro tre punti d’oro sul campo del Forlì; si ferma sul più bello la rimonta dei Mammuth nel derby laziale coi Castelli Romani (2-3).  

LE GARE – Si parte col botto del derby triestino fra Tergeste ed Edera che vede la squadra di Florean issare la propria bandiera sul pennone del Pala Foschiatti completando così il 3 su 3 delle sfide in stagione con i cugini della Tergeste. “Hombre del partido” il giovane e talentuoso Nicolò Degano autore di ben 5 punti (3 goal e 2 assist) che ha subito spedito al mittente le velleità di vittoria dei Tigers rimasti più che “in partita” almeno fino al 18mo con i goal di Fabietti e Angeli. Nel finale di prima frazione ed in avvio di ripresa lo “strappo” degli ederini che si portano fino al 2-5 che permette poi di controllare la gara fino al 50mo. Di Sotlar, Degano e Frizzera le altre tre reti dei rossoneri mentre portano la firma di Grusovin e Angeli le ultime marcature del Tergeste che consegnano il derby agli annali con risultato finale di 4-8. Parola ai protagonisti: Martin Grusovin (Tergeste) << Abbiamo approcciato al derby pienamente convinti dei nostri mezzi benchè fossimo contrapposti ad una squadra molto organizzata e capace. Siamo riusciti a mantenere una buona concentrazione per quasi tutta la partita cercando di non commettere falli o innervosirci. Purtroppo, ancora una volta, abbiamo subito troppi goal su errori personali soprattutto nel secondo tempo. E’ stata una gran bella partita e, nonostante la sconfitta, il campionato rimane tutto da giocare >>; Federico Sindici (Edera) << La partita ha indubbiamente  avuto due facce, nel primo tempo ci sono stati parecchi falli che hanno impedito alle due squadre di giocare a viso aperto mentre nel secondo tempo le squadre sono riuscite ad effettuare un gioco più ordinato e per questo motivo la partita è stata molto più entusiasmante. Abbiamo approcciato alla partita nel modo corretto e siamo riusciti a terminare il primo tempo con un discreto vantaggio per poi aumentarlo nel secondo. I due migliori in campo a mio avviso sono stati Sotlar per noi (che ha dimostrato ancora una volta di essere di un altro livello) e Gallessi per il Tergeste >>. 

Altro derby di giornata giocato a 700 km di distanza da Trieste e più precisamente al Pala Municipio di via Tito a Roma. Ad affrontarsi i Mammuth ed i Castelli Romani per una gara che già all’andata era stata sul filo del rasoio per buona parte del match (poi vinto dalla squadra di Panella). Partono meglio gli ospiti che trovano due reti, al sesto ed al nono minuto, con Fiandra e Pontecorvi; come tutti i derby che si rispettino la gara è particolarmente sentita e gli arbitri hanno il loro bel da fare per gestire l’incontro. Varie superiorità da una parte e dall’altra ma nessun'altra rete fino all’intervallo. Nella ripresa animi più tranquilli ed è Panella a superare Pecchioli per lo 0-3 che sembra chiudere il match al 37mo; sembra perché una fiammata dei Mammuth riapre completamente l’incontro al minuto 43 quando Mendes e Minissale s’inventano l’uno-due che in dieci-secondi-dieci rimette in corsa i giallorossi capitolini. I Castelli rimangono un po’ frastornati e subiscono ancora gli attacchi di Mendes e compagni ma i “legni” salvano Sabbatini nell’assalto finale in cui non arriva il pareggio per i padroni di casa. Queste le parole di un orgoglioso Lorenzo Pieralli (Mammuth): << Una gara pazzesca per noi. Ci sentiamo assolutamente soddisfatti perché ancora una volta abbiamo giocato alla pari dimostrando che, tolte le prime cinque, con le altre  possiamo giocarcela. Anche ieri non abbiamo mai mollato, credendoci fino alla fine e rischiando anche di riprendere la gara. Da segnalare anche tre pali presi da noi, indice che la squadra era viva e si è resa pericolosa. Se fosse entrato qualcuno di quei tiri forse staremo parlando di altro, ma non fa assolutamente differenza perché ci sentiamo orgogliosi di ciò che stiamo facendo. >>. Ecco come l’ha vista Simone Pontecorvi (Castelli R.) : << Abbiamo giocato una partita in cui abbiamo gestito il disco praticamente sempre noi  però abbiamo tirato davvero troppo poco e soprattutto male; peccato perché era una partita in cui potevamo divertirci di più e invece abbiamo faticato più del dovuto >>. 

A pochi chilometri di distanza da via Tito è andata in scena probabilmente la gara più spettacolare oltre che delicata dell’intera giornata (che proponeva comunque un calendario davvero “frizzante”). A Civitavecchia si sono infatti affrontate CV Skating e Torre Pellice in una gara determinante per la classifica degli ospiti: fosse arrivata una sconfitta sarebbe infatti diventata davvero impervia la rincorsa della squadra di coach Battaglia ai primi quattro posti che garantiscono un biglietto per i playoff. Memori di questo, Montanari e compagni partono decisamente meglio e mantengono “il pallino” per tutto il primo tempo portandosi prima sull’0-1 e poi, digerito il pareggio ad opera di Mercuri, fino all’1-3 vanificato però dalle marcature di Fabrizi e Cocino. Ancora ospiti avanti con Bonnet ma è Novelli al 20mo a trovare la conclusione vincente su Armand Pillon per il 4-4 di metà incontro. Nella ripresa, dopo 18 minuti di sostanziale equilibrio, gli Snipers mettono per la prima volta il naso avanti con Elia Tranquilli ma gli Old Style reagiscono subito ed impattano (in power-play) con Viglianco servito da Rosso. Ultimi minuti al cardiopalma con entrambe le squadre a bruciare una superiorità numerica e così si va all’overtime. In 3 contro 3 gli spazi aumentano a dismisura e le squadre giocano per vincerla divertendo il “caldo” pubblico per Pala Mercuri; tutto sembra portare ai rigori ma una giocata "da circo" di Beccaria fa esplodere la panca ospite con 1 solo secondo sul cronometro. Torre Pellice vendica così la sconfitta dell’andata ed accorcia in classifica (i piemontesi sono a 3 punti dal Tergeste attuale quarta) mentre la CV Skating perde la prima delle 4 gare che l’hanno vista andare ad overtime o rigori. Queste le dichiarazioni dei protagonisti: Valentini (Snipers): << E’ stata una bellissima partita, combattuta dal primo all'ultimo secondo e gli avversari sono stati bravi a sfruttare gli episodi a loro favorevoli. Contro Torre Pellice sono sempre sfide intense ed equilibrate, altre volte siamo stati fortunati noi, stavolta ha detto bene a loro. Sono comunque soddisfatto della prestazione della nostra squadra, giocando cosi ci toglieremo soddisfazioni. Complimenti agli avversari>>.  Gabriele Bonnet (Old Style TP): << La partita di sabato è stata molto importante, perché un po’ alla volta stiamo rosicchiando punti in classifica e ci stiamo avvicinando al nostro primo obbiettivo che sono i play-off. Ogni volta che incontriamo il Civitavecchia dobbiamo affrontare partite molto tese ed intense, loro sono forti e non mollano fino all’ultimo quindi bisogna restare concentrati ed in partita per tutti i cinquanta minuti. La cosa che più mi ha fatto piacere di questa partita è stato l’atteggiamento della squadra: sempre positivo anche nei momenti più difficili e penso che sia proprio grazie a questo che siamo riusciti dare tutto fino all’ultimo e chiudere in bellezza!>>

Ultima gara in programma quella del pattinodromo di via Ribolle a Forlì dove i padroni di casa della Libertas attendevano il Legnaro reduce da due sconfitte in fila che lo avevano fatto “precipitare” dalla prima alla quarta posizione. Partita ricca di aspettative per entrambe anche se il Forlì lamenta la pesante assenza del goalie titolare Montanari  infortunatosi nella trasferta di Modena. Pronti via ed Ometto porta in vantaggio la squadra di Cintori (al quarto) consentendo ai suoi di giocare di ripartenza. I Fox non sfruttano due superiorità per allungare come non trovano la via del goal gli uomini di Rizzoli con Carron in panca puniti. Sul finire di frazione (23’49”) è Daniele a raddoppiare e mandare così i suoi al riposo sullo 0-2. Nel secondo tempo lo special team dei Fox trova la rete con Masiero (out Guerzoni)  ma Muccioli riporta subito la Libertas a -2. Al minuto 39 è ancora Daniele a siglare la doppietta e riportare al massimo vantaggio (1-4) gli ospiti che riusciranno a congelare il gioco fino al cinquantesimo ottenendo così 3 punti d’oro. Queste le impressioni di Fabiola Berardi (Libertas): << È stata una partita giocata da entrambe le squadre ad alti ritmi dove ha avuto la meglio chi ha commesso meno errori. Dopo lo svantaggio iniziale tutta la squadra ha cercato in tutti i modi di recuperare ma la poca incisività sotto porta e i troppi minuti passati in inferiorità numerica hanno condizionato il risultato finale. È una sconfitta che ci lascia l'amaro in bocca ma dobbiamo guardare avanti e prepararci ad affrontare il nostro prossimo avversario>> e Roberto Rizzoli (Libertas): << Partita intensa e rude. Purtroppo si trattava di partita molto importante per noi ma non siamo riusciti a finalizzare  le occasioni che abbiamo avuto a differenza dei Fox che hanno meritato questa vittoria >>.  Per Legnaro queste le parole di Diego Ometto, primo marcatore del match: << Abbiamo approcciato bene alla partita consapevoli che si doveva vincere, dopo le recenti sconfitte, per rimanere aggrappati ai vertici della classifica. Siamo partiti con il piede giusto segnando il gol del vantaggio dopo appena 3 minuti e mezzo; nonostante il campo “difficile” abbiamo lavorato bene in fase difensiva tenendo le marcature e concedendo poche occasioni. Speriamo di avere invertito il trend di questo 2020 cominciato con troppe sconfitte e di poter continuare su questa strada fino a fine campionato. Ora ci aspetta un turno di riposo per poi incontrare il Modena in casa il 22 febbraio >>. 

 

Serie B – I risultati della 12a giornata (08 febbraio): 

Tergeste Tigers - Edera Trieste: 4-8 (2-4)

CV Skating - Old Style Torre Pellice: 5-6 ot (4-4; 5-5)

Mammuth Roma - Castelli Romani: 2-3 (2-0)

Libertas Forlì - Fox Legnaro: 1-4 (0-2)

Ha riposato: Invicta Modena 

 

La classifica dopo 12 giornate: Edera Trieste (11) punti 30; Civitavecchia (10) e Fox Legnaro (11) punti 22; Tergeste Tigers (11) punti 21; Torre Pellice (11) punti 18; Libertas Forlì (11) e Castelli Romani (12) punti 12; Mammuth Roma (11) e Invicta Modena (10) punti 5.

(gare giocate)

 

SEGUITECI

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV:  https://bit.ly/31EwLqs  o  Youtube 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX

Instagram: https://bit.ly/31JJXdo

Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF

 

 

Credis Rita Földi