Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

SERIE A – Anche Ferrara si inchina al Vicenza. Milano e Verona fanno punti pesanti. Servono i rigori sia a Cittadella che a Padova, che giornata!

images/medium/WhatsApp_Image_2021-01-10_at_14.00.33.jpeg

Nel primo turno del 2021 tante conferme e grandissimo equilibrio in tutte le gare in programma. Un ritorno all’attività che non ha tradito le attese viste le tantissime belle giocate ed il grande agonismo su tutti i campi, nonostante le oggettive difficoltà del momento.

Partiamo dall’indiscusso big match di giornata, quello tra il Vicenza e Ferrara. Gran bella sfida questa, che ha visto la capolista prevalere per 5-3 in una 40' da cardiopalma. I Diavoli dunque, unica imbattuta del torneo, consolidano la vetta portandosi a quota 36 grazie al nuovo “asse” Delfino-Pace protagonista dell’allungo decisivo che ha spinto i berici fino al 4-2 del 31mo e poi ha chiuso i conti quando Buzzo ha richiamato il portiere in panca nell’ultimo tentativo di assalto alla porta di Michele Frigo. I Warriors, dalla loro, possono comunque vantare una prestazione “solida” nonostante la sconfitta; a confermarcelo è Michele Gadioli, goalie degli estensi: << Sconfitta che rammarica, ma che non brucia più di tanto. Possiamo dire che abbiamo giocato certamente alla pari con il Vicenza, anzi, nel primo tempo abbiamo probabilmente costruito di più. Quello che ci è mancato è stato il cinismo sotto porta e la capacità di concretizzare le nitide occasioni da gol create. La maggiore esperienza del Vicenza li ha giustamente premiati, tocca a noi continuare a lavorare per acquisire la mentalità da top team >>. Per la Mc Control ecco la lettura di Nicola Frigo autore di goal e assist nello scorcio iniziale del match, dopo che il Ferrara era passato per primo in vantaggio: << E’ stata una partita combattuta ed era da tempo che non giocavamo una gara contro un avversario forte come FerraraLa squadra ha risposto bene, anche se dobbiamo sistemare molte cose, abbiamo preso troppi contropiede, però strada facendo miglioreremo sicuramente. Abbiamo sicuramente sofferto le assenze di Testa, Alberti e Mac Donald che con la loro esperienza ci avrebbero garantito maggior tranquillità ma quel che conta è che abbiamo vinto e conservato l’imbattibilità >>.

Chi torna a vincere, anche se “solo” ai rigori, è il Cittadella che si impone nella gara contro il Real Torino dopo che i tempi regolamentari e l’overtime si erano chiusi sul 2-2. L'equilibrio l'ha fatta da padrone in un match dalle mille sfaccettature risolto solo dal penalty realizzato dal solito Grigoletto che così commenta: << Questo 2021 lo abbiamo cominciato bene con una vittoria seppur sudata. I due punti li abbiamo portati a casa. Bene come inizio e da qui ripartiamo per una seconda parte di campionato che giocheremo al meglio. Certo, dovremmo segnare di più. Ci stiamo lavorando cercando di infilare sempre più dischi in porta. Lavoriamo duro in allenamento per rifarci della prima parte della stagione che è stata davvero al di sotto delle nostre aspettative>>. Per Torino un punto che non guarisce dall’astinenza di risultati utili ma che almeno smuove la classifica visto che la formazione piemontese è incappata in sole sconfitte dalla ripresa del 5 dicembre, di cui ben due contro una diretta concorrente come gli Asiago Vipers. 

Tra le big anche Milano Quanta, tornato al “super completo”, non fa sconti a nessuno. A pagar dazio stavolta è l'Asiago, che esce sconfitto per 5-2 (ultima rete meneghina a porta vuota) dal Quanta Village scivolando quindi al sesto posto visto il successo del Verona. sul Piacenza. Bella soddisfazione per i rossoblù che possono continuare a guardare le prime posizioni con ottimismo nonostante i sei punti di penalizzazione (sempre in attesa del pronunciamento del Collegio di Garanzia del Coni). Per l’Asiago una gara che lascia intravedere, come molte altre in questa stagione, ampi margini di miglioramento nella truppa di Sommadossi che alterna "giocate da urlo" (vedasi il goal del momentaneo 1-1 di ieri sera) ad amnesie "da principianti" come quelle che hanno consentito ai Campioni d’Italia di allungare fino al 4-1 del 34mo. Andrea Comencini, esperto difensore del Quanta, si è così espresso a fine match: << Finalmente siamo tornati a giocare. Conoscevamo le difficoltà di questa partita perché comunque l'Asiago è probabilmente la squadra che più si allena in Serie A. Purtroppo per loro e per fortuna per noi avevano molti assenti il che ci ha probabilmente aiutato a vincere la partita. Complimenti a “Facco” (portiere dell’Asiago, ndr), complimenti ai Vipers che finalmente stanno adottando un sistema di gioco più simile ad alti livelli, quelli internazionali per intenderci. Ancora bravo a Facchinetti ma bravissimi noi che abbiamo vinto con pieno merito >>.

Gran partita del Monleale sul campo del Padova che però non è sufficiente a portare più di un punto alla formazione alessandrina. Match davvero equilibrato che, a livello di marcature si condensa fra il 10mo ed il 13mo del primo tempo con Zorzo a portare avanti i Ghosts e Alutto, in superiorità, ad impattare sul bell’assist di Pagani. Ripresa e overtime a reti inviolate (con Monleale a sprecare ben 70” di powerplay nel supplementare) fanno da viatico alla “roulette” dei rigori in cui è il padovano Carron l’unico a timbrare il cartellino spegnendo le velleità degli ospiti. 2 punti ai Ghosts e 1 allo Sportleale al termine di una partita davvero bella ed equilibrata. 

A chiudere questa intensissima giornata di hockey ci ha pensato infine il CUS Verona che, corsaro sul campo del fanalino di coda Piacenza, ha deciso di non voler smettere di stupire. Gli scaligeri infatti, forti del primo shut-out stagionale dell’ottimo Bortoli (avuto in prestito “last minute” dai Vipers di Asiago) si impongono per 3-0 sulla Lepis Piacenza guadagnando tre punti d'oro; tre punti che fanno volare la truppa di Corso, in cui ha esordito con tanto di rete il veterano Gruber, addirittura in quinta posizione davanti a squadre molto più accreditate ad inizio stagione quali Asiago, Torino e Cittadella che invece proprio non riescono a restare nella prima metà della classifica. 

Giovedì prossimo, nel recupero della gara non giocata al 19 dicembre, spazio al big match Ferrara – Milano che probabilmente ci darà qualche maggior indicazione su chi si potrà candidare al ruolo di “Anti-Vicenza” in questa pazza stagione 2020-2021.

 

SERIE A – I risultati della dodicesima giornata:

Diavoli Vicenza – Ferrara Warriors: 5-3 (pt. 2-1)

Milano Quanta – Asiago Vipers: 5-2 (pt. 1-1)

Ghosts Padova – Monleale Sportleale: 2-1 ai rigori (pt. 1-1, st. 1-1))

Cittadella HP – Real Torino: 3-2 ai rigori (pt. 1-1, st. 2-2)

Lepis Piacenza – Cus Verona: 0-3 (pt. 0-2)

 

La classifica:

Diavoli Vicenza (12) 36 punti; Ghosts Padova (12) 25 punti; Ferrara Warriors (11) 23 punti; Milano Quanta* (11) 21 punti; Cus Verona (12) 16 punti; Asiago Vipers (12) 15 punti; Real Torino (12) 14 punti; Cittadella HP (12) 11 punti; Monleale Sportleale (12)  10 punti; Lepis Piacenza (12)  0 punti.

Tra parentesi le gare giocate 

*-6 punti di penalizzazione

 

Giovedì 14 gennaio ore 20.30 Ferrara Warriors - Milano Quanta (arbitri Slaviero e Ferrini)

 

SEGUITECI

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV:  https://bit.ly/31EwLqs  o  Youtube 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX

Instagram: https://bit.ly/31JJXdo

Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF

  

Credit foto Ilaria Munari