Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

La qualifica olimpica nello skateboarding

images/medium/1FISR_LineaTempo_SkB_Tokio-COVER.jpg

La notizia che lo skateboarding farà il suo debutto alle Olimpiadi di Tokyo è ormai già stata ben assimilata da tutti, con il conseguente dibattito sui benefici e gli svantaggi che tutto questo porterà. Quello che è ancora non del tutto chiaro per molti è il processo che sta portando alla selezione degli 80 skater (venti per sesso e disciplina) che parteciperanno alla prima olimpiade della storia dello Skateboarding. Venti è infatti il numero dei partecipanti per disciplina che è stato deciso per il contest di Tokyo, e con questo articolo vogliamo mettere in luce proprio il processo di selezione che porterà in Giappone questa ristretta elite di Skater.

Il sistema di qualifica, quello dei punteggi, il calendario degli eventi e la selezione degli skatepark idonei ad ospitare contest di qualifica olimpica sono tutti sanciti da World Skate, la federazione internazionale che si occupa dello skateboarding olimpico. Nel caso vogliate approfondire, a questo link potete trovare tutti i regolamenti che World Skate ha steso a riguardo.
Una serie di eventi approvati da World Skate sparsi in tutto il mondo fa quindi parte del circuito di qualifica per le Olimpiadi, in un arco di tempo iniziato a Gennaio 2019 e che finirà il 31 Maggio 2020. 

Linea Temporale Skateboarding Tokio

Esistono due modi per guadagnarsi un posto il gara a Tokyo: Il primo è attraverso i Campionati del mondo 2020,  il secondo è attraverso il ranking mondiale.

Nel primo caso agli skater in gara sarà sufficiente finire sul podio del World Championship di quest’anno della propria disciplina. Questi 3 Skater di ciascuna disciplina avranno accesso di retto all’olimpiade a dispetto dei propri altri risultati in stagione.

Per gli altri 17 posti in gara si farà invece riferimento al ranking monidiale. Ogni piazzamento agli eventi di qualifica porta infatti punti per l'Olympic World Skateboarding Ranking, ranking globale diviso in due specialità, Street e Park, e ovviamente in Men e Women. Oltre agli eventi internazionali, che si dividono in World Championship, Pro Tour e 5 Stars, e che hanno un peso diverso per quanto riguarda i punti a parità' di risultato (per farvi capire, il primo classificato vince 80000 punti ad un World Championship, 60000 ad un Pro Tour e 40000 ad un 5 Stars), contribuiscono al ranking anche i Continental Championship di ogni continente, e i National Championship delle singole nazioni. Anche i partecipanti al CIS ricevono quindi punti per il OWSR, anche se in maniera minore rispetto agli eventi internazionali.
Questo circuito di contest è stato poi suddiviso in due stagioni, la Season 1 che si è conclusa il 30 Settembre 2019, e di cui sono presi in considerazione solo i due risultati migliori, e la Season 2 che finirà' come già' detto il 31 Maggio e di cui verranno presi in considerazione i migliori 5 risultati. Solo questi migliori risultati contribuiscono al OWSR.
Una volta finita la Season 2 però' non saranno i primi diciassettei skater in classifica a poter accedere al contest di Tokyo. L'intento delle Olimpiadi, in ogni disciplina, non è infatti solo quello di far partecipare i migliori atleti, ma anche quello di rappresentare più' nazioni possibili da ogni continente. Avranno quindi diritto a partecipare al contest un massimo di tre skater per nazione (la cosidetta “country quota”), con almeno uno skater per continente. Per i continenti che non hanno skater qualificati verrà' data una wild card, cosa che al momento potrebbe succedere all'Africa.Per finire con i regolamenti, il paese che ospita le Olimpiadi ha diritto ad almeno un rappresentante, ma questo non influisce al momento sulla classifica in quanto gli skater giapponesi non mancano nei vari ranking, e i vincitori dei World Championship sono direttamente qualificati per Tokyo, fermo restando il limite di tre partecipanti per nazione.

Ora che avete una panoramica su come funziona la qualifica olimpica, la domanda che sorge spontanea è': quali sono gli skater italiani che potrebbero andare alle Olimpiadi? Le classifiche aggiornate si possono vedere qui. Per quanto riguarda il Park Men, Ivan Federico è dodicesimo e Ale Mazzara diciassettesimo. Le speranze di vederli alle Olimpiadi sono molto alte, anche senza calcolare che verranno presi solo tre skater per nazione. Per il Park Women invece, Valeria Bertaccini dal ventiseiesimo posto in cui si trova attualmente si troverebbe diciottesima togliendo le varie giapponesi, brasiliane e americane oltre alle prime tre per nazione in classifica, ed è al momento anche lei qualificata, mentre Lucrezia Zarattini si trova un po' più' indietro. Per Valeria e per Lucrezia tutto dipende dai prossimi risultati.
Situazione simile per lo Street Women,  con Asia Lanzi che dal ventisettesimo posto in cui è ora si troverebbe al diciassettesimo tenendo in considerazione la regola dei 3 skater per nazione, e le possibilità' di partecipare a Tokyo sono anche per lei buone. Nello Street Men invece sia Massimo Cristofoletti che Kevin Duman non sono purtroppo al momento potenzialmente qualificati.
Nel complesso la situazione è molto promettente per l'Italia, non resta che seguire le prossime trasferte di qualifica per vedere chi riuscirà' a qualificarsi!