Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

In Umbria c'è voglia di ricominciare, ma il Covid fa paura

images/medium/FISR_interviste_SaraM_UMBRIA.jpg

“Le attività stanno riprendendo, ma se da un lato le famiglie e gli atleti hanno tanta voglia di tornare a fare sport, dall’altro è ben radicata la paura di eventuali contagi da Covid-19” sono queste le prime parole del presidente del comitato regionale Fisr Umbria, Fausto Vignoli. Basti pensare che a causa del Coronavirus la Federazione ha deciso, in accordo con la locale società organizzatrice, di sospendere i Campionati italiani di pattinaggio corsa su strada che dovevano svolgersi a Terni. “Durante la pandemia ho cercato di supportare le 15 società presenti sul territorio - prosegue Vignoli -. Successivamente il mio intervento si è rivolto alla gestione del rientro dei club negli impianti sportivi comunali e nelle palestre scolastiche; in questo caso un grande aiuto è arrivato anche dal Coni regionale. Inoltre non sempre è stato semplice controllare il ritorno degli atleti e garantire con meticolosità tutte le disposizioni anti contagio”. Finora i pattinatori dell’Umbria hanno preso parte a un raduno interregionale di artistico svoltosi in Toscana alla guida del ct Fabio Hollan, mentre quelli della corsa hanno potuto partecipare a una gara svoltasi a Rieti il 20 settembre scorso. “Al momento non ci sono altre attività in programma, questo perchè aspettavamo di capire l’evolversi della situazione - chiude il vertice del comitato regionale federale umbro -. Si naviga a vista, speriamo che questa situazione di pandemia trovi presto una soluzione”.