Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubepinterestgoogleplus

CHIUSA LA PRIMA FASE DI COPPA DEL MONDO

Con la gara di Mondovì si è chiusa la prima fase di Coppa del Mondo di skiroll che ha visto una doppia trasferta iniziata in Francia nei comuni Hate Maurienne Vanoise e continuata in Piemonte nelle province di Cuneo e Torino. Segnali positivi sono giunti in vista dei mondiali e della classifica finale di coppa per gli atleti capitanati da Matteo Sironi. Senior Maschi In Piemonte gli organizzatori sono stati lo sci club Valle Pesio, i Pattinatori Città di Cuneo, sci club Valanga e S.C. Angrogna guidati da Sergio Gola e da Enrico Coucourde aiutati da Corrado Borello e Pier Carlo Iacopini. Si è iniziato mercoledì 29 giugno sotto la pioggia nel prologo in classico a San Giacomo di Roburent. E i nostri hanno occupato tutti e tre i posti del podio con Paredi, Gola e Bonaldi, ma nei primi sette sono 6 gli italiani presenti. Il giorno successivo a Torino al parco del Valentino si fa sentire il caldo estivo e nell’inseguimento arriva il russo che non ti aspetti Denisov partito con 1’2” di svantaggio da Paredi ma che giro dopo giro riesce a rientrare fino a vincere la volata finale. Qualcuno dice che è mancata la collaborazione tra i nostri atleti, altri dicono che tutti dovevano avere la chance di vittoria. Simone Paredi ha provato a non farsi raggiungere e soltanto nell’ultima parte della gara veniva raggiunto dagli inseguitori Bonaldi, Pizzutto, Bianchi, Impola a cui si aggiungeva nel finale il russo. Vittoria dunque per Denisov, 2° Glauco Pizzutto, 3° Simone Paredi, 4° Sergio Bonaldi, 5° Eugenio Bianchi. Andrea Gola incappava in una giornata no che lo faceva precipitare in 19^ posizione. Giornata di pausa occasione per riposarsi e per ricaricare le pile. Si riparte sabato 2 luglio con un tempo autunnale da Prato Nevoso con una sprint molto impegnativa di 230 mt che presenta un buon dislivello. Il miglior tempo lo fa il norvegese Andresen con il tempo di 24”21 ma la sorpresa è il 2° posto di Mirco Ceolan distanziato di 56/100 anche lui alpino paracadutista con Emanuele Sbabo ora in sevizio a Verona. 3° Alessio Berlanda a 75/100, 4° Folco Pizzutto a 1”01/100 e 5° Emanuele Sbabo a 1”02/100. Grande Italia che piazza 4 sprinter nei primi 5 ottimo segnale in vista mondiali di Kristiansund. Nei primi sedici troviamo anche Glauco Pizzutto e Simone Paredi a completare lo squadrone italiano. La finale del 3° posto vede Pizzutto contro Ceolan, ma Folco cade prima della metà del percorso e Mirco conclude in solitaria e sale per la prima volta sul podio in coppa del mondo. Nella finalissima Andresen va subito in testa e controlla l’avversario e compagno di sfide Berlanda. Alessio appare rinunciatario e il vikingo allunga e sprigiona tutta la sua potenza che si esprime nel finale con un urlo liberatorio. Ragnar Bragvin Andresen ha dimostrato su questo percorso di non avere rivali vedremo alla prossima puntata di Bad Peterstal su un percorso sicuramente meno in salita rispetto a quello di Prato Nevoso. Infine la team sprint sul percorso cittadino di Mondovì test importante per vedere la preparazione delle squadra in vista della staffetta di Kristiansund. La categoria senior maschile deve affrontare due semifinali per definire le 10 squadre che prenderanno parte alla finale. L’Italia schiera ben sette squadre, ormai fuori dai giochi la Germania. Alle 11:30 parte la finale e sulla prima salita è la Norvegia a guidare il gruppo compatto. Al secondo giro soltanto Italia F è leggermente staccata e costringe Andrea Gola ad un forcing per riprendere il gruppo. All’inizio del terzo giro gruppo compatto, ma Giovanni Gerbotto fa fatica a tenere il gruppo e costringe Andrea Gola a spendere molto nella frazione successiva per riportarsi sul gruppo. Al quarto giro non tengono il gruppo di testa Italia F e Italia D. Al quinto giro situazione invariata con Denisov che guida il gruppo per la Russia. Ultimo giro è Denisov (Russia B) a cambiare per prima seguito a poca distanza da Francia, Russia A e dalle nostre tre squadre più titolate. Seguono a pochi metri Svezia e Norvegia. Nella lunga discesa Emanuele Sbabo allunga e riesce a contenere Denisov nel suo rientro. All’arrivo Emanuele vince con un paio di metri sull’inseguitore russo. Glauco Pizzutto ha la meglio sulla Francia a seguire Russia A, Svezia e Italia C. Segnali positivi sono giunti dagli junior maschi che vedono Emanuele Becchis vincere la sua prima gara di coppa del Mondo nella sprint di Prato Nevoso. Ora occupa il 5° posto nell'assoluta di coppa del Mondo. Ottimi piazzamenti anche nella categoria junior femminile con la vittoria di Lisa Bolzan che si conferma la sprinter più in forma del momento. Al momento occupa la 5^ posizione nell'assoluta di coppa del mondo. Maggiori difficoltà arrivano dalle senior femminile al momento lontane dalla zona podio.