Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Addio a Mirco Giupponi, il gigante buono del pattinaggio Corsa

images/1-primo-piano/medium/Immagine_mirco_giupponi.png

Grave lutto per il pattinaggio a rotelle e per lo sport. E’ morto improvvisamente all’età di 55 anni Mirco Giupponi, margherino doc, campione di pattinaggio corsa degli anni ottanta che è deceduto per un malore improvviso giovedì sera mentre era nel suo garage ad allenarsi come spesso faceva.
Mirco Giupponi era l’uomo dei record nello sport. Cintura nera nel karate, medaglia e stella d’oro al valore atletico, atleta di body building titolato a livello internazionale, ma soprattutto un campione del nostro mondo rotellistico dove era conosciuto con il soprannome di “gigante buono” per via dell’imponente sua struttura fisica.
Mirco ha cominciato la sua carriera agonistica con la Pattinatori Marghera conquistando nel 1985 il suo primo podio tricolore, ma la consacrazione avviene nel 1990 quando con la GS Roxa Scaltenigo conquista 3 titoli italiani, l’oro sulla 10.000 mt americana agli Europei di Inzell in Germania ed un bronzo ai mondiali, aprendo ad una carriera piena di soddisfazioni.
Il Presidente Aracu unitamente al Consiglio federale esprimono a nome di tutta la Federazione il profondo cordoglio e le più sentite condoglianze alla famiglia.

 

nella foto Mirco Giupponi, il primo da destra