Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Terminato il raduno della Nazionale Senior a Roana (VI). Tanti volti nuovi e tecnici soddisfatti dopo i 3 giorni di allenamenti

images/medium/WhatsApp_Image_2020-08-28_at_23.03.45.jpeg

Tanti, troppi, i mesi passati senza poter “spingere” sui pattini e quindi un po’ di emozione, al raduno Senior di Roana, era naturale aspettarsela. Se aggiungiamo che la convocazione vedeva il debutto “fra i grandi” di ben otto atleti, vien da sé capire che l’aria sia nello spogliatoio che in pista era evidentemente frizzante (e non solo per le avverse condizioni climatiche che hanno interessato gran parte del Nord Italia in questo weekend di fine Agosto, facendo precipitare le temperature)

RADUNO “PREMIO”. Per trovare una stagione senza azzurro bisogna risalire a quasi 15 anni fa quando l’Italia non partecipò ai Mondiali d’oltreoceano di Detroit (USA - 2006) e quindi, l’estate appena trascorsa, seppur per tutt’altri motivi è di diritto passata fra quelle “strane”. Cancellazione dopo cancellazione (amichevoli internazionali, Mondiali, Europei…) si è arrivati al “nulla di fatto”, ma non per questo gli staff azzurri hanno tirato i remi in barca, anzi: da inizio maggio preparazione atletica per tutti e sessioni “guidate” online dai vari tecnici capeggiati dal CT Luca Rigoni che con il supporto del Responsabile Squadre Nazionali, Gianluca Tomasello, ha poi ottenuto la possibilità di organizzare dei raduni per poter valutare in pista il lavoro fatto a casa e, soprattutto, per poter far sì che ci fosse un segnale da FISR agli atleti di interesse nazionale: un “CI SIAMO” (sempre e comunque) che potesse far ritrovare quella fiducia e quell’entusiasmo che la “mazzata Covid” poteva sicuramente aver minato.

IMPEGNO E SORRISI. Tanto impegno ma anche palese “gioia” negli occhi dei ragazzi (e dello staff) per questo “fugace” ritorno alla normalità.  Tre giorni di allenamenti intensi dentro e fuori dalla pista con la novità di una sessione specifica di “tecnica del pattinaggio” all’interno di ogni allenamento, una corposa fase atletica dopo ogni seduta in pista e la classica “partitina” di fine raduno per sciogliere tensioni ed emozioni accumulate fin dal ritrovo di venerdì. 

PAROLA AL CT.  Decisamente soddisfatto il CT Luca Rigoni che ha così fotografato l’andamento del raduno: << Siamo tutti contenti del lavoro svolto sia in pista che fuori “a secco”. I ragazzi hanno lavorato bene, non li abbiamo fatti spingere troppo perché ovviamente i mesi lontani dai pattini hanno inciso su tutti ma non possiamo dir altro che siamo davvero soddisfatti di quanto abbiamo fatto e visto in questi giorni. Abbiamo inserito in ogni allenamento una sessione di pattinaggio, un qualcosa di nuovo che può sicuramente servire agli atleti e che spero li abbia stuzzicati per lavorare meglio e di più su questo aspetto anche quando sono nei loro club. 

Sapevamo di dover iniziare “con calma” in quanto la stragrande maggioranza dei convocati di fatto non è più andata in pista da almeno cinque mesi a questa parte. In ogni caso ognuno si è messo a totale disposizione facendo tutto al meglio delle proprie possibilità sia in pista che nelle sessioni di atletica dimostrando che la preparazione svolta nei mesi del lockdown ha avuto una sua indiscussa efficacia. La cosa che mi ha più colpito in questi 3 giorni, comunque, è stato lo “spirito” che è subito emerso, ho avuto molte risposte positive, ho trovato molte persone davvero contente di essere di nuovo in gruppo ad allenarsi, a divertirsi, a faticare e condividere emozioni tutti assieme. Come ho fatto notare ai ragazzi il fatto di rimanere fermi così a lungo ha sicuramente evidenziato quanto lo sport, l’hockey inline nel nostro caso specifico, ricopra un ruolo importante nella vita di tutti noi, cosa che magari prima dell’emergenza legata al Covid-19 davamo un po’ troppo per scontata senza apprezzarla appieno! >>.  

PROSSIMI IMPEGNI. La Nazionale senior tornerà in pista, con una nuova “infornata” di convocati, nel weekend dell'11-12-13 settembre in contemporanea con la visionatura U16 (nati nel 2006-2007). Sono tutt'ora allo studio del Responsabile Squadre Nazionali le date da riservare alle altre categorie.

 

SEGUITECI

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV generica:  https://bit.ly/31EwLqs  

Youtube – Hockey Inline Fisr : https://bit.ly/2GPEudj 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX

Instagram: https://bit.ly/31JJXdo

Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF

 

Credit foto Vanessa Zenobini