Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

“Vipere letali” a Padova: Asiago sferra due morsi ed è campione d’Italia Under 14

images/medium/WhatsApp_Image_2020-10-18_at_20.05.28.jpeg

Comunque sia è stato un successo - Non è stato facile, per una attimo le cose si sono terribilmente complicate ma non si è mai pensato di mollare. Nonostante le criticità della vigilia, che ha visto i Draghi Torino costretti a dare forfait a causa di provvedimenti restrittivi da parte della ASL e la conseguente corsa da parte di FISR per ridisegnare la formula delle finali, la giornata di domenica si è chiusa riuscendo nell’obiettivo iniziale: l’assegnazione del titolo Under 14 2019-2020.

Con una formazione in meno presente alla manifestazione, le tre pretendenti al titolo non hanno perso certo l’entusiasmo e non si sono risparmiate dimostrando fino all’ultimo quanto queste finali fossero importanti. Nelle tre gare in programma a farla da padrone sono state le giovani “Vipere” di Asiago che con una prova di forza hanno vinto entrambe le gare contro lo Sporting Treviso (5-2) e i Fox Legnaro (4-1). 

Nella prima sfida i ragazzi terribili dell’altopiano sono partiti in sordina, giocando un primo tempo di gran equilibrio con i pari età del Treviso svoltando a metà gara sul 3-2 e solo nella seconda frazione sono riusciti ad accelerare ed allungare fino al 5-2 finale. 

Il tempo di recuperare le forze e già era il momento per lo Sporting Treviso di scendere in pista per un’altra sfida, quella contro il Legnaro. I Fox partono alla grande e, dopo un temporaneo svantaggio, non solo trovano il pareggio ma si portano addirittura sull’1-4. Partita che sembrava chiusa ma un ritorno di fiamma degli avversari ha riacceso la partita dando slancio ad un Treviso mai domo. Dopo il pareggio è stato un susseguirsi di emozioni che hanno premiano i piccoli “Rinoceronti” che sono così riusciti a chiudere la pratica con un pirotecnico 6-5.

L’ultima gara in programma ha avuto un sapore di finale. Asiago è scesa in pista con un “match ball” che non poteva permettersi di sprecare. I punti in palio volevano dire solo una cosa: il tricolore! Anche per Legnaro una vittoria, con 2 goal di vantaggio, sarebbe però valsa lo scudetto e quindi ne è uscita una partita molto “tattica” nella prima metà di frazione. Neanche a pensarci, in questi momenti non conta l’età, la posta in palio è (la più) alta e l’adrenalina quindi sale a mille.

La gara, come ci si aspetta è intensa e divertente e solo a cinque minuti dalla fine del primo tempo si rompe l’equilibrio con la rete di Grigiante. Legnaro si ritira in difesa ed Asiago prende coraggio approfittando degli ultimi 120 secondi che diventano la chiave di volta della gara. Capitan Vellar mette a segno infatti due reti, in rapida successione, che fanno pendere l’ago della bilancia dalla parte dei suoi. Nella seconda frazione di gioco i giovani dell’altopiano amministrano senza troppe pressioni tenendo sempre a distanza l’avversario. Sul finire del tempo ancora l’occasione di vedere delle reti, una per parte, che archiviano la gara con il risultato di 1-4. Per Asiago quindi seconda vittoria della giornata e festeggiamenti per il titolo italiano Under 14, per Legnaro, con 2 sconfitte il terzo gradino del podio alle spalle anche dei Rhinos Treviso a cui è andata la medaglia d’argento.

 

I risultati dalla giornata:

Asiago Vipers - Sporting Treviso: 5-2

Sporting Treviso - Fox Legnaro: 6-5

Fox Legnaro - Asiago Vipers: 1-4

Asiago Vipers campioni d’Italia U14

 

SEGUITECI

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV:  https://bit.ly/31EwLqs  o  Youtube 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX

Instagram: https://bit.ly/31JJXdo

Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF 

 

Credit foto Vanessa Zenobini