Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

12 titoli e tanto spettacolo alla prima giornata degli Indoor di Pescara

images/1-primo-piano/medium/copertina.jpg

Come da tre anni a questa parte inizia da Pescara la stagione del pattinaggio Corsa con il consueto appuntamento degli italiani indoor. Sarà un 2021 ancora condizionato dall’emergenza da Covid19 e tutta l’anomalia della situazione si pesa in pista, negli spogliatoi e sugli spalti. Non sarà proprio edificante la mancanza del tifo dalle tribune, l’obbligo del tampone a tutti e le presenze contingentate degli stessi atleti all’interno del Palazzetto comunale “ex Gesuiti” ma sono le uniche regole per gareggiare, che è, alla fine, quello che più conta per i ragazzi ma anche per i loro tecnici e le società. Sicuramente è pesante, e molto, la mancanza dello speaker e trascinatore Sergio Scipioni che con la sua scomparsa ha lasciato una voragine difficilmente colmabile in tutto il mondo della Corsa.
Seconda manche degli indoor, quest’anno spezzati in due week end con i Ragazzi a far da prologo nello scorso, ed Allievi, Junior e Senior in pista oggi e domani per 18 titoli tricolori.
Si parte con la gara sprint a cronometro sul giro secco di pista con atleti contrapposti dove nella categoria Allievi vincono l’oro Riccardo Ceola della Polisportiva Bellusco (MB) e Giorgia Fusetto della Polisportiva Casier di Treviso da tenere d’occhio perché infila il terzo titolo in tre anni (prima da Ragazzi e lo scorso anno da Allievi), mentre tra gli Junior salgono sul gradino più alto del podio il promettente Andrea Cremaschi ed Ilaria Carrer, rispettivamente, stesse società della gara sopra, della Polisportiva Bellusco e della Polisportiva Casier.
I titoli assoluti hanno lo stesso copione dello scorso anno. I maschi si contendono il tricolore sul filo dei centesimi e, alla fine è il velocissimo Duccio Marsili della Mens Sana di Siena a precedere la medaglia olimpica Vincenzo Maiorca della Olimpiade Pattinatori Siracusa e Danny Sargoni della APD Juvenilia di Macerata. Tra le donne l’iridata Asja Varani si riconferma la regina assoluta dello sprint italiano conquistando, con quasi mezzo secondo di vantaggio su Asia Libralesso (Pattinatori Spinea) e Valentina Buccolini (APD Juvenilia Macerata) il gradino più alto del podio.
In serata si passa dalla super velocità alle gare lunghe a punti. Le prime, quelle sui 3000 metri riservate alla categoria Allievi, vedono trionfare Manuel Ghiotto della Alte Ceccato Club di Vicenza e, per la gioia del papà Massimiliano, CT della nazionale presente come sempre sugli spalti, la giovane Giulia Presti della Roller Civitanova (MC).
Nei 5000 metri riservati agli Junior Giorgia Corsini della Pattinatori Savonesi, tra le donne, bissa il successo dello scorso anno, mentre tra gli uomini, vince il titolo Mattia Fioretti della Pattinatori Maremmani di Grosseto.
Nelle ultime gare della serata è il campione mondiale junior Daniele Di Stefano (ADHP Gruppo Cosmo VE) a conquistare il tricolore, davanti all’inossidabile Giuseppe Bramante della Mens Sana di Siena ed a Riccardo Lorello della Polisportiva Bellusco. Mentre tra le donne, Linda Rossi della Torollski Center di Pesaro conquista l’oro, argento a Luisa Woolaway dello Skating Concorezzo (MB) e bronzo ad Edda Paluzzi della Rolling Bosica di Teramo.
Domani giornata dedicata ai sei titoli sui 1000 metri sprint che, come sempre, saranno visibili in diretta streaming sulla FisrTV.
Guarda qui tutti i risultati

Foto by Smile Photoagency