Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Dall’Istituto per il Credito Sportivo interventi straordinari per finanziare l’impiantistica sportiva

images/1-primo-piano/medium/Immagine_articolo_1805.png

A seguito dell’emergenza Covid 19 rifinanziato e rimodulato il mutuo liquidità per associazioni e società sportive: finanziamenti fino a 25 mila euro a tasso zero e senza garanzie

Per far fronte alle esigenze di liquidità correlate all’emergenza COVID-19 Governo ed Istituto per il Credito Sportivo hanno previsto una serie di interventi straordinari per sostenere le attività sportive danneggiate dall’epidemia.
Sono stati infatti messe a disposizione nuove risorse e rimodulati i criteri per l’accesso al Comparto Liquidità del Fondo di Garanzia gestito da ICS l’Istituto per il Credito, così da consentire ad Associazioni Sportive Dilettantistiche e Società Sportive Dilettantistiche di accedere a finanziamenti a tasso zero e senza garanzie, fino a 25 mila euro attraverso il “Mutuo Light Liquidità”.
Per tutte le info si informano le ASD e le SSD, iscritte al Registro CONI o alla Sezione parallela CIP e regolarmente affiliate a Federazioni Sportive Nazionali e Paralimpiche, Discipline Sportive Associate ed Enti di Promozione Sportiva da almeno 1 anno, che da oggi potranno accedere direttamente dall’home page del sito del Credito Sportivo a una sezione dedicata alle misure di sostegno. collegate all’emergenza epidemiologica COVID-19. Sono previsti anche finanziamenti, della durata massima di 6 anni, da un importo minimo di 3 mila euro a un massimo di 25 mila euro e comunque in misura non superiore al 25% dell’ammontare dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio o rendiconto approvato.

Per info ed approfondimenti visita qui le pagine del sito sull'emergenza COVID 19