Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Ubroker Bassano alla prova del derby "impossibile" con il Montebello

images/2021_foto_hockey_pista/medium/210127_bassano.jpg

Bassano-Montebello è la sfida destinata a non giocarsi mai. Lo scorso anno il campionato venne sospeso causa Covid alla vigilia di Montebello-Bassano, stavolta è accaduto di nuovo col duello tra Bassano e Monte inserito come ultima giornata di recupero in scaletta. Insomma, tra una cosa e un’altra, l’ultimo e unico precedente tra le due squadre in campionato è datato quasi 15 mesi fa e finì 3-3. Tra gli ospiti segnò anche Pol Galbas che oggi veste la maglia Ubroker ed è uno dei due ex più attesi. L’altro è ovviamente Massimo Tataranni che in città ha messo radici e che nella circostanza reciterà da acerrimo e pericolosissimo nemico. Oltre a Diego Nicoletti, of course. Fischieranno al palazzo Galoppi di Follonica e Uggeri di Lodi. Ma il Monte non è solo il Tata e difatti Crudeli usa le pinze.
“Si tratta di una formazione costruita con obiettivi chiari che non si limitano solo alla salvezza ma che toccano anche i playoff – riconosce il coach – poi l’avete visto anche voi, questo è un campionato dove ogni vittoria va conquistata con le unghie e coi denti, non è più come una volta. Credo sia anche la bellezza di questo torneo, da anni livellato, ma mai come in questa stagione, non mi stancherò di ripeterlo. E per questo dovremo stare attentissimi”.

Il piano gara non cambierà rispetto a Sandrigo?
“Esatto. E’ necessario ripetere il primo tempo di sabato con la differenza che non potremo permetterci la sbavatura finale. Quindi, intensità e lucidità. Poi, tanta pazienza, le partite si possono vincere anche alla distanza, come accaduto nell’ultima uscita. Di buono c’è che torna Sergio Festa e potremo gestire diversamente le rotazioni, ma non cambia nulla: è vero che il risultato determinerà gli accoppiamenti di Coppa Italia dove noi siamo già qualificati, ma al momento alla Coppa non penso, qualunque avversario va bene, tanto è fra tre mesi e avremo tempo di pensarci. Ora mi preme il Montebello e continuare a mettere mattoni importanti in classifica. Loro sono una signora squadra, cito il cannoniere Paiva, il veterano Tataranni, l’ottimo Fariza, oppure l’eccellente Edy Nicoletti tra i pali. Occhi apertissimi. Tra l’altro si giocherà ogni tre giorni e i turni ravvicinati presentano sempre sorprese.”

Ufficio Stampa H.Bassano
Foto Michele Brunello