Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Ai WRG straordinario bottino azzurro: Lollobrigida monumentale ma Di Stefano super

images/1-primo-piano/fotofinish.jpg

foto copertina corsa 5 settembreIeri avevamo visto il CT Massimiliano Presti che, pur non dicendolo, sembrava sorridere dei primi risultati della pista, ma dopo le gare e le medaglie di oggi la soddisfazione si leggeva visibilmente nel volto suo e di tutto lo staff coordinato dal Responsabile Grotto e supervisionato dal Consigliere Naroli.
Infatti, anche senza la monumentale impresa di Francesca Lollobrigida, che oggi vince un oro sfiorandone un'altro per 5 millesimi, e l’incredibile risultato di Di Stefano che porta a casa 2 titoli, se tiriamo un primo provvisorio bilancio del mondiale su pista appena terminato, il totale è assolutamente positivo se si confronta con la scorsa edizione tenutasi, sempre qui, meno di un anno fa. A Nanjing ’16 il bottino finale fu di 3 ori, 2 argenti ed 1 bronzo, qui ai World Roller Games Nanjing ’17 sono 4 ori, 4 argenti e 4 bronzi, ed ora attendiamo ora la strada!
La giornata odierna prevedeva un concentrato da mettere i brividi, con un programma ininterrotto di gare durato oltre 15 ore per recuperare il tempo perduto a causa della pioggia dei giorni scorsi.
Si inizia con i 1000 metri sprint che partono con la gara Junior femmine. In campo per l’Italia Giorgia Bormida e la giovanissima Anais Pedroni che, batteria dopo batteria, arrivano agguerrite in finale, dove esplode tutta la loro potenza e la voglia di fare bene. All’ultimo giro la prima parte forte e resta a lungo in testa ma negli ultimi metri passa la colombiana Perez che vince l’oro davanti alla Bormida e, anche se un po’ staccata, all’ottima Pedroni.
Nella Junior maschi invece Gabriele Galli si ferma in semifinale (14°) mentre Daniele Di Stefano fa qualcosa di straordinario e forse inaspettato anche al CT Presti che lo aveva schierato all'ultimo momento in gara. Il giovane di Ladsipoli non solo riesce ad acciuffare la finale ma la va addirittura a stravincere, con una condotta di gara d'altri tempi, davanti al colombiano Campo ed al sudcoreano Park. Epico!
Tra le Senior la Lollobrigida, smaltita la “sbornia” sportiva dell’oro di ieri sera, torna in gara su una distanza non propriamente sua e non ci regala l’oro per una manciata di millesimi. A due giri dalla fine rimane incastrata dietro ma, tirando fuori una potenza da leone, rimonta fino a sfiorare, con arrivo in spaccata, la vittoria assegnata solo al fotofinish alla colombiana Viveros terza la belga Tas, decima la Bonechi.


Il fotofinish della gara della Lollobrigida


Nei maschi altra grandissima prova di Marsili, il ragazzo senese che si contraddistingue per umiltà e simpatia, ma anche per forza e carattere che, nonostante sia alla prima finale mondiale, sfiora addirittura il podio finendo 4°, con Mareschi 17°.
In una rincorsa contro il tempo si riparte subito con la gara sprint dei 300 metri crono.
Le prime finali sono riservate, come da consuetudine, agli atleti junior. Iniziano le femmine e perdiamo la medaglia di bronzo per pochi millesimi con la solita Bormida, mentre la Pedroni si ferma, subito dietro, al quinto posto della classifica finale. Tra i maschi non raggiungiamo la zona medaglie con Maiorca che pur andando a migliorare il tempo della mattina finisce al sesto posto, mentre Rossetto rimane sui tempi mattutini perdendo posizioni e classificandosi ottavo.
Forse in alcuni casi si è fatto sentire il peso della fatica di una mattinata agonistica molto impegnativa seppur portatrice di medaglie.
Nei senior maschi nelle retrovie Marsili e Sargoni mentre tra le donne, in una specialità che negli ultimi anni ha sempre regalato all’Italia tante soddisfazioni, la veterana Bongiorno si ferma al sesto posto, scendendo rispetto al piazzamento della mattina, più dietro la Bonechi (14°). Sapranno rifarsi su strada.
In serata le finali delle gare lungo e l’atmosfera si scalda subito con l’attesissima 15.000 punti eliminazione femminile senior con una Lollobrigida monumentale, La nostra portabandiera, dopo un testa a testa con la colombiana Arias e la belga Tas a prendersi punti preziosi, senza scomporsi e con la stoffa della campionessa manda avanti la compagna di squadra Laura Brandolini che tira riuscendo a riportarla in scia. Vince grazie ad un finale di gara impressionante per un solo punto che conquista vincendo la volata al traguardo.
Tra le junior impegnate nella 10000 eliminazione, la Lorenzato fresca di medaglia nella punti entra in gara per aiutare la compagna Fausti fino all’eliminazione ai meno 5 giri. Quest’ultima tiene il passo e, dopo un rischio, arriva a sprintare con la Colombia e la Korea ma si deve “accontentare” del 3 gradino. Tra i Maschi erano invece in campo Quarona, sempre pronto a mettersi a disposizione, insieme al fresco campione mondiale dei 1000 Mt Di Stefano con la posta in palio alta e gli atleti da battere peggio. Ma per la seconda volta gli avversari devono abbassarsi alla stratosferica forma fisica che sta accompagnando Daniele. Per tutta la gara non lascia nulla a caso, lo vedi avanti, dietro, dappertutto. Parte ai meno 2 con il coraggio di quelli che sanno cosa vogliono e va a vincere il suo secondo oro.
Infine i Senior maschi Niero e Mareschi nella 15000 mt punti eliminazione partono in salita con Niero che incappa in una caduta nella prima metà di una gara, a questo punto compromesa, dove poteva ben figurare, mentre Mareschi prova a ricucire qualche fuga ma alla fine viene eliminato.
Questa giornata interminabile quanto indimenticabile si chiude con le classiche 3000 Americane. Partono, come di consueto, con il quartetto junior femmine composto da Lorenzato, Luciani, Bormida quarte poi è la volta dei maschi (Quarona, Di Stefano, Maiorca) arrivati quinti. Torna di nuovo in pista Francesca Lollobrigida che insieme alla sorella Giulia ed a Brandolini arrivano anche loro quarte, infine la formazione senior maschi, con Niero, Maresch e Marsili conquista un bronzo a chiusura di giornata che arricchisce ulteriormente il bottino azzurro alla fine di 8 medaglie.
Domani si riposa e poi si ritorna con la Strada e la maratona.
Sulle pagine dedicate del sito FISR e sui social federali sarà garantita la copertura integrale dell’evento con continui aggiornamenti che consentiranno a tutti gli appassionati del tricolore di conoscere in tempo reale i risultati, le medaglie ed il medagliere dei nostri azzurri.
Potrai consultare qui risultati, tabellini, comunicati stampa, foto e video della Corsa
FORZA AZZURRI!