Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

FINALE SCUDETTO – “Egalitè”! Vicenza strappa il break a Milano e riporta tutto in parità. Sabato si assegna il tricolore #24

images/medium/WhatsApp_Image_2021-05-20_at_14.19.47.jpeg

Se ce lo concedete, intendiamo abusare (per l’ultima volta, promesso) del classico “quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare” perché ieri sera, a dimostrarlo ancora una volta, sono i Diavoli Vicenza, che con grandissima caparbietà sono definitivamente risaliti dalla buca (bella profonda) in cui erano caduti con lo 0-2 nella serie di Finale. Sigmund e compagni si sono rimboccati le maniche e, un pezzo alla volta, hanno rimontato Milano nella serie vincendo Gara 3 in casa (8-3) e, ieri sera, Gara 4 nella tana del Quanta (7-2). La serata di ieri ha visto il Quanta Club tingersi di biancorosso, con i ragazzi di Roffo ad imporsi con un eloquente 7-2 dopo un primo tempo in sostanziale equilibrio (2-1 Vicenza).  Sconfitta che costa cara ai rosso blu di Luca Rigoni che falliscono così il secondo match point consecutivo e si ritrovano ora a dover “serrare i ranghi” per la trasferta di Vicenza di sabato prossimo. Sarà quindi un vero e proprio spareggio quello di Gara 5 (seconda volta nella storia della disciplina), dove si arriverà alla resa dei conti definitiva con la certezza che una delle 2 contendenti al termine del match potrà cucirsi il Tricolore al petto.

Veniamo alla gara: la trama è la solita dei precedenti incontri, Milano lascia il pallino a Vicenza per provare poi a colpire in contropiede ma, la disattenzione difensiva di Fabio Rigoni sulla pressione di MacDonald, concede a Delfino di bucare Mai già dopo 2 minuti di orologio, mandando all’aria il “piano tattico” preparato dalla coppia Rigoni-Mantese. Vicenza comanda il gioco rendendosi più volte pericolosa dalle parti del portiere avversario bravo a sventare sia su MacDonald che su Frigo (Nicola) mentre dall’altra parte è il solo Lettera a cercare la giocata offensiva, che per un pelo non riesce al “mago di Molina” al 13mo con Frigo (Michele) salvato dal palo di destra. Sul finire di tempo, al diciassettesimo, è lo svedese Wennerstrom a trovare la conclusione chirurgica che sorprende Mai sul suo palo e porta a 2 le reti di vantaggio degli ospiti. Il gol sembra “accendere” Milano che ha una reazione d’orgoglio che si trasforma in una rabbiosa pressione nella metà campo avversaria e, su un disco recuperato da Lettera proprio in attacco, è Banchero a riaprire il match con la staffilata dell’1-2. Ancora Milano, subito dopo l’ingaggio, a ripartire “di grinta” e a beneficiare di un powerplay (out Sigmund) per una ostruzione, sulla sirena, a Belcastro partito in break. La ripresa vede quindi Milano avere la ghiottissima occasione di sfruttare l’uomo in più ma le idee dei padroni di casa sono abbastanza confuse e così arriva solo una conclusione dalla media distanza di Caletti che non sorprende un Frigo apparso decisamente in serata. Il non aver convertito in rete il powerplay (un fondamentale in cui il Quanta ha particolarmente convinto nei playoff) sembra “togliere la spina” ai ragazzi di Rigoni che fra il 26mo ed il 30 alzano bandiera bianca innanzi al sigillo di Sigmund e all’uno-due mortifero di Delfino che allarga il divario fino ad un pesantissimo 5-1. Milano reagisce ancora d’orgoglio ma stavolta in maniera assai scomposta e presta il fianco alle incursioni beriche che valgono un’altra doppietta in pochi minuti ad opera di Nicola Frigo (a segno in ogni gara di Finale) intervallata dall’estemporanea marcatura di Battistella che era valsa il temporaneo 2-6. Una serata a dir poco perfetta quindi per Vicenza che coincide con il peggior passivo mai incassato dal Milano in una serie di Finale fra le mura amiche.  Queste le parole dell’MVP vicentino Michele Frigo: << Era fondamentale, dopo aver vinto in casa in gara 3 con un vantaggio largo, fare nostra anche questa partita. Primo perché una sconfitta avrebbe chiuso i giochi e poi perché con una vittoria così, secondo me, abbiamo fatto un passo in più e migliorato l’approccio alla prossima partita. Abbiamo sicuramente uno spirito positivo per affrontare Gara 5; tocca a loro venire a casa nostra, noi siamo carichi e li aspettiamo. Vogliamo veramente questo scudetto". Sabato, al pattinodromo di viale Ferrarin, gli ultimi 40 (o più) minuti di una stagione che più emozionante non poteva davvero essere. Stay tuned!

 

SERIE A – I risultato di Gara 4 (mercoledì 19.05) 

Milano Quanta - Diavoli Vicenza: 2-7 (pt. 1-2)

 

Il risultato di Gara 1 (sabato 08.05) 

Diavoli Vicenza – Milano Quanta: 2-4 (pt. 1-1)

 

Il risultato di Gara 2 (mercoledì 12.05) 

Milano Quanta - Diavoli Vicenza: 4-3 overtime (pt. 1-2; st. 3-3)

 

Il risultato di Gara 3 (sabato 15.05) 

Diavoli Vicenza – Milano Quanta: 8-3 (pt. 2-3)

 

Serie scudetto sul 2-2 (best of 5)

 

Il programma delle Finali:

Gara 5 (sabato 22.05) 

Ore 20.00 Diavoli Vicenza – Milano Quanta

 

L’andamento dei Quarti di Finale:

Diavoli Vicenza (1) – Monleale (8): 7-2 e 9-4. Vicenza vince la serie 2-0

Ferrara (2)– Asiago Vipers (7): 1-4 e 3-5. Asiago vince la serie 2-0

Milano Quanta (3) – Real Torino (6): 4-0 e 7-3. Milano vince la serie 2-0

Ghosts Padova (4) – Cus Verona (5): 8-1 e 7-2. Padova vince la serie 2-0

L’andamento delle Semifinali:

Diavoli Vicenza (1) – Ghosts Padova (4): 8-1; 3-2 e 8-4. 

Vicenza vince la serie 3-0

Asiago Vipers (7) - Milano Quanta (3): 1-3; 2-7; 0-3 

Milano vince la serie 0-3

 

SEGUITECI

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV:  https://bit.ly/3tQyCX8  o  Youtube 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX

Instagram: https://bit.ly/31JJXdo

Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF

 

Credit foto Vanessa Zenobini