Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Immagine mirko rimessiIl nostro Mirko Rimessi sarà un “Dreamer”, uno dei 7500 tedofori (dei quali 20 italiani) che porteranno la torcia con il fuoco di Olimpia al braciere delle Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018.

Anche un pezzo di pattinaggio a rotelle sarà presente alle prossime Olimpiadi invernali che si terranno a PyeongChang in Corea del Sud il prossimo febbraio.Il nostro atleta ed istruttore Mirko Rimessi ha visto coronarsi un sogno: sarà uno dei “Dreamers” (“coloro che perseguono i loro sogni per aprire nuovi orizzonti” secondo la definizione data dagli organizzatori di PyeongChang’18) dopo essersi candidato raccontando un Sogno che è suo ma è quello anche di uno sport intero: vedere finalmente il pattinaggio a rotelle ai Giochi Olimpici! 

Porterà la fiaccola a piedi e senza simboli, come vuole il regolamento, ma lo farà idealmente con le rotelle sotto le scarpe: per tutti i pattinatori che hanno sempre sognato l’ingresso alle Olimpiadi, per quelli che avrebbero veramente meritato di andarci, per quelli che avrebbero comunque solo guardato gli amici da casa e soprattutto per quelli più giovani che questo sogno potranno finalmente realizzarlo già dalle prossime olimpiadi giovanili di Buenos Aires 2018.
“Ma se un giorno – dichiara Mirko - potremmo andarci alle Olimpiadi ricordiamoci sempre che lo “Spirito Olimpico” comincia da lontano, da una pedana malmessa o da una palestra dove piove dentro, da pattini buoni solo per provare o che fanno tanto male ai piedi, e da tanta disponibilità (di sempre meno persone) di lavorare per promuovere il nostro sport e di fornire ai più piccoli quegli elementi che servono per una corretta crescita motoria e per sviluppo di una sana cultura sportiva. Perché non tutti potranno andarci, ma a tutti, quando si avvicinano al pattinaggio, dobbiamo far vivere un sogno.
Perché in fondo un vincitore è un sognatore che non si è arreso”.
Chi vorrà seguire il tragitto potrà farlo il 5 gennaio attraverso i canali ufficiali del Olimpic Torch Relay, come la pagina FB di PyeongChang 2018, assieme agli altri Italiani: Giusy Versace (poliedrica atleta paralimpica), Paola Gianotti (che ha fatto il giro del mondo in bicicletta), Frank Chamizo Marquez (campione di lotta libera di origini cubane), Danilo Callegari(scalatore e appassionato di sport in solitaria), Tess Masazza (attrice e influencer), Nicolò Balini (travel blogger), Federico Martini (ottimista di precisione), Giacomo Minello (informatico del futuro), Gianpaolo Fattori (il baseball in provincia, praticato e trasmesso), Giorgio Scuri (alpinista dal grande cuore), Matteo Dotti (camminatore per le vie del Mondo), Nadia Temperini (la forza di non fermarsi nonostante la malattia), William Palamara (di corsa nonostante il diabete), Marco Manenti (deejay delle emozioni), Massimo Arcidiacono (giornalista sportivo), Vittorio Brandi (scrittore, già tedoforo a Londra), Luca Figini (giornalista), Alessandro Isabella (insegnare e regalare benessere), Emanuele Pozzi (per il quale i sogni fanno superare gli ostacoli).
A Mirko ed ai 7500 tedofori che con la loro staffetta porteranno, di torcia in torcia, il fuoco di Olimpia per i 2018 km fino al braciere Olimpico va un in bocca al lupo da parte di tutta la FISR!

logo1-fihplogo2-fihpfirsnlogo4-fihp