Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

A Nanjing riflettori puntati sulla nazionale della Corsa

images/1-primo-piano/corsa/foto_coprtina_articolo_corsa_1_settembre.png

 

In una Nanjing caotica quanto uggiosa abbiamo voluto seguire per un’intera giornata la nostra nazionale di pattinaggio Corsa per capire quali sono le condizioni, gli umori, le sensazioni, le prospettive ed i sogni del team azzurro alla vigilia delle gare che dal tre settembre prossimo lo vedrà protagonista di questo incredibile palcoscenico cinese.

 Dopo quindici mondiali non c’è tra gli atleti convocati il mostro sacro, il riferimento per lo spogliatoio, la pluricampionessa mondiale Erika Zanetti che da poche settimane ha annunciato il ritiro dalla sua gloriosa attività, ma abbiamo creduto che la sua presenza fosse imprescindibile e perciò abbiamo deciso di portarcela lo stesso per fare tesoro della sua esperienza sportiva e della sua professionalità. Collaborerà in questa splendida avventura con la comunicazione della FISR.

Siamo alla Roller Course of Nanjing Sports Training Center e gli atleti già girano sull’anello che hanno avuto modo di collaudare nei mondiali dello scorso anno. L’impianto è imponente, abbiamo contato 4000 sediolini sulle tribune ma sappiamo che saranno molti di più gli spettatori che contorneranno la pista nelle giornate di gare.

21 ragazzi, 21 atleti, 21 campioni ma lo sono perché dietro a loro c’è l’oscuro quanto indispensabile supporto del preziosissimo staff coordinato dal Responsabile del Settore Tecnico Antonio Grotto. Citiamoli perciò uno per uno i vari Pierluigi Casiraghi (tecnico), Luca Bernacchia (preparatore atletico), Federica Pulcini (medico) e Gabriele Zazzarini (fisioterapista) che sono l’ossatura del team, alla supervisione del quale c’è il Consigliere federale Leandro Naroli , Capo della Delegazione.

Oggi, come negli altri giorni, doppia seduta di allenamenti, la mattina più soft mentre nel pomeriggio i ragazzi, agli “ordini” del Commissario Tecnico, completano le fasi di lavoro preparatorio ed affinano tecniche in attesa del grande giorno.

 Combinazione o scherzo del destino, nella stessa sessione di allenamento c’è la squadra colombiana, il “nemico da battere”, ma sembra che i nostri non siano per niente intimoriti, rispettano ed in alcuni casi temono la forza degli avversari-amici, ma sui loro volti leggiamo la controllata tranquillità e la viva consapevolezza di chi sa che deve mettersi i pattini per vincere e non per essere comprimari, frutto dell’attento e lungo lavoro preparatorio che ha impostato nei mesi scorsi il CT.

Massimiliano Presti ci ha raccontato che nulla è stato lasciato al caso, programmi di lavoro, mental coaching, persino l’alimentazione è seguita in maniera scientifica con un cuoco ed ingredienti italiani per non alterare le abitudini alimentari.

Qua l’obiettivo è quello di oltrepassare l’asticella della scorsa edizione, tenutasi nel 2016 sempre qui a Nanjing nello stesso impianto, e di superare il bottino complessivo di 5 ori, 9 argenti e cinque bronzi.

Un successo la Corsa lo ha già ottenuto portandosi a casa il portabandiera, vincendo la temibile concorrenza delle autorevoli candidature nelle altre discipline. Sarà Francesca Lollobrigida a vestirsi del tricolore alla fastosa e sorprendente cerimonia inaugurale (tenuta fino all’ultimo top secret dall’organizzazione in attesa dell’ok dal Ministero dello sport), e non poteva essere altrimenti.

 La Lollo, come la chiamiamo amichevolmente, con il suo pesantissimo bottino di medaglie mondiali (9 ori, 7 argenti e 5 bronzi), è stata scelta tra gli oltre 400 atleti azzurri che partecipano a questa prima edizione dei World Roller Games Nanjing ’17.

Ovvio, rappresenterà l’Italia tutta ma sarà anche la bandiera dell’intero movimento della Corsa ed il riferimento per gli altri 20 atleti che gareggeranno tra pista, strada e maratona in questi giorni cinesi, dal più anziano (si fa per dire, ha appena 28 anni) Danny Sargoni alla giovanissima sedicenne Anais Pedroni, la più piccola della comitiva. A proposito dei nostri atleti più giovani, occhio che tra pochi mesi alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires per la Corsa ci saranno le prime medaglie a cinque cerchi della storia!.

 In bocca al lupo e forza Azzurri!

 Segui qui tutte le info sui mondiali della Corsa ftp://firsftp.enetres.net/FISR/Corsa/

 

Foto by Erika Zanetti