Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Mondiali inline: Vittoria all'esordio per le azzurre

images/medium/PHOTO-2021-09-08-22-30-54.jpg

Ready, steady, go! Oggi è iniziato ufficialmente il Mondiale 2021 di hockey inline.
Manifestazione tanto attesa che ha trovato “casa” in Italia grazie all’impegno della città di Roccaraso che torna così ad ospitare dopo dieci anni un evento così importante. Tanto fermento e moltissimo entusiasmo sia degli addetti ai lavori che delle formazioni giunte fin dalla mattina al Pala Bolino messo a disposizione dei team per la prova pista. Un momento di rito e indispensabile per prendere confidenza con quello che sarà il teatro delle gare dei prossimi giorni.

Neanche a dirlo l’attesa era tutta per l’esordio della nostra rappresentativa femminile che alle 19 sarebbe andata in scena contro la Colombia. Pioggia e temperatura esterna “poco amichevole” ma non importa perché all’interno dell’impianto il fervore per l’esordio iniziava a salire in modo esponenziale.
Italia che entra in pista decisa e grintosa: partire con il piede o per dirla meglio, con il pattino giusto, è fondamentale in questi casi. Le azzurre di Capitan Di Giovanni impostano e sembrano per lunghi tratti gestire il gioco e le situazioni, ma le occasioni pericolose e propizie stentano ad arrivare, come le reti. La Colombia si dimostra avversario ostico e non da sottovalutare, lo sa bene Coach Ceschini che durante il riposo cerca e riesce a spronare le ragazze.
La cosa si percepisce subito, ecco infatti che basta un giro e mezzo di orologio per vedere rompere gli equilibri grazie alla rete si Speranza. Rotti gli indugi la strada sembra spianata, o almeno così si poteva pensare, ma le avversarie non ne vogliono sapere e diventando sempre più pericolose di fronte la porta difesa da Brisinello.

Azzurre che non riescono ad avere il giusto cinismo in un paio di occasioni che avrebbero potuto chiudere la gara e così, quando mancano poco più di tre minuti al termine arriva il pareggio della Colombia che riapre le sorti della gara.
Un colpo che avrebbe potuto avere brusche ripercussioni sul morale delle nostre ragazze, sopratutto dovendo affrontare un over time subito dopo aver subito una rete. Preoccupazioni che però svaniscono abbastanza velocemente perché nel tempo supplementare l’Italia lotta con cuore e testa difendendo il risultato fino alla lotteria dei rigori.
In questo caso sì, oltre che le capacità ci vuole anche forza e lucidità mentale, fattori che l’Italia ha messo in mostra andando a segno per ben due volte con Bisi e Faravelli -senza subire ulteriori reti- facendo pendere l’ago della bilancia a favore dei colori azzurri.

Un inizio al cardiopalmo, forse non era così l’esordio che ci si aspettava come ha dichiarato proprio il goalie azzurro a fine gara, ma tanta adrenalina e la giusta carica per affrontare le prossime gare. Due punti importanti che vanno goduti, ma la mente deve subito andare all’incontro di domani contro la temibile Argentina.