instagramyoutubepinterestgoogleplus

Serie A: dopo il turno infrasettimanale si torna in pista. Trasferta impegnativa ad Asiago per la capolista Milano e Trieste-Padova per ritrovare il sorriso

images/medium/WhatsApp_Image_2021-12-10_at_19.05.00.jpeg

Ebbene sì, questa settimana teniamo il piede in due staffe. Però anche se la connotazione di questa espressione è solitamente negativa, in questo caso parliamo di doppio gioco solo riferendoci ai due turni settimanali che la Serie A sta svolgendo in questi giorni. Tra le giornate di martedì e mercoledì si è infatti svolta l’undicesima giornata di campionato e senza pensarci troppo si lustrano le piste, si asciugano in fretta le attrezzature e si torna a giocare. Vi avevamo detto che l’appuntamento infrasettimanale ha sempre il suo fascino e che ci attendavamo qualche sorpresa e colpo di scena. Beh! Siamo stati accontentati e non potevamo chiedere di meglio perché ancora una volta è giunto un segnale forte dai campi: la stagione è viva e ha ancora tanto da raccontare. Non ci resta che presentarvi gli incontri di domani, ma prima facciamo un breve riassunto di ciò che è accaduto in settimana.

Le gare infrasettimanali - Se è vero che “né di venere né di marte (venerdì e martedì n.d.r.) non si dà principio all’arte”, allora la Lepis Piacenza ha preso le misure per uscire dal proprio torpore di risultati. Contro il Milano non era facile, una vigilia che destava preoccupazioni alla formazione emiliana per via delle assenze importanti in vista di una gara così impegnativa, ma i ragazzi di coach Turillo non hanno affatto sfigurato, anzi. In casa della corazzata meneghina, anch’essa però “orfana” di giocatori di punta come Vendrame e Hodge, il Piacenza ha dato vita a forse la migliore prestazione stagionale fin ora. Un primo tempo che termina 2-1: alle due reti del solito Fiala risponde Tiburtini, mentre nel secondo tempo, sempre trascinati dal fuoriclasse ceco artefice di altre tre reti, arriva il raddoppio di Fusco. Un 5-2 che regala punti al Milano, che in una giornata opaca ha dalla sua un indispensabile quanto devastante Fiala, ma che soprattutto fa tornare a casa il Piacenza con il morale alle stelle come ammette Mauro Milani a fine gara: << La nostra squadra è finalmente riuscita a ritrovare ritmo e gioco. Quella contro il Milano è stata la migliore prestazione sportiva di quest'anno. Siamo stati concentrati e determinati per tutta la partita riuscendo a tirare fuori il meglio contro una squadra nettamente più forte. Giocare contro formazioni del calibro di Milano ci permette di migliorare nella visione di gioco e di affinare timing e comunicazione in partita >>. Meno soddisfatto il coach rosso-blu Sommadossi che, messi comunque un cassaforte i tre punti, pensa già al prossimo impegno: << Partita giocata a ritmo basso, abbiamo avuto un atteggiamento troppo superficiale. Nonostante le poche reti di scarto il risultato non è mai stato messo in dubbio, potevamo segnare molto di più. Ovviamente sabato ad Asiago sarà tutta un’altra partita e anche le misure del campo faranno in modo che il ritmo sia molto più alto >>.

Vicenza il Diavoli non si lasciano sorprendere dall’Edera Trieste e con quattro reti per tempo archiviano la gara di mercoledì. La formazione giuliana, nonostante il buon periodo di forma, nulla può difronte la seconda forza del campionato e deve leggere l’occasione come possibilità di crescita. Punti che difficilmente sarebbero arrivati, ma forse i giovani ederini avrebbero voluto dare di più come si intuisce dalle parole di Federico Sindici:<< Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile e così è stato. Fra qualità e quantità del roster non possiamo competere contro i Diavoli. Siamo rimasti in cifra singola e li abbiamo contenuti, non ci aspettavamo di più, potevamo solo far meglio in fase di possesso del disco >>. Per i Diavoli invece è stata una gara controllata fin dall’inizio dove l’allenatore giocatore Nathan Sigmund ha potuto far ruotare tutti i presenti e provare qualcosa in più. Alle reti del primo tempo di Pace, Francon, Delfino e Baldan, sono susseguite quelle ancora di Delfino (doppietta), altre due di Pace e di Sigmund. Un secco 8-0 che lascia soddisfatto proprio l’autore della tripletta Fabrizio Pace che a fine gara riferisce quanto segue: << È stata una bella partita, secondo me abbiamo giocato bene anche in fase difensiva riuscendo ad aiutare Michele (Frigo n.d.r.) a non prendere gol. Abbiamo giocato a tre linee omogenee e penso che potremo continuare su questa strada >>.

La sorpresa del mercoledì sera arriva da Padova dove i Ghosts vengono sorpresi dai falchi di Monleale. Stavolta i piemontesi fanno davvero la parte dei rapaci e con grinta e determinazione conquistano tre punti pesantissimi ai fini della classifica su uno dei campi più difficili della massima serie. Il primo tempo è un batti e ribatti continuo nel quale le squadre sembrano darsi pugni a guardia abbassata. Incassano e colpiscono senza esitazione. Al doppio vantaggio di Carretta e Lorenzo Campulla ci pensa Crisci (doppietta) a pareggiare i conti; Elia Calore cerca di allungare ma Pagani firma il 3-3 e rimanda tutto al secondo tempo. Nella seconda frazione Carron e Alutto spostano l’asticella dei gol più in alto, ma gli ultimi minuti di gara sono tutti bianco-arancio che con Castagneri prima e Novelli poi, concretizzano il sogno di vittoria. 4-6 rocambolesco che consegna nella mani dei ragazzi di Cintori una vittoria inaspettata, almeno alla vigilia, ma altrettanto meritata. A parlare per il Monleale ci pensa il goalie Nicolò Grando: << Questa partita è stata molto combattuta e sono contentissimo di come hanno giocato i miei compagni. I nostri avversari sono stati costanti e combattivi fino alla fine, ma tirando tanto e bene siamo riusciti ad andare in vantaggio >>. Comprensibile rammarico invece nella dichiarazione di Giulio Carretta che ammette: << Abbiamo iniziato giocando come ci piace, abbiamo fatto la partita per tutto il primo tempo mente nel secondo abbiamo perso in lucidità peccando parecchio in difesa e infine abbiamo buttato la partita del tutto. C'è grande rammarico perché questo non era il Padova che tutti siamo abituati a vedere >>.

Era lo scontro diretto dell’undicesimo turno: Cus Verona e Cittadella Hockey hanno regalato spettacolo e gol e alla fine sono stati gli scaligeri ad avere qualcosa in più. Nel primo tempo i granata, dopo essere andati in svantaggio con la rete di Carrer, riescono a reagire capovolgendo la situazione e così, grazie alla doppietta di Sambugaro e Lago vanno sul 1-3. Gruber accorcia per i padroni di casa, Torni fa allungare nuovamente il passo agli ospiti ma ancora Gruber (doppietta) tiene in gara il Verona. Nel secondo tempo i gialloblu trovano le occasioni giuste da sfruttare appieno e con Carrer (doppietta) e Roffo pareggiano e sorpassano per la seconda volta il Cittadella. Negli ultimi sei minuti arrivano le reti di Roffo (doppietta) e Novarese a far crollare definitivamente le speranze dei granata che non riescono più a riprendere la gara pur segnando con Bido negli ultimi secondi. 7-5 per il Cus che fa un ulteriore balzo in classifica e si gode la vittoria prima di tornare in pista, ma serve fare più attenzione come ci fa sapere il responsabile del settore hockey Rossano Freschi<< Abbiamo visto un Verona tonico e costruttivo rimontare un Cittadella mai arrendevole e comunque sempre in partita. Resta da mettere a punto una fase difensiva che troppo spesso va in affanno lasciando agli avversari ampi spiragli per concretizzare a rete >>.

Back to the future - Tempo di rimettersi in discussione con le gare consuete del sabato sera. Riprendiamo proprio da Cittadella dove la squadra del presidente Pierobon attende il Monleale. I granata devono subito scrollarsi di dosso la delusione e mettere in pista orgoglio e voglia di vincere per provare a fare punti contro un galvanizzato Monleale che dalle parole di Edoardo Crisci sembra più determinato che mai: << Dopo la bella vittoria contro Padova si è sicuramente alzato il morale della squadra, cercheremo quindi di cavalcare l'onda dell'entusiasmo per portare a casa altri punti preziosi contro una diretta rivale >>.

Il Cus Verona cercherà nuovamente i favori della pista di casa per affrontate i Ferrara Warriors, che torneranno in pista dopo lo stop causato da alcuni casi di positività al Covid. Gli scaligeri, forti della bella vittoria di qualche giorno fa, cercheranno di bissare puntando a frenare la squadra allenata dal duo Crivellari-Bellini. Sarà interessante vedere come i padroni di casa scenderanno in pista, soprattutto con quale atteggiamento mentale, ma sembra comunque esserci tranquillità nell’ambiente veronese come si percepisce dalla dichiarazione di Rossano Freschi<< Bisognerà fare molta attenzione perché è risaputo che gli estensi sono squadra molto aggressiva e dal gol facile. Siamo comunque certi che i nostri ragazzi sapranno prendere le precauzioni necessarie per cercare di disputare una buona gara >>.

Dopo le delusioni di mercoledì sera arriva subito l’occasione per l’Edera Trieste e i Ghosts Padova, di recuperare punti e sorriso. Ultimo turno che ha lasciato per entrambe l’amaro in bocca e se per la formazione giuliana c’era poco da fare, per i patavini resta il rammarico di una vittoria alla portata che è stata lasciata andar via. Ecco quindi che la gara in questione sarà fondamentale per rimettersi immediatamente in carreggiata come ci fa sapere Roberto Florean<< Siamo sulle montagne russe! Ad ottime prestazioni alterniamo partite inguardabili. D'altronde la squadra è giovanissima e qualche partita di confusione ci sta. Mi aspetto una reazione d'orgoglio del team nella speranza di ritrovare il filo del gioco che abbiamo completamente smarrito a Vicenza >>.

Tempo di dimostrare che a Milano non è stato un caso. La Lepis Piacenza passa dalla prima alla seconda in classifica e accoglie in casa niente meno che i Diavoli Vicenza. Come detto in apertura, gli emiliani sono usciti dal Quanta con una sconfitta che li tiene bloccati in coda, ma con in tasca una prestazione che ha regalato loro tanta autostima. Adesso però serve continuità, almeno di gioco perché se sulla carta risulta improbabile un colpo di scena, i lupi devono alzare il loro ritmo senza fare passi indietro. La formazione berica invece, oltre all’avvicinamento geografico, proverà con questa gara anche l’avvicinamento in classifica ai danni dei meneghini impegnati in una trasferta ben più impegnativa. 

Proprio sull’altopiano, precisamente nella pista di Via Cinque, gli Asiago Vipers attenderanno l’arrivo della capolista HC Milano. Inutile dire che le gare tra queste due formazioni accendono in tutti noi la spia dell’immaginazione e non riusciamo a pensare ad altro che ad una gara ricca di adrenalina. La scorsa stagione i veneti diedero filo da torcere a lombardi, sia in regular season che in Coppa Italia (vittoria del Milano ai rigori) mentre ci fu “più Milano” in occasione delle semifinali scudetto. Quest’anno sembra sia lo stesso. Nella gara di andata, Banchero e compagni riuscirono ad avere la meglio vincendo con un risicato 3-2 e stavolta sulla pista delle “vipere” dovranno dare il massimo per non rischiare morsi letali. Per farlo i rossoblu si affideranno anche a Emanuele Ferrari che alla vigilia fa sapere: << Il mio rientro dopo l’infortunio era previsto proprio per la trasferta di Asiago, ma in accordo con medici e coach ho bruciato un po' i tempi giocando le ultime due partite. In questi casi l’aspetto più difficile da gestire è quello mentale, cioè liberare la testa della paura di una ricaduta. Le sensazioni sono buone, ma ora arriva una partita di quelle in cui non c’è tempo per pensare ad altro che dare tutto ad ogni cambio. Pista difficile, dove ogni errore può costare caro e il buon ‘Tapio’ (Luca Rigoni n.d.r.) contro di noi sono certo che vorrà fare un figurone >>. Dopo il turno di sosta forzato si torna in pista ed in casa Asiago il clima partita inizia ad andare in ebollizione e per l’occasione è il presidente Fabio Forte a parlare: << Ci aspettiamo una gran bella partita contro una squadra che pur essendo raramente al completo (all’andata contro di noi lo erano) ha saputo solo vincere, a volte soffrendo ma spesso dominando. Hanno individualità che possono spezzare il match in qualsiasi istante e quindi noi dovremo fare la “partita perfetta” per cercare di restare nel match il più a lungo possibile. Dobbiamo giocare di squadra, attenti, lucidi nelle scelte e con molto ritmo. Di certo ci vogliono i Vipers visti ad ammirati nella prima parte dell’andata perché quelli “di Coppa” (vs Torre Pellice, ndr) avrebbero vita breve contro Fiala e compagni. All’andata siamo usciti a mani vuote e con la sensazione di aver subito un mezzo “furto con destrezza” e quindi abbiamo l’obbligo di ripetere quella prestazione sperando magari in un esito meno amaro. Dobbiamo continuare a crescere, non abbiamo nessun obbligo di risultato e questo ci deve dare la leggerezza mentale per affrontare senza timori sfide affascinanti come quella di sabato sera >>.

Arriva un altro fine settimana e per noi vuol dire solo una cosa: Campionato! Un turno che le squadre coinvolte vivranno in modo diverso, chi cercherà il riscatto e chi un’altra vittoria. Serve altro per catturare la vostra attenzione? Crediamo di no. Buon divertimento! 

 

Serie A- I risultati della 11ma giornata 
HC Milano - Lepis Piacenza 5-2
Diavoli Vicenza - Edera Trieste 8-0
Ghosts Padova - Monleale Sportleale 4-6
Cus Verona - Cittadella Hockey 7-5

Serie A - Il programma della 12a giornata (sabato 11 dicembre 2021)
Ore 18:00 Edera Trieste - Ghosts Padova (Arbitri: Grandini e Monferone)
Ore 18:45 CUS Verona - Ferrara Warriors (Zoppelletto e Niederegger)
Ore 19:30 Cittadella Hockey - Monleale Sportleale (Mancina e Stella)
Ore 20:30 Lepis Piacenza - Diavoli Vicenza (Liotta e Gufler S.)
Ore 20:30 Asiago Vipers - HC Milano (Marri e Gallo)

La classifica dopo undici giornate: HC Milano punti 32, Diavoli Vicenza punti 28, Asiago Vipers* punti 23, Ferrara Warriors* punti 21, Ghosts Padova punti 18, Monleale Sportleale e Cus Verona punti 12, Edera Trieste punti 9, Cittadella Hockey punti 7,  Lepis Piacenza punti 0

*una gara in meno

SEGUITECI:  

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV
WebTV:  https://bit.ly/31EwLqs o  Youtube 

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw
Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX
Instagram:  https://bit.ly/31JJXdo

Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF    




Credit Foto Vanessa Zenobini