instagramyoutubepinterestgoogleplus

Serie B settima giornata: In vetta tutto confermato, Modena si porta a ridosso del podio e Viareggio per un po’ sogna in grande

images/medium/ModenaMammuth_RitaFoldi-76.jpg

Ultimo giro per il campionato cadetto che con questo turno di campionato ripone, almeno per qualche settimana, i dischi nella sacca. Un fine settimana che voleva dire molto, tutti avrebbero voluto festeggiare nel migliore di modi questa sosta. Mettere sotto il proprio albero di natale quel pacco virtuale contenente tre punti. Diciamo che avrebbe aiutato a passare queste vacanze con più leggerezza, ma di certo con vittoria o sconfitta una cosa è certa: queste settimane saranno lunghe da trascorrere lontano dalle gare ufficiali. Il fine settimana ci ha comunque regalato cinque gare tutt’altro che noiose e se alcune potevano alla vigilia sembrare scontate, la pista ci ha dimostrato che bisogna sempre andarci cauti con i pronostici.
Le prime della classe filano dritte come fusi ma dietro di loro arriva un Modena che, nonostante abbia iniziato in sordina, allunga il passo e si mette in scia. Come al solito però non vogliamo dilungarci troppo e vi portiamo a fare un giro sulle piste interessate.

Le gare prima del riposo - A Civitavecchia gli Snipers hanno accolto la Libertas Forlì, una delle squadre più in forma in questo campionato. Va da sé che la gara sarebbe stata piena di insidie, ma i laziali non sono una formazione che si lascia facilmente intimorire e già alla vigilia il loro capitano aveva dichiarato che avrebbero dato tutto, soprattutto difronte il pubblico amico. I romagnoli però confermano il loro periodo positivo e dopo sei minuti mettono a segno un uno due che tramortisce i padroni di casa. Mazzoni si inventa due assist per Yahyaoui e Carboncini ed è 0-2, un risultato che lancia le quotazioni dei ragazzi di Rizzoli. Il Forlì commette penalità concedendo per ben due volte la superiorità, ma il Civitavecchia non riesce ad approfittarne e quando tutto sembrava rimandato al secondo tempo arriva l’assist di Mandolfo che manda a rete Luca Tranquilli per il momentaneo 1-2. Si va negli spogliatoi, il risultato è in bilico e la gara sembra ancora tutta da giocare. Al rientro in pista però è Carboncini tutto da solo e a far nuovamente allungare il passo ai suoi. Non passa molto ed arriva l’episodio che forse cambia le sorti della gara. Gli Snipers commettono fallo e Forlì prova ad approfittarne, ma neanche un minuto dopo la Libertas decide di emulare gli avversari e si gioca 3vs3. Gli spazi in campo si allargano e le occasioni di arrivare dalle parti dei portieri aumentano. Forlì non si lascia sfuggire di mano l’opportunità e ancora una volta con Carboncini (tripletta) festeggia una rete fondamentale. Un colpo duro per i padroni di casa che però si ravvivano due minuti dopo con Valentini che, servito da Luca Tranquilli, accorcia le distanze quando manca ancora metà del secondo tempo. In questa fase le panche punti si popolano per diverse volte e nonostante gli equilibri vengano rotti alternando i “favori” da una squadra all’altra, il Civitavecchia riesce a trovare il gol in superiorità solamente sul fischio della sirena. Un animato e divertente 3-4 che premia i biancoblu, saldamente al secondo posto in classifica, ma sopratutto la squadra che è risultata essere più cinica come ammette il presidente-giocatore Riccardo Valentini: <<le partite con Forlì sono sempre equilibrate, combattute e decise da pochi episodi. Loro sono stati più bravi a concretizzare le occasioni avute. È stata una partita intensa, siamo dispiaciuti di non essere riusciti a fare punti. Abbiamo ancora molti aspetti su cui lavorare>>. A commentare per la squadra romagnola ci pensa invece Martina Succi che dichiara: <<É stata una partita importante sia per il morale della squadra che ai fini della classifica. Siamo riusciti a mettere in campo un bel gioco nonostante siano ancora presenti delle criticità sulle quali lavoreremo. Andiamo in pausa natalizia con il morale alto, pronti ad affrontare al meglio le prossime partite>>.

Al Pala Sacca di Modena l’Invicta fa sua la gara contro i Mammuth Roma. I canarini venivano da una serie di incontri tirati contro Riccione e Vicenza, i romani dal canto loro tornavano in pista dopo una lunga sosta. Nonostante questo sono loro a passare in vantaggio con Trinetti dopo sei minuti di gioco. La gara è intensa, si pattina molto e si aggredisce ogni disco. I padroni di casa fanno gioco, i giallorossi si chiudono bene ma commettono fallo. L’attenzione deve essere massima e dopo qualche secondo la parità numerica in pista viene ristabilita per un fallo gialloblu. Proprio in questa occasione si concretizza non solo il pareggio, ma anche il vantaggio modenese grazie a due reti lampo a firma di Bortolai, su assist di Ganzerli, e poi di Sala. Le sorti della gara si ribaltano e per i Mammuth è tutto da rifare. Rossi e compagni ci provano, ma non riescono a passare tra le maglie difensive degli avversari che invece, quando mancano due giri di orologio al riposo, colpiscono nuovamente per due volte con Sala (doppietta) su appoggio di Milani e con Ganzerli assistito da Bartolai. Doccia fredda per gli ospiti che dal vantaggio si trovano ora sul 4-1. Sulla pista di Modena il recupero non è facile, la squadra di casa sa come difendere la propria porta e i Mammuth lo sanno bene. Riorganizzate le idee è tempo di rientrare e giocarsi la seconda parte di gara. I canarini riprendono a pressare e cercano l’affondo che arriva dopo quattro minuti a seguito di un batti e ribatti sotto porta che premia la caparbietà di Astolfi. Il risultato è ormai saldo nelle mani del Modena, ma Roma non molla cercando di riportarsi in gara e anche se non arriva il gol, i giocatori tentano fino alla fine di onorare questa ultima gara del 2021. 5-1 ma soprattutto tre punti per il Modena che balza avanti in classifica arrivando alle spalle di Forlì e Torre Pellice. La soddisfazione della vittoria è nelle parole di Romeo Ganzerli: <<Nel primo tempo abbiamo subìto un primo gol che ha aperto le marcature della partita, però non ci siamo scoraggiati ed abbiamo cominciato a fare il nostro gioco riprendendo il risultato. I Mammuth sono una squadra che da il massimo fino in fondo, ma noi siamo comunque riusciti a tenere il risultato fino alla fine>>. A fine gara invece è Filip Janus a rilasciare una dichiarazione per i giallorossi: <<Siamo partiti bene, dopo queste settimane di stop volevamo cercare di tenere un buon ritmo, ma nonostante il vantaggio abbiamo commesso troppe disattenzioni che soprattutto nel primo tempo ci hanno compromesso la gara. Una volta preso il largo il Modena ha difeso bene il vantaggio e per noi è stato difficile trovare gli spazi giusti per rientrare in partita>>.

Gara al cardiopalma in quel di Torre Pellice dove era in scena lo scontro diretto tra i padroni di casa ed i Fox Legnaro. Era attesa una gara tirata, non poteva essere altrimenti viste le protagoniste, ma anche se i ragazzi di coach Battaglia godevano dei favori del pronostico, i veneti hanno fatto in modo di rendere tutto più elettrizzante. I piemontesi passano subito in vantaggio con Penna e alla metà del primo tempo sono addirittura sul 3-0 grazie a Beccaria che prima segna e poi trova l’assist giusto per Viglianco. La serata sembra sorridere ai padroni di casa che chiudono però in inferiorità numerica la prima frazione di gioco. Al rientro in pista ci si attende ovviamente il ritorno degli ospiti, obbligati a crederci se vogliono tornare in partita e ci pensa Ometto, sfruttando proprio il residuo di power play, a suonare la carica. La gara è tirata e i portieri sono chiamati più volte in causa (al termine dell’incontro Cusin avrà subito 24 tiri e Morandin 29), ma si va verso la fase finale. Mancano meno di cinque minuti e Pietrobon decide di salire in cattedra e nel giro di poco accorcia le distanze raccogliendo un passaggio da Carron e poi pareggia facendo tutto da solo. Il Torre Pellice chiede il time out, deve spezzare il momento favorevole del Legnaro e si prepara e difendere a denti stretti. Gli occhi delle panchine e degli spettatori iniziano a guardare con sempre più insistenza il tabellone, i secondi che passano sembrano fare un rumore frastornante, ma a 01’17” Beccaria decide che quest’anno il Natale arriva prima al Filatoio e regala ai suoi compagni la rete della vittoria. 4-3 da “infarto” che però manda in vacanza il Torre Pellice con il secondo posto in classifica, una gara che si è complicata ma è il risultato che conta come ci racconta Alessandro Viglianco: <<Abbiamo fatto un buon primo tempo, giocando con intelligenza e senza lasciare occasioni al Legnaro. Nel secondo tempo è cambiato totalmente l'atteggiamento degli avversari e noi ci siamo seduti facendoci recuperare di tre gol. Abbiamo comunque portato a casa i tre punti ed era ciò che contava>>. Comprensibile dispiacere invece nel commetto dell’autore delle reti della rimonta Mattia Pietrobon: <<La partita non è stata una delle nostre migliori, la squadra ha iniziato a giocare bene solo dopo il secondo tempo a seguito di un inizio disastroso. Peccato per questi tre punti che ci avrebbero fatto comodo per salire in classifica. Sarebbe stato importante arrivate quanto meno all’over-time. Ora ci aspetta un periodo di pausa, dove è necessario allenarci bene, per portare a casa sei punti e terminare al meglio il girone d’andata>>.

Le gare della domenica - Sul litorale toscano era attesa la capolista. A Viareggio l’arrivo del Tergeste incuriosiva non poco, sia per vedere come sarebbe andata questa gara “testa-coda”, ma anche per rivedere in pista la formazione di coach Bellini costretta da settimane allo stop forzato. Evidentemente la voglia di tornare a giocare in campionato era tanta e tale che ha spinto il Viareggio a dare tutto e forse anche qualcosa di più dato che sono loro a rompere gli indugi e andare in vantaggio con Podda dopo solo due minuti. La risposta della capolista non tarda ad arrivare e poco dopo Battisti trova il pareggio che lascia per un attimo pensare alla solita gara monologo. Il Viareggio commette fallo per ben due volte e il Tergeste al secondo tentativo riesce a trovare il vantaggio con Fink. In 4vs4 i padroni di casa sembrano riuscire a contenere il gioco dei giuliani, ma pagano ancora una volta l’inferiorità e concedono la terza rete all’asse Fabietti-Mariotto. In chiusura di tempo i ragazzi di coach Poloni allungano il passo e si portano sul 1-4 con Leben che raccoglie da Grusovin, ma il Viareggio ha lo slancio di orgoglio per accorciare la distanze con Podda su assist di Lilli. Negli spogliatoi i toscani avranno pensato che come giornata non è poi così male, ed hanno fatto bene perché in effetti non è cosa da poco frenare la veemenza del Tergeste. Una volta con i pattini in pista riprende il botta e risposta. Se da una parte Grusovin appoggia per la rete di Nicholas Angeli, dall’altra è ancora Podda (tripletta) a farsi supportare da Lilli e tenere in corsa i propri compagni. Un pomeriggio emozionante alla Palestra Apuana di Viareggio, ma il sogno di rimonta dei padroni di casa si infrange sul gol nuovamente di Nicholas Angeli (doppietta) che ringrazia per la seconda vota Grusovin. Nonostante l’insistenza di tiri da parte dei Tigers, il risultato si ferma qui, un 3-6 che consolida il loro primato in classifica, ma fa comunque sorridere il Viareggio che esce dalla pista consapevole di aver disputato un’ottima gara. Il commento a caldo ci arriva da Martin Grusovin che con i suoi tre assist si rende protagonista della vittoria della formazione giuliana: <<È stata una bella partita, più complicata del previsto. A causa del campo molto scivoloso e degli avversari che hanno combattuto su ogni disco non siamo riusciti ad imporre il nostro gioco fin da subito. Nonostante tutto abbiamo portato a casa il risultato e ci prepariamo per dare il massimo per le prossime due partite che chiuderanno la prima parte del campionato>>.

Ci aspettavamo una gara tirata e dal difficile pronostico e così è stato. A Riccione i Corsari hanno contenuto a fatica i Castelli Romani penalizzati forse anche da un roster troppo “tirato”. I laziali si presentano infatti con solo sei giocatori di movimento, ma come sempre puntano su una buona fase difensiva senza disdegnare nelle scorribande verso la porta avversaria. Il primo tempo corre via veloce e lascia poco spazio nel rifiatare, serve dunque un power play per spostare gli equilibri. Mancano due minuti alla sirena che darà ristoro a fisico e mente, ma i Castelli Romani fanno fallo e i Corsari quando ormai si contano i secondi alla fine passano in vantaggio con Fabrizioli su assist di Murro. Prima dell’intervallo però anche i romagnoli si accomodano in panca puniti e il secondo tempo inizierà con la superiorità degli ospiti. Pochi minuti dunque per riorganizzarsi, tirare un respiro profondo e ributtarsi nella mischia. Un giro di orologio e Terelle appoggia a Tamburri per il pareggio che riapre la partita. Le cerniere delle panche puniti a forza di aprirsi non cigolano più, si capisce che la gara si sta riscaldando e ancora una volta i padroni di casa approfittano dell’occasione per passare in vantaggio con un passaggio di Muccioli che Fabrizioli (doppietta) concretizza. Se però Riccione è brava a colpire in power play, lo stesso di può dire dei Castelli che neanche un minuto dopo passano con Calabrese che raccoglie da Tamburri e rimette l’ago della bilancia al centro. I laziali si fanno vedere di meno verso la porta difesa da Luca Romagnoli, ma quando lo fanno sanno essere pericolosi. Siamo al nono della seconda frazioni e Muccioli sigla il vantaggio corsaro, una rete che stavolta sembra far sbandare i gialloneri che non riescono a reagire come in precedenza. Mancano una manciata di minuti al termine e Brunetti, su assist di Longhi, chiude definitivamente la gara sul 4-2 e dà il via ai festeggiati per la vittoria ed i primi tre punti in classifica.

Ora lasciamo che tutti si riposino un po’, magari dando possibilità di allenarsi in modo mirato per tornare in pista più carichi di prima, ma non vediamo l’ora che arrivi gennaio per riprendere con le ultime gare del girone di andata. Siamo certi che il nuovo anno ci riserverà tante sorprese.

 

Serie B – I risultati della 7a giornata (sabato 11 dicembre 2021)
CV Skating - Libertas Forlì 3-4
Invicta Modena - Mammuth Roma 5-1
Old Style Torre Pellice - Fox Legnaro 4-3
I risultati di domenica 12 dicembre 2021
SPV Viareggio - Tigers Tergeste 3-6
Corsari Riccione - Castelli Romani 4-2

La classifica dopo sette giornate: Tigers Tergeste punti 21, Libertas Forlì e Torre Pellice punti 18, Invicta Modena punti 15, Fox Legnaro punti 12, CV Skating* punti 6, Corsari Riccione**, Mammuth Roma e Castelli Romani punti 3, SPV Viareggio* punti 0
*una gara in meno
** due gare in meno

SEGUITECI:    

Risultati live: https://bit.ly/31DBpEV

Web TV:  https://bit.ly/31EwLqs o  Youtube   

Su Fisr.it: https://bit.ly/2MG6oMw

Facebook: https://bit.ly/2ZnFCMX
Instagram: https://bit.ly/31JJXdo
Twitter: https://bit.ly/2Ph9bNF

Credit foto Rita Földi