Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Il 2015 un anno straordinario per il Downhill italiano

images/1-primo-piano/downhill/IMG-20151013-WA0003.jpg

copertinaDownhill131115Può considerarsi conclusa la stagione europea del downhill 2015 ed è il momento di tirare le somme di un’annata che è stata particolarmente favorevole agli atleti italiani che cominciano a raccogliere i frutti di un intenso ben programmato lavoro di preparazione.

Angelo Vecchi vince con ampio margine la Coppa del Mondo di downhill, coronando una stagione memorabile e confermandosi una volta di più atleta di spicco internazionale.
Raffaele Amore conquista un meritatissimo bronzo in Coppa del Mondo, pur concludendo a Teolo la sua brillantissima stagione: la costanza dei risultati ottenuti testimonia l'enorme miglioramento della sua tecnica e forma fisica, prima che l'infortunio sul campo di gara padovano lo costringesse al lungo periodo di fermo che tuttora perdura: a lui vanno tutti i più grandi complimenti per la straordinaria performance di quest'anno e un abbraccio forte col più grande augurio di proseguire la sua corsa al podio già dal prossimo anno!
Altrettanto straordinaria la stagione di Massimo Rigoldi, sempre più spesso a ridosso della zona podio; può letteralmente guardare dall'alto in basso atleti ben più giovani di lui.
Un ottimo sesto posto per Davide Tacchini, che nonostante una stagione di rincorsa a recuperare la forma fisica persa nei numerosi interventi, riesce comunque ad ottenere un ottimo piazzamento.
In campo femminile Martina Paciolla ottiene un meritatissimo argento piazzandosi al secondo posto della classifica di Coppa del Mondo, confermando le sue ottime qualità di discesista già al secondo anno di attività; stabilmente sul podio, le sue prestazioni fanno assai ben sperare per i prossimi anni. Brava Martina!
Anche per quest'anno, soprattutto alla luce degli straordinari miglioramenti ottenuti in gara dagli atleti più assidui, continuerà il ciclo di raduni mensili coordinati da Andrea Mantegazza: lo scopo è quello di perfezionare la preparazione tecnica degli atleti e fornire a tutti spunti e suggerimenti personalizzati, anche tramite la visione di filmati, per la preparazione invernale da svolgere singolarmente a casa; l'obbiettivo è quello di stimolare gli atleti a migliorarsi attraverso l'evidenziazione reciproca degli errori, ed il riesame dei miglioramenti nelle sedute successive, stimolando contemporaneamente, la coesione e lo spirito di squadra.
Sarà di estrema importanza per tutti gli atleti del downhill o aspiranti tali, la partecipazione ai raduni, come testimonia la straordinaria stagione 2015, auspicando per quest'inverno una ancora più ampia partecipazione.
Siamo anche al lavoro per la redazione di un testo mirato al Downhill, ove vengano sviscerati, anche con l'aiuto di software e ricercatori dei vari settori, oltre ad aspetti tecnici generali, anche principi avanzati di aerodinamica, biochimica e psicologia prettamente inerenti la disciplina del downhill
L'affiatamento e l'impegno dimostrato dagli atleti in questa stagione, ci rendono molto ottimisti per i Mondiali 2017; già il prossimo anno, se verrà accettata la candidatura di San Sebastian ai Mondiali FIRS 2016, potremmo avere una sorta di "prova generale" di Barcellona 2017: forza ragazzi, impegno e concentrazione!

IMG 20151013 WA0005

IMG 20151013 WA0004