instagramyoutubepinterestgoogleplus

Andorra: l’Italia chiude con 44 medaglie gli Europei di pattinaggio artistico

images/medium/Giada_Luppi_-_European_Champion_2022.jpg

Giornata conclusiva ad Andorra, con le categorie Junior e Senior impegnate nel lungo della Coppia e del Singolo.

Con 12 ori, 18 argenti e 14 bronzi, l’Italia si conferma Nazione di punta nel pattinaggio artistico ed è pronta per l’ultimo impegno internazionale con i World Skate Games di Buenos Aires a fine ottobre.

In mattinata abbiamo sentito Sara Locandro, Direttore Siri Artistico: “Come ogni anno ci stiamo preoccupando di organizzare i corsi allenatori di primo, secondo e terzo livello che sono quelli che ci interessano di più perché diamo una base comune a tutti. Questi corsi sono nati proprio per mettere gli allenatori in condizioni di inserirsi e collaborare con le società, garantendo loro l’assicurazione e la tessera. È chiaro che questi corsi sono stati pensati per far conoscere a tutti le specialità dell’artistico e quindi le ore sono divise fra singolo, coppia artistico, solo, coppia dance e gruppi: specialità che, magari, un atleta che ha fatto singolo o danza non conosce. Vogliamo dare loro la possibilità di conoscerle tutte e, soprattutto, di scegliere la strada in cui vorranno cimentarsi come allenatori. Sono praticamente corsi di base. Spesso si dice che sono corsi che tutti riescono a superare. Ma è giusto che tutti riescano a superarli perché questo significa un’apertura per una visione futura che prevede corsi di aggiornamento, dove vengono specializzati sempre di più gli allenatori e che si fanno ogni due anni; la possibilità di recarsi agli stage federali; di avere un consulente che permetta di intraprendere delle strade con cui si allenano gli atleti della Nazionale; e comunque di documentarsi e imparare come abbiamo fatto noi “vecchi allenatori”. Quando abbiamo cominciato non c’era una scuola, ma ci recavamo a tutte le gare e filmavamo ai Mondiali: mi ricordo questi viaggi in Nuova Zelanda e in Australia, pur di imparare e di vedere cosa facevano gli americani e i tedeschi che erano, in quel momento, al top. Oggi, la scuola dà una base di conoscenza di tutte le specialità: dopo di che, ci sono i corsi di aggiornamento. Per anni abbiamo sperato di fare dei Master: ci sono stati dei problemi ma è una speranza che non abbandoniamo. Potrebbero essere degli studi superiori e di livello con corsi di biomeccanica e coreografia, ad esempio: un approfondimento generale per gli allenatori che ci si volessero dedicare. Gli allenatori sono la nostra forza: devono capire che hanno una responsabilità da prendere in mano e che devono continuare, sia per passione che per una questione di professionalità, la strada che noi abbiamo aperto e che in questo momento ha bisogno di forze nuove, di gente entusiasta, di gente che vuole raggiungere degli obbiettivi!”
Le prossime date per i corsi sono fine di novembre per il secondo e terzo livello, mentre il primo livello si terrà a metà dicembre.

Per quanto riguarda le gare di oggi, aprono le competizioni Junior delle Coppie, Sartori e Di Punzio che, sulle musiche della Red Army Choir, sono i primi a scendere in pista: i 64.94 punti e la seconda posizione del lungo non sono sufficienti per risalire la classifica finale e si posizionano sul terzo gradino del podio con 92.34 totali. Carta e Chimetto, sulle musiche di Armand Amar “La tere vue du ciel” e un punteggio di 59.96, portano a casa l’Argento con 117.73. Campioni d’Europa sono Matilde Caputo e Davide Campoli che ottengono 92.81 punti per il lungo sulla colonna sonora di “Star Wars” per un totale di 154.87.

Junior Pairs
1. Matilde Caputo/Davide Campoli - Ita (154.87)
2. Laura Carta/Alex Chimetto - Ita (117.73)
3. Anna Sartori/Andrea Di Punto - Ita (92.34)

È quindi il momento delle Coppie Senior: Piazzi e Bozzini scendono in pista con un medley della colonna sonora di “West Side Story” e, con 97.66 sul lungo e 148.04 totali, conquistano l’Argento. Locuratolo e Rrapushi, sul medley di Cristina Aguilera, con 85.09 punti sul lungo, perdono una posizione: è comunque medaglia, anche se di Bronzo, con un punteggio finale di 143.91. Oro per Micol Mills e Tommaso Cortini con “Tribal Africa”: 101.56 sul lungo e 170.79 punti totali per i Campioni d’Europa Senior.

Senior Pairs
1. Micol Mills/Tommaso Cortini - Ita (170.79)
2. Alice Piazzi/Alessandro Bozzini - Ita (148.04)
3. Caterina Locuratolo/Aldo Rrapushi - Ita (143.91)

Nel Singolo donne Junior, le italiane Pizzingrilli, Fiori e Rocco partono dal quinto, sesto e nono piazzamento dopo lo short con, rispettivamente 54.86, 48.27 e 38.50 punti. La prima a scendere in pista è Giulia Rocco sulla colonna sonora di “Colazione da Tiffany”: con 61.61 punti nel lungo e 100.11 totali, guadagna una posizione e si piazza ottava. Gioia Fiori con un medley da “Toruk: The first flight” del Cirque du Soleil ottiene un secondo posto nel lungo con 96.28 punti e risale la classifica finale: con 144.51 punti totali, è Bronzo! Federica Pizzingrilli, con la “Carmen” di Bizet ottiene il quarto posto nel lungo con 85.76 e nella classifica finale con 140.62.

Junior Ladies Free
1. Siria Bella Gallardo – Spa (174.61)
2. Anouk Vizcarro Tomas – Spa (151.61)
3. Gioia Fiori – Ita (144.55)

Negli Junior maschi, Chimetto guidava la classifica provvisoria con 72.66 punti nel programma corto; quinto e sesto piazzamento provvisorio per Kevin Bovara (63.22) e Campoli (62.72). Jacopo Campoli con “Freud: l’inconscio” ottiene 101.40 e conferma il sesto posto dello short con 168.16 totali; Kevin Bovara sulla colonna sonora di “Lucifer” si piazza quarto nel lungo con 104.94 e quinto nel ranking totale con 168.16. Il “Napoleone” di Alex Chimetto, sulle musiche di Anzovino e Pellicciani, ottiene 102.13: si posiziona quarto con 174.79.

Junior Men Free
1. Luca Yanez Perez - Spa (203.05)
2. Aleix Bou Bravo – Spa (197.41)
3. Arnau Perez Montero – Spa (175.42)

Giada Luppi e Micol Zangoli, rispettivamente prima (77.17) e terza (57.89) dopo lo short, devono difendere le posizioni dalla spagnola Escrich Sole e dalla portoghese Almeida.
La Zangoli, con “My jolly Sailor Board” di Ashley Selena, è la prima delle italiane a entrare in pista: per lei quarto posto nel lungo con 85.79 punti e quarto posto finale con 143.68. Grande rimonta della spagnola Pajaron che dal quinto posto del corto, sale sul terzo gradino del podio. La Luppi con un medley di Christina Aguilera, chiude la competizione della categoria: è Oro con 110.64 nel lungo e 187.81 punti totali.

Senior Ladies Free
1. Giada Luppi – Ita (187.81)
2. Carla Escrich Sole – Spa (171.18)
3. Claudia Aguado Pajaron – Spa (144.30)

I Senior maschi chiudono il Campionato Europeo 2022; Alessandro Liberatore era secondo nello short con 83.90; settimo e nono, Gelao (65.56) e Sarnataro (68,57). Vincenzo Sarnataro, con un mashup di Woodkid, ottiene 109.46 punti nel lungo, per un punteggio finale di 166.03 e nona posizione finale. Danilo Gelao, con l’arrangiamento della “Boheme” di Charles Aznavour, si piazza quarto nel lungo con 126.00 e quinto nella classifica finale con 191.56 punti totali. Alessandro Liberatore, su un mix di boleri (Hecho/Stornetta/Ravel), con 97.86 per i Technical Elements e 55.21 per i Components, totalizza 153.07 per il lungo – primo posto nel lungo - e 236.97 totale: per pochi centesimi è Argento!

Senior Men Free
1. Hector Diez Severino – Spa (237.26)
2. Alessandro Liberatore – Ita (236.97)
3. Diogo Antonio Craveiro – Por (206.77)

Con un preziosissimo carico di medaglie (e prospettive) riparte per l’Italia, la Nazionale del CT Fabio Hollan, insieme ai Tecnici Azzurri che ci hanno accompagnato in questa avventura europea – Luca D’Alisera, Cristina Moretti, Raffaello Melossi, Mariarita Zenobi e Patrick Venerucci. Un doveroso ringraziamento va, ovviamente, al nostro bene più grande: gli atleti! Ma non dimentichiamo i tecnici, i giudici, le società e le famiglie che con la loro dedizione hanno contribuito alla crescita e all’affermazione del pattinaggio italiano nel mondo.
Infine, un grazie agli instancabili delegati Paolo Zaniboni e Matteo Merlo e al Dottor Marco Di Domenico.

Per chi si fosse perso il live, è possibile rivedere i podcast sulla World Skate Europe Tv
Risultati e ordine di entrata in pista sono consultabili qui

Foto di Raniero Corbelletti