Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

L'Edilfox Grosseto chiude il girone d'andata mercoledì sera sulla pista di Sandrigo

images/2021_foto_hockey_pista/medium/210127_grosseto.jpg

Archiviata la trasferta di Forte dei Marmi, il Circolo Pattinatori Edilfox Grosseto torna mercoledì sera in pista a Sandrigo (inizio alle 20,45, diretta streaming su fisrtv.it e su Media Sport Channel, ch. 296 del DTT) per disputare il recupero dell'ottava giornata, l'ultima in scaletta per il girone d'andata. Per i ragazzi di Federico Paghi è una partita importantissima per il prosieguo della stagione. Il quintetto veneto allenato da Franco Vanzo, reduce dalla sconfitta per 5-3 a Bassano, ha appena tre punti in più dei grossetani che, facendo risultato positivo, potrebbero continuare a lottare sia per la salvezza, ma anche per qualcosa di più, visto che i locali occupano attualmente la nona posizione della classifica. Saavedra e compagni, che non hanno risentito del pesante e bugiardo ko in Versilia, sono apparsi concentrati e determinati a proseguire la marcia intrapresa da un mese a questa parte, che ha già portato alla conquista di una vittoria e tre pareggi e ad una grande prestazione contro la capolista Lodi. Il match contro la Telea Medical Sandrigo è sicuramente alla portata dell’Edilfox, che ha una voglia matta di smaltire la rabbia per le dodici reti subite contro i campioni d'Italia.
«Eravamo partiti per vincere anche a Forte dei Marmi - ammette l'allenatore biancorosso Federico Paghi - ma non era certo la partita più importante per noi. L’abbondanza può far rabbia, ma è anche vero che è maturata a causa di decisioni arbitrali un po’ dubbie. Ho preferito non rischiare il terzo blu al portiere, che sarebbe diventato rosso; ho preferito risparmiare Mario Rodriguez, che da un mese e mezzo si fa quasi cinquanta minuti a partita e che nel corso della gara ha rimediato un colpo ad un dito della mano. A quel punto hanno giocato tutti i rincalzi e ho voluto verificare quello che mi possono dare. Il 12-1 è figlio di episodi. Fino al rigore (senza cartellino blu al portiere come è stato fatto con Saitta) per noi sul 4-1 siamo stati in partita, poi da lì in poi, dopo che il Forte ha allungato, non valeva la pena rischiare, visto che mercoledì abbiamo una partita importantissima».
«La partita di Sandrigo - aggiunge Federico Paghi - sarà molto difficile, però se il Grosseto gioca come ha giocato fino ad ora, nelle ultime cinque partite per intendersi, è giocabilissima. I nostri avversari hanno una squadra veloce, come lo sono un po’ tutte le formazioni venete, ben messa in campo. Una squadra da rispettare, di buona qualità».
I precedenti. Quella di mercoledì è la nona sfida in A1 tra le due squadre. Nei precedenti otto incontri si sono registrate quattro vittorie (tre in casa e una in trasferta) del Circolo Pattinatori, un pareggio e tre vittorie del Sandrigo, delle quali due nel 1978.
Per la trasferta veneta, Paghi e il suo vice Alessandro Saitta dovranno fare a meno di Alessandro Bardini, che mercoledì si sottopone ad un piccolo intervento ad un piede, mentre sarà regolarmente al suo posto Mario Rodriguez, nonostante il colpo ricevuto ad un dito della mano destra. A Sandrigo si sistemerà in panchina anche Leonardo Ciupi, classe 2004, un altro dei talenti del vivaio, che ben si sta ben comportando in serie B.
️I convocati: Saitta, Bruni; Battaglia, Buralli, Leonardo Ciupi, D’Anna, Fantozzi, Paghi, Rodriguez, Saavedra.

Ufficio Stampa CP Grosseto
Foto di Mimmo Casaburi