Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

Le maratone chiudono l'Europeo in Portogallo. Bilancio finale del ct Presti

images/medium/IMG_7869.jpg

Si chiudono con le maratone i Campionati europei di pattinaggio corsa Allievi, Junior e Senior di Canelas, in Portogallo. Un evento che ha visto fin da subito la Nazionale italiana piazzarsi in testa al medagliere conquistando 59 medaglie totali di cui: 27 d’oro, 12 d’argento e 20 di bronzo. Dietro di noi la Francia e al terzo posto la Spagna. 

Per quanto riguarda i 42 chilometri Junior/Senior donne podio senza azzurri con la francese Marine Lefeuvre prima, seguita dalle due tedesche Josie Hofmann e Katharina Rumpus. Tra i colleghi maschi un indomabile Daniele Di Stefano ottiene un argento che vale come un oro. Primo posto per Nolan Beddiaf (Francia) e terzo per Felix Rijhnen (Germania). 

“È stata una gara molto veloce, a tratti nella discesa si sono toccati i 55 chilometri orari - è il commento del 21enne di Roma Daniele Di Stefano alla sua prima medaglia europea in maratona -. All’inizio ho provato ad inserirmi in qualche fuga, ma non ci sono riuscito. Successivamente mi sono posizionato alle spalle del leader portoghese Diogo Marreiros sperando di arrivare in volata. Bravo anche il mio compagno di squadra Giuseppe Bramante che ha più volte provato la fuga”. 

Infine a fare un bilancio in casa azzurra della competizione europea è il ct Massimiliano Presti che spiega: “Posso parlare di un campionato da incorniciare, frutto del lavoro capillare svolto in collaborazione con il settore tecnico, con le società e con gli allenatori durante tutto il periodo della pandemia. Nella categoria Allievi sia i ragazzi, sia le ragazze sono stati fantastici: si sono dimostrati un gruppo di altissimo livello. E le Allieve, pur rimanendo in quattro, sono riuscite a non far perdere di qualità alla categoria. Per quanto riguarda gli Junior, un plauso particolare va alle ragazze che si sono distinte al di sopra di ogni aspettativa conquistando numerose medaglie. Per i colleghi maschi mi sento di dire che abbiamo dominato nella velocità, mentre nelle prove di fondo abbiamo faticato parecchio. E per finire la categoria regina dei Senior, competitiva ad alti livelli in entrambe le specialità; per questo siamo riusciti a mettere al collo svariate medaglie che hanno contribuito a posizionare la Nazionale italiana al primo posto del medagliere generale. Chiudo ringraziando lo staff azzurro che si è distinto con grande professionalità e i tecnici che lavorano tutto l’anno per portare questi ragazzi a certi livelli”.