Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Terminato il corso per Aiuto Allenatore dedicato ai Tecnici di Hockey inline

images/medium/Corso_HIL_2020.JPG

Con la conclusione del corso che da Aprile a Dicembre 2020 ha visto impegnati su Zoom gli aspiranti Aiuto Allenatori / 1° livello giovanile, si chiude anche questo primo step formativo previsto dal nuovo programma didattico per l’hockey inline.

Alle lezioni tenute nelle "aule multimediali" si sono aggiunte anche quelle dedicate alla valutazione delle prove pratiche in pista, ai relativi test scritti ed ai colloqui orali. La maggior parte dei candidati sono risultati idonei, gli altri dovranno presentare degli elaborati aggiuntivi per concludere il percorso.

La grande novità didattica introdotta quest’anno è stata la produzione e presentazione di un Project Work da parte dei candidati. Questo particolare strumento didattico ha dato la possibilità agli stessi corsisti di mettere in luce le loro capacità di ricerca, di analisi e di confronto. Gli elaborati, che spaziano su diversi ambiti di competenza e conoscenza di cui un tecnico deve disporre, verranno pubblicati sul sito federale: i progetti migliori verranno anche tradotti in inglese e utilizzati durante corsi e seminari organizzati da SIRI HIL.

Marco Bellini, Responsabile SIRI Hockey Inline ha così commentato la didattica a distanza a cui la SIRI ha fatto ricorso durante la pandemia: "Ovviamente tra lezioni in presenza e lezioni a distanza, vi sono delle differenze sostanziali, ma avere la possibilità di utilizzare una metodologia come questa che permette di poter lavorare da casa che ha consentito di arrivare a tutti, per poi valutare quello effettuato con le prove in presenza come la pratica in pista, molto importante per la disciplina stessa. L’analisi delle esercitazioni in video, il confronto a video dei gesti tecnici, il movimento degli atleti in pista per una valutazione di macthanalysis ,ecc ecc…. hanno messo in luce che la metodologia utilizzata non ha grossi problemi organizzativi, costi limitati, pochi problemi di orari ed altro ancora. Unica differenza è l’aspetto sociale che ha un aula, cosa da non sottovalutare certamente. La videoconferenza potrebbe comunque essere mantenuta, almeno in parte, anche al termine della pandemia visto gli innegabili effetti positivi: ad esempio, ha permesso di poter trarre frutti anche dal progetto federale talento 2025, avvicinando tanti candidati tecnici provenienti da province sconosciute, al mondo hockey inline."

Questi solo alcuni degli argomenti trattati nei Project Work:
“L’età evolutiva: definizione, storia, oggetto dello studio la seconda fase dai 7 anni ai 13/14 anni" - Candidato:E.Crisci; tutor: Dr F.Lenci
“Teoria e metodologia del processo di allenamento sportivo” - Candidato: C.Cocco; tutor: Dr.saO.Solmi
“Abbandono precoce dello sport” - Candidato: M.Faravelli; tutor: Dr.sa O.Solmi
“La programmazione settimanale in vista della fase finale del Campionato Nazionale Giovanile nella categoria Under 12" - (Candidato: N.Olivieri; tutor: Tecn.D.Zurek)
“Qualità motorie. La forza muscolare, la resistenza, la rapidità e la mobilità articolare” - Candidato: E.Leo; tutor: Dr. L.Dutto
“Obesità giovanile e sport. Sovrappeso e obesità’” - Candidato: A.Bramante; tutor: Dr. L.Cervo
“Il Dirigente Sportivo nelle categorie giovanili. Reclutamento e formazione dello staff, aspetti legati alla gestione di una squadra di Under 12" - Candidato: L. Cardullo; tutor: Dr. M. Amadei
“La scelta dell'atleta nel ruolo del portiere, analisi della metodologia utilizzata e confronto con le altre discipline hockeyistiche (Ice, Rink, Street, Floorball e Prato)” - Candidato: N. Angeli; tutor: Tecn. J.Franko