Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

SETTORE GIOVANILE HOCKEY SARZANA: UN LAVORO GIORNALIERO PER COSTRUIRE GLI HOCKEYSTI DEL FUTURO.

images/1-primo-piano/hp/2020/medium/collage_settore_giovanile.JPG

Un SETTORE GIOVANILE che ha degli obiettivi molto importanti va strutturato dalle fondamenta che, come per ogni progetto che si rispetti, devono essere solide e fatte del miglior materiale possibile per far si che il palazzo venga eretto in maniera corretta e senza problemi. Ed è proprio l’attività di base uno degli elementi fondamentali del vivaio rossonero. Il Presidente Maurizio Corona ci presenta il settore giovanile rossonero, i suoi allenatori, la collaborazione con la Pumas Viareggio. Il direttore tecnico di tutto il settore giovanile sarà Alessandro Bertolucci, il tecnico della serie A1 al quale la società ha chiesto uno sforzo importante. Gli obiettivi sono chiari: costruire gli hockeysti del futuro e tornare a primeggiare in ogni categoria. (Nella foto il tecnico Alessandro Bertolucci con il Presidente Maurizio Corona)

Un settore giovanile che ha degli obiettivi molto importanti va strutturato dalle fondamenta che, come per ogni progetto che si rispetti, devono essere solide e fatte del miglior materiale possibile per far si che il palazzo venga eretto in maniera corretta e senza problemi. Ed è proprio l’attività di base uno degli elementi fondamentali del vivaio rossonero e per farci descrivere al meglio l’argomento trattato, il Presidente Maurizio Corona, ci presenta la prossima stagione delle giovanili rossonere. “La nostra è una società particolare e chiunque ha lavorato con noi lo ha subito capito, nella nostra società rimane il concetto che i problemi del bambino che mette i pattini per la prima volta hanno la stessa valenza dei problemi dello straniero della prima squadra e questo concetto, sino a che io sarò alla guida, dovrà essere sempre al primo punto del nostro credo. Continuiamo anche in questa stagione a investire sulla propaganda – continua il Presidente - il nostro spot entrerà nei cinema, nei canali social, nelle TV private, andremo nelle scuole e negli asili cittadini metteremo i nostri tecnici a nostre spese per avvicinare i bambini al nostro sport, per noi il settore giovanile è sacro. Poi - continua Corona - quest’anno c’è anche qualcosa in più tutte le categorie hanno la possibilità di primeggiare e mi voglio sbilanciare abbiamo tanta voglia di aggiungere qualche trofeo in Bacheca. Ho chiesto uno sforzo importante ad Alessandro Bertolucci: egli sarà il direttore tecnico e seguirà tre categorie in prima persona, oltre ad essere di supporto ai nostri tecnici. Abbiamo consolidato il nostro rapporto con la Pumas Viareggio, una società giovane ma con le idee molto chiare, che parla la nostra stessa lingua a livello giovanile e con tutta probabilità la prossima stagione 2021/2022 ci iscriveremo insieme alla serie B con la formula del partenariato. Gli sforzi che stiamo facendo per il nostro Settore Giovanile non sono quelli di darci un’identità, in quanto questa era già forte e presente ancora prima dell’arrivo di Alessandro Bertolucci – conclude il presidente - Quello che stiamo facendo con Alessandro è quello di strutturarci in maniera tale che ci sia un progetto continuo, dall’Under 11 all’Under 19. Dal punto di vista organizzativo, a partire dal gruppo under 7 e under 9 facciamo attività propedeutiche che saranno funzionali all’anno successivo per i ragazzi dell’Under 11 e così via, per tutte le annate. Per fare questo ci vuole una grande disponibilità da parte dei nostri allenatori, la capacità di mettersi in gioco, di imparare e anche di confrontarsi con gli altri, anche accettando critiche strutturate fatte per il miglioramento collettivo. Vogliamo diventare un punto di riferimento ben delineato dal punto di vista tecnico. Dispiace moltissimo della partenza di Andrea Perroni che, seppur con la sua giovane età è un tecnico di grande qualità, laureato in scienze motorie e con un amore smisurato per l’hockey pista, lo ritroveremo sicuramente tra due anni, alla fine del suo ciclo di studi. Comunque sono certo che la qualità e il numero dei ragazzi andrà sempre ad aumentare con il passare degli anni. Ora abbiamo solo una gran voglia di iniziare.” Ma veniamo al dettaglio delle conduzioni tecniche delle squadre giovanili rossonere. Il direttore tecnico di tutto il nostro settore giovanile sarà Alessandro Bertolucci, il tecnico della serie A1 al quale abbiamo chiesto uno sforzo importante. Matteo Pistelli sarà l’allenatore responsabile del mini-hockey e primi passi, insieme a lui Marila Piccini e Mattia Rispogliati e con loro il cileno Alvaro Osorio ed inoltre chiederemo ad altri ragazzi della serie A1 di essere a turno presenti per invogliare i nuovi arrivati ad amare il nostro meraviglioso sport. Il nostro staff tecnico del settore agonistico è di primissimo piano. Alla guida dell’under 11 e under 13 abbiamo Alessandro Bertolucci che si avvarrà della collaborazione del capitano Davide Borsi, al neo papà Davide un impegno più soft per lasciare più spazio alla sua nuova esperienza di papà.  All’ under 15 Fabrizio Bassani, con la collaborazione di mister Mirko Bertolucci che ha già guidato questo gruppo di ragazzi alla conquista della medaglia di bronzo al campionato Italiano nella categoria under 13 a Giovinazzo. La categoria under 17 a Matteo Pistelli in collaborazione con il catalano Joan Galbas. All’ ambiziosa under 19 Alessandro Bertolucci con la collaborazione di Giovanni Berretta tecnico della serie A2. Uno staff che potrà contare anche sul prezioso lavoro di Simone Corona: il nostro portiere della prima squadra che si prenderà cura di tutti i nostri portieri che si avvarrà della consulenza di Tavi Tarres tecnico catalano fondatore di Portero Porteria uno dei migliori tecnici specializzati per la preparazione di portieri al mondo. Gli obiettivi sono chiari costruire gli hockeysti del futuro e tornare a primeggiare in ogni categoria.